Kentaro Miura temeva che non avrebbe terminato il suo lavoro prima della sua morte

La sfortunata morte di Kentarou Miura è stata annunciata ieri sera, quindi la storia di Berserk è rimasta incompleta, e ora lo abbiamo in un’intervista due anni fa tramite il famoso mangaka sulla sua paura di non riuscire a finire il suo cantiere.

La suddetta intervista è stata condotta nel 2019 dall’editore francese Glénat e ripresa da Le Monde, con Miura che ha commentato quanto segue: “Prego Dio di poter completare Berserk per il resto della mia vita. Quando ho iniziato la serie Mi preoccupava meno la sua fine piuttosto che raccontare una storia. Finirà comunque, prima o poi. Ma oggi mi rendo conto che la vita non è eterna, quindi cercherò di completare la serie prendendomi cura della mia salute “.

Il 22 gennaio 2021 è stato pubblicato l’ultimo volume di Berserk, un’opera che ha senza dubbio lasciato il segno sui lettori di tutto il mondo.

Come accennato, l’account Berserk Project su Twitter ieri sera ha rivelato che Kenaro Miura è morto il 6 maggio a causa di una dissezione aortica acuta, ma hanno deciso di attendere la diffusione della notizia che ha interessato l’intera industria degli anime e dei manga.

Parlando dell’argomento, questo era un omaggio del giocatore di Final Fantasy XIV al defunto mangaka.


Javier Flores Villarreal è un fan di buoni videogiochi, film, serie, automobili e musica. Puoi trovarlo su Twitter nel modulo Incorpora un Tweet.

READ  Gloria Estefan celebra un nuovo volto in un documentario uscito questo fine settimana

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *