Jamie Spears chiede di pagare le spese legali per la tenuta di Britney – Hollywood Correspondent

Matthew Rosencourt, l’avvocato di Britney Spears, ha chiamato la petizione di Jamie Spears affinché l’eredità della cantante continui a pagare le sue spese legali, descrivendo la richiesta come “vergognosa”.

Archiviato il 15 dicembre negli atti del tribunale giornalista di Hollywood, Jamie ha chiesto alla corte di coprire i costi della sua rappresentanza legale, affermando che stavano “prendendo parte ai procedimenti relativi alla cessazione degli attuali obblighi di fiducia di Jamie”.

“È necessario pagare immediatamente gli onorari degli avvocati di Jamie, per garantire che i Conservatori consentano a lei e Britney di controllare la propria vita come desidera, in modo rapido ed efficiente”, afferma la petizione.

Come parte dei termini di un conservatorio, la cantante ha pagato sia le spese legali che quelle di suo padre, e in qualsiasi momento lo ha portato in tribunale per l’accordo legale. Si è conclusa a settembre, quando Jamie ha presentato una petizione per porre fine al suo mantenimento in tribunale, prima di essere sospeso dalla sua posizione di conservatore di cantanti pop, iniziata nel 2008. I Conservatori di Britney sono stati ufficialmente sospesi da un giudice di Los Angeles a novembre.

“La richiesta è vergognosa”, ha detto Rosenkard in una dichiarazione sulla petizione di Jamie THR. “Il signor Spears ha raccolto milioni di dollari da Britney come conservatore, pagando anche milioni ai suoi avvocati, tutti grazie al lavoro di Britney e ai soldi guadagnati duramente.

Ha aggiunto: “Il Conservatorio è stato sospeso e il sig. Spears è stato sospeso in disgrazia. In questo caso, la sua petizione non è solo legalmente inammissibile, ma anche disgustosa. Britney ha testimoniato con passione sul dolore che suo padre le ha causato, e questo aggiunge altro. Un padre che ama sua figlia non lo fa.

READ  L'imminente biografia di Porsche Williams Dettagli dell'incontro sessuale "abusante" con Kelly

I querelanti sostengono che “le passività fiduciarie dovute a Jamie non si sono concluse con la sua sospensione o ordine di sospensione dei conservatori” e che sarebbe stato soggetto a “distruzione per proteggere il fallimento personale e pretese infondate” per non aver finanziato la sua rappresentanza legale.

“Se un conservatore costringe un conservatore a pagare personalmente ingenti spese legali per difendere accuse infondate, nessuno vorrebbe essere ritenuto responsabile come conservatore”, afferma la petizione.

“Jamie non deve sacrificare il suo interesse personale per proteggere la gestione del patrimonio, e ogni sua azione è stata compiuta con il consiglio e il consenso di altri in questi procedimenti, compreso il tribunale”, continua il deposito.

A seguito delle richieste di Britney nell’ultimo decennio, che hanno raggiunto il loro apice pubblico l’anno scorso, suo padre dovrebbe essere rimosso come sua persona e tutore della proprietà. Durante l’udienza in tribunale di giugno, Britney ha parlato da sola in tribunale, condividendo, tra le altre cose, di essere stata “scioccata” dal conservatorismo “abusante” dopo aver fatto un tour e aver cambiato le sue medicine. La cantante pop ha affermato di aver paura di suo padre e che non avrebbe mai più recitato “se suo padre fosse stato responsabile della sua carriera”.

In uno degli ultimi pubblicati New York Times Indagine, Sono state sollevate domande sul fatto che coloro che avevano accesso ai fondi di Britney, in particolare il suo ex business manager Lou Taylor e suo padre, si fossero arricchiti in modo improprio durante i 13 anni in cui Jamie aveva servito come guardia del corpo del cantante.

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *