Insectta, una startup di Singapore, usa gli insetti per trasformare la spazzatura in un tesoro

Ma lei non è una normale agricoltrice, e questi non sono animali normali.

Chua e la sua compagna, Phua Jun Wei, hanno fondato la startup Insectta nel 2017. Combattono la crisi dello spreco alimentare a Singapore con l’aiuto di un improbabile alleato: il bruco della mosca soldato nero.

“Il concetto alla base di Insectta è che nulla è sprecato”, ha detto Chua. “I rifiuti possono essere reimmaginati come una risorsa se cambiamo il modo in cui pensiamo ai nostri metodi di produzione e il modo in cui li gestiamo”.

Nel 2020, Singapore sono nato 665.000 tonnellate di rifiuti alimentari, di cui solo il 19% è stato riciclato.

Chua ha detto che l’azienda alimenta le larve di mosca soldato nero fino a otto tonnellate di rifiuti alimentari al mese, compresi i sottoprodotti ricevuti dalle piante di soia e dai birrifici, come l’okara e il grano esaurito.

Insectta può quindi essiccare le larve in mangime per animali, trasformando le feci degli insetti in fertilizzante agricolo.

Mentre ci sono molte aziende che usano gli insetti per la gestione dei rifiuti, tra cui Goterra, Better Origin e AgriProtein, Insectta estrae più dei loro prodotti agricoli dalle mosche soldato nere. Finanziata dal Fondo Trendlines Agrifood e da sovvenzioni governative, Insectta acquista biomateriali di alto valore dai sottoprodotti di questi bruchi.

“Durante la nostra ricerca e sviluppo, ci siamo resi conto che molti biomateriali preziosi che hanno già un valore di mercato possono essere estratti da queste mosche”, ha detto Chua a CNN Business. La startup spera che i suoi biomateriali rivoluzioneranno l’industria dei prodotti a base di insetti e cambieranno il modo in cui vediamo i rifiuti.

insetti per i biomateriali

Quando le larve crescono, formano un bozzolo, che appare dopo circa 10-14 giorni come una mosca completamente sviluppata. Insectta ha sviluppato una tecnologia proprietaria per estrarre biomateriali dall’esoscheletro che lasciano.

Questo avvio crea & # 39 ;  reale & # 39;  Caseificio senza mucche

Uno di questi prebiotici è il chitosano, una sostanza antimicrobica con proprietà antiossidanti che viene talvolta utilizzata in cosmetici e prodotti farmaceutici. Insectta mira a produrre alla fine 500 kg di chitosano al giorno e sta ora collaborando con il gruppo Spa Esprit con sede a Singapore per utilizzare il chitosano nei propri rinfreschi.

READ  I ricercatori sudafricani stanno osservando attentamente un altro nuovo tipo di coronavirus

Insectta sta anche collaborando con il marchio di maschere per il viso Vi-Mask, che spera di utilizzare il chitosano della mosca soldato nera per creare uno strato antimicrobico all’interno dei suoi prodotti.

Attualmente, Vi-Mask utilizza il chitosano dei gusci di granchio nel rivestimento delle maschere per il viso. La società afferma che il passaggio al chitosano a base di insetti è una mossa rispettosa dell’ambiente, poiché il chitosano di Insectta proviene da fonti più sostenibili.

Una fonte più sostenibile

Al giorno d’oggi, i gusci di granchio sono una delle principali fonti di chitosano, secondo Thomas Hahn, ricercatore presso l’Istituto Fraunhofer per l’ingegneria interfacciale e la biotecnologia in Germania.

Han ha Studio Produzione di chitosano a base di insetti con l’ingegnere chimico e biologa Susan Zebeck. Secondo Zybeck, il chitosano può sostituire addensanti sintetici e conservanti nei cosmetici.
I primi prodotti realizzati con chitosano Insectta sono attualmente in fase di sviluppo.  Chua afferma che la startup sta ora cercando ulteriori collaborazioni nelle industrie cosmetiche e farmaceutiche.
Estratto di chitosano dai crostacei Include Processi chimici e grandi quantità di acqua. Chua ha affermato che le tecniche di estrazione di Insectta includono meno sostanze chimiche, come l’idrossido di sodio, rispetto ai processi di estrazione tradizionali, rendendolo un’alternativa più sostenibile.

Zibek ha affermato che il mercato dei biomateriali per insetti crescerà man mano che le aziende cercheranno di ridurre il loro impatto ambientale.

“C’è un cambiamento nella consapevolezza dei consumatori e le persone vogliono prodotti sostenibili”, ha aggiunto. “Possiamo supportare questo sostituendo i prodotti sintetici con il chitosano”.

Superare il “fattore totale”

Per espandere il mercato dei materiali per mosche soldato nere, Insectta deve sfidare lo stigma contro gli insetti.

“Quando le persone pensano ai vermi, la prima cosa a cui pensano è che sono grossolani e dannosi per le persone”, ha detto Chua. “Mettendo al primo posto i benefici, possiamo spostare il ‘fattore totale’ delle persone”.

Chua dice che le mosche soldato nere non mordono e crescono molto rapidamente, rendendo gli insetti ideali per l'agricoltura urbana.
C’è continuo discussione scientifica Sulla coscienza degli insetti. Ma Foa ha detto che allevare mosche soldato nere è più umano e sostenibile che allevare bestiame, poiché gli insetti hanno bisogno di meno acqua, energia e spazio crescere.

Invece di gestire le proprie fattorie, Insectta prevede di vendere le uova agli allevamenti locali di mosche soldato nero e raccogliere gli esoscheletri prodotti da queste fattorie per estrarre successivamente i biomateriali.

READ  L'agenzia umanitaria afferma che tre membri del personale di MSF sono stati uccisi nel Tigray, in Etiopia

“Non vogliamo solo che gli insetti nutrano il mondo, vogliamo che gli insetti nutrano il mondo”, ha aggiunto Foa.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *