La Cina è ancora pronta a lanciare Bitcoin e altre criptovalute

Prima le società minerarie, poi le banche e gli scambi di criptovalute – e ora gli appelli anti-cripto vanno direttamente al popolo cinese.

Il fatto che la Cina stia preparando la propria valuta digitale della banca centrale (CBDC) e quindi intraprendendo azioni molto coerenti contro bitcoin e criptovalute non è una tesi molto ripida. Le misurazioni passate e attuali mostrano la direzione in cui dovrebbe andare il volo.

Appelli urgenti al popolo cinese

I nostri colleghi di Cointelegraph È arrivato tramite un interessante “briefing” in cui la banca centrale cinese (People’s Bank of China) ha sottolineato che la Cina avrebbe continuato ad agire con “grande pressione” contro il commercio di criptovalute.

In una conferenza stampa, il vicedirettore della protezione dei consumatori presso la Banca centrale cinese (PBoC), ha sottolineato, Yin YupingAvvertimento:

Ricordiamo ancora una volta che le valute virtuali come il bitcoin non hanno corso legale e non hanno valore reale

Youping descrive le transazioni di criptovaluta come pura congettura e un appello al pubblico che dovrebbe “aumentare la consapevolezza del rischio, stare fuori di testa e proteggere le proprie tasche”. Tali avvertimenti non dovrebbero essere intesi come raccomandazioni amichevoli, quanto linee guida chiare per operare in Cina.

Il difensore dei consumatori ha annunciato che la banca centrale cinese manterrà una posizione di alta pressione contro bitcoin e altre criptovalute e continuerà ad agire contro le transazioni relative alle valute virtuali. Secondo Yin Yuping, “misure rigorose imposte sull’uso delle valute virtuali” rimarranno all’ordine del giorno in Cina in futuro.

Il briefing del 27 agosto 2021 è disponibile integralmente ho letto qui. Un must per chi è un po’ fuori esercizio nel trattare con la lingua cinese Google Traduttore sa cosa fare.

READ  Il figlio di Baron Cartel, Cali, fa causa a Netflix

La valuta della banca centrale digitale cinese senza concorrenza

La Cina è molto avanti nelle valute della banca centrale digitale (valuta digitale CBDC) e ha utilizzato lo yuan digitale in diversi mercati e scenari di test per mesi.

I notevoli progressi compiuti negli ultimi mesi potrebbero aver contribuito alla decisione di consentire gradualmente l’aria dalle criptovalute non statali. La Cina vuole aiutare lo yuan digitale a fare un salto di qualità, sicuramente a livello nazionale, oltre che transfrontaliero. Ovviamente bitcoin e altre criptovalute sono solo una seccatura. Sebbene CBDC e Bitcoin non siano direttamente comparabili, la Cina non ha certo interesse a lasciare la popolazione a bocca aperta: lo yuan digitale è stato fissato e quindi anche la legge.

Inoltre, la valuta digitale cinese è anche un progetto prestigioso per il Paese. Il formidabile vantaggio con cui la Cina ha da tempo lasciato gli Stati Uniti e l’Europa sarà effettivamente mostrato al mondo alle Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino. Lì, lo yuan digitale viene utilizzato come metodo di pagamento ufficiale. La competizione sul ghiaccio e sulla neve alle Olimpiadi non può essere impedita, ma la competizione per lo yuan digitale sì. Questo è esattamente ciò su cui la Cina sta attualmente lavorando.

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *