Inter, con Inzaghi e Lautaro il futuro è ancora al Top

L’addio di Antonio Conte, le dolorose cessioni di Lukaku e Hakimi hanno creato inizialmente un certo malumore nei tifosi dell’Inter. Tutto però è cambiato nel giro di quindici giorni, grazie al brillante avvio di stagione dei nerazzurri. Le prospettive future di Lautaro e compagni hanno virato nuovamente in positivo: l’Inter è ancora competitiva.

Con l’arrivo di Simone Inzaghi in panchina, sembra essere tornato il sereno alla Pinetina. Sono state sufficienti le convincenti prove contro Genoa e Verona, per rinfrancare ambiente e tifosi. L’Inter gioca, diverte ed ha mostrato di possedere anche quest’anno una rosa competitiva per poter puntare al bis in campionato. Un giudizio che trova d’accordo gli addetti ai lavori, con i nerazzurri tornati nuovamente favoriti insieme alla Juventus. Per una conferma basta dare uno sguardo ai principali bookmakers online. Tra questi, è possibile individuare il miglior sito di scommesse in Italia che quota le due formazioni entrambe a 3.00 come vincente scudetto. Prima dell’inizio della Serie A, i bianconeri erano quotati a 2.25, i nerazzurri a 3.50. Un bel salto in avanti per l’Inter, aiutata anche dal pessimo inizio di campionato della Vecchia Signora e dal repentino addio ai colori bianconeri di Cristiano Ronaldo.

Un inizio di stagione che ha evidenziato come Simone Inzaghi sia stato molto bravo a trovare il giusto feeling con il gruppo. A contribuire al buon avvio in testa alla Serie A dopo due partite, anche le scelte oculate fatte sul mercato da Marotta & Co., bravi nel sostituire alcuni dei pilastri dello scudetto dello scorso anno.

L’olandese Dumfries è stato scelto al posto di Hakimi passato al Psg. Ancora poco impiegato, poiché il tecnico Inzaghi ha preferito affidarsi nelle prime due giornate a Darmian, prediligendo al momento una soluzione più sicura. Dopo la sosta, non mancheranno le occasioni per valutare il nazionale “Orange”.

READ  Julian Corbett in lutto: l'ospite è stato molto toccato dal sostegno del suo pubblico dopo la morte di sua madre

Per sostituire lo sfortunato Eriksen è stato invece scelto un Calhanoglu svincolato e sottratto tempestivamente al Milan. L’ottimo inizio di stagione del turco, giocatore di quantità e qualità, rappresenta un altro colpo azzeccato dalla dirigenza nerazzurra.

La rivoluzione più importante è stata però registrata in attacco dopo l’addio di Romelu Lukaku. Per la sua sostituzione, sono stati presi due giocatori affidabili e di qualità: Dzeko dalla Roma e Correa dalla Lazio. Il debutto è stato positivo, entrambi a segno nella prima partita in cui sono stati impiegati. Dzeko ha chiuso la gara contro il Genoa realizzando il quarto gol,  Joaquin Correa è stato determinante nel ribaltare la complicata trasferta di Verona.

L’ex tecnico della Lazio dispone dunque di una rosa completa, ha differenti soluzioni tattiche da adottare in base agli avversari da affrontare, ha impattato nel modo migliore l’ambiente nerazzurro. I prossimi incontri, dopo il rientro dalla sosta (Samp in campionato, Real Madrid in Champions), saranno utili per capire la reale forza della nuova Inter di Inzaghi.

You May Also Like

About the Author: Dario Calabresi

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *