La crisi indiana del Covid-19 è stata aggravata da insidie ​​e compiacimento

NUOVA DELHI – Quando l’anno scorso il Coronavirus ha colpito l’India per la prima volta, il Paese ne ha imposto uno Le misure di blocco nazionali più severe al mondo. L’avvertimento era chiaro: una rapida diffusione a una popolazione di 1,3 miliardi sarebbe devastante.

anche se Dannoso E il Finalmente difettoso, Il blocco e altri sforzi sembravano avere successo. Gli infortuni sono diminuiti e le morti rimangono basse. I funzionari e il pubblico hanno abbandonato la loro cautela. Gli esperti hanno avvertito invano che l’approccio casuale del governo porterà a una crisi quando emergerà una nuova ondata.

Adesso la crisi è qui.

Venerdì l’India ha riportato un record giornaliero di 131.878 nuove infezioni mentre il virus Covid-19 è andato fuori controllo. La mortalità, sebbene ancora relativamente bassa, è in aumento. Le vaccinazioni sono un compito enorme in una nazione così grande, Pericolosamente in ritardo. I letti d’ospedale sono a corto.

Alcune parti del paese stanno rafforzando i blocchi. Gli scienziati si stanno affrettando a rintracciare nuovi ceppi, comprese le varianti più pericolose che si trovano in essi Gran Bretagna E il Sud Africa, Questo potrebbe accelerare la diffusione. Tuttavia, le autorità hanno annunciato che rintracciare i contatti in alcuni luoghi è semplicemente impossibile.

Gli esperti dicono che l’autocompiacimento e l’errore del governo hanno contribuito a trasformare l’India da un’apparente storia di successo a uno dei luoghi più colpiti al mondo. Gli epidemiologi avvertono che il continuo fallimento in India avrà ripercussioni globali.

Ma i politici indiani, ancora scossi dai dolori del recente blocco nazionale, hanno per lo più evitato importanti restrizioni e sono tornati a tenere grandi manifestazioni, inviando messaggi contrastanti al pubblico. Il lancio del vaccino in India è stato ritardato e segnato da battute d’arresto, nonostante la posizione del paese come principale produttore farmaceutico.

L’enorme numero di infezioni durante la prima ondata ha portato alcuni a credere che il peggio fosse passato. La giovane popolazione indiana, che è meno incline ai sintomi e alla morte, ha creato idee sbagliate sull’entità del danno che un’altra epidemia potrebbe causare.

Ciò di cui l’India ha bisogno ora è una leadership coordinata e coerente per contenere l’infezione e guadagnare tempo per rendere i vaccini più ampiamente disponibili e più veloci, affermano epidemiologi ed esperti.

“Il comportamento pubblico e il comportamento manageriale sono importanti”, ha affermato il Dr. K Sreenath Reddy, Presidente della Public Health Corporation of India. “Se facciamo qualcosa per sei settimane, o quattro settimane, e poi dichiariamo la vittoria e apriamo di nuovo la porta, siamo nei guai”.

READ  Vaccino Bhutan 93% degli adulti idonei in meno di due settimane: Aggiornamenti contro il coronavirus: NPR

L’India afflitta frenerà lo sforzo globale. Il governo ha limitato le esportazioni di vaccini alle esigenze speciali del paese. Se le vaccinazioni non si accelerano, l’India impiegherà più di due anni per vaccinare il 70% della sua popolazione, ha affermato il dottor Ramanan Laxminarayan, direttore del Center for Disease Dynamics, Economics and Policy, con sede a Washington e Nuova Delhi.

“La dimensione dell’India dominerà le cifre globali – il modo in cui il mondo si esibirà con Covid dipenderà in larga misura dalle prestazioni dell’India in Covid”, ha affermato il dott. Laxminarayan. “Se non finisce in India, non è davvero finita nel mondo”.

Giovedì il premier Narendra Modi ha minimizzato la possibilità di un altro blocco a livello nazionale, spingendosi invece verso “piccole aree di contenimento”. Ha detto che l’India potrebbe contenere una seconda ondata con “test, monitoraggio, trattamento e comportamento appropriati per COVID-19”.

I funzionari lunatici hanno accusato la cattiva gestione da parte dei governi statali e la presa in giro dei residenti delle misure di sicurezza come maschere e allontanamento sociale, per la nuova ondata.

Le radici della crisi indiana risiedono nella crisi precedente. Il coronavirus ha colpito duramente il paese e l’India ha avuto a lungo il secondo maggior numero di infezioni dopo gli Stati Uniti. (è un Adesso dietro Stati Uniti e Brasile). Il contraccolpo economico derivante dal blocco che ne è derivato è stato devastante.

Ma i numeri all’epoca sottovalutavano la prima ondata, Gli scienziati dicono oraE le morti in India non hanno mai raggiunto i livelli degli Stati Uniti o della Gran Bretagna. I leader hanno iniziato ad agire come se il problema fosse stato risolto.

Ma questa volta i miglioramenti nella capacità di test hanno portato a conteggi più accurati. È possibile che il virus si sia diffuso attraverso alcune popolazioni come i poveri urbani, infettando tra i 300 ei 500 milioni di persone, secondo le stime del dottor Laxminarayan. Sebbene possano aver ottenuto un livello di immunità, il virus ha innescato una pausa per infettare gli altri.

“La cosa triste è che in un paese come l’India si possono avere 400 milioni di infezioni, ma questo significa che 900 milioni di persone non sono ancora infette”, ha detto il dott. Laxminarayan.

Anche i dati sulla mortalità erano fuorvianti. I dati ufficiali mostrano circa 167.000 morti, o 0,04 per 100.000 persone, un tasso sorprendentemente basso rispetto ad altri paesi. Ma circa due terzi della popolazione qui ha meno di 35 anni. Il dott. Laxminarayan ha affermato che i tassi di mortalità tra le persone di età compresa tra 45 e 75 anni potrebbero essere uguali o peggiori rispetto a quelli di Italia, Brasile e Stati Uniti.

READ  La Turchia ha annunciato un "blocco totale" dal 29 aprile per frenare la diffusione del Coronavirus

La preparazione dell’India per il vaccino è stata peggiore di quanto sembrava. Per mesi lo è stato India Serum Institute, Uno dei maggiori produttori di vaccini al mondo, vanta una grande scorta del vaccino Oxford-AstraZeneca, che costituisce la maggior parte della campagna del paese. Anche il governo ha licenziato un Diplomazia dei vaccini Questo ha inviato dosi ad altri paesi.

Ma il lancio iniziale in India è stato Rallentato dall’autocompiacimento e tormentato dallo scetticismo generale, Comprese le domande sul vaccino Oxford-AstraZeneca e la sua non divulgazione Dose avanzata indiana. Ora il programma di vaccinazione non corrisponde alla prevalenza. Il Serum Institute ha affermato che quasi tutta la sua produzione giornaliera di circa 2 milioni di dosi andrà al governo nei prossimi due mesi, ritardando gli impegni verso altri paesi.

Molti stati indiani sono ora preoccupati di essere a corto di scorte di vaccini. Mumbai, la città più grande dell’India, ha chiuso più della metà dei suoi centri di vaccinazione. Lo hanno riferito i media locali di venerdì. Il ministro della Salute al governo centrale ha criticato gli stati, rassicurando che non ci sarebbe stata carenza e che si stavano preparando più rifornimenti.

Tuttavia, molte persone si sono tolte le maschere e hanno ripreso la loro vita normale.

Sudhir Mehta, il coordinatore della risposta lì, ha detto a Pune, uno dei luoghi più colpiti nel duro stato del Maharashtra, atteggiamenti rilassati e una grande percentuale di casi asintomatici hanno esacerbato la diffusione della malattia. La regione di circa 10 milioni di persone ha segnalato più di 12.000 nuovi casi venerdì, mentre il numero di morti cumulativo ha superato 10.000. In una lettera al governo centrale, il signor Mehta ha descritto la trasmissione come così dilagante che rintracciare i contatti è quasi impossibile.

“Ci sono molti casi lievi in ​​cui le persone non sono nemmeno consapevoli di avere Covid”, ha detto il signor Mehta in un’intervista. (Il tasso di positività al test nel Maharashtra la scorsa settimana è stato di un quarto, rispetto a una media nazionale di circa l’8%.)

Alcune pose rilassanti vengono dall’alto. I massimi leader dell’India, che hanno adottato pubblicamente vaccini per sostenere gli sforzi di vaccinazione, hanno esortato le persone a prendere precauzioni anche quando lo sono Segui il percorso della campagna Per le elezioni statali. Il premier Modi ha tenuto un discorso in più di 20 manifestazioni, ognuna delle quali ha coinvolto migliaia di persone spesso smascherate.

READ  Vaccini Covid: l'India è uno dei primi 10 acquirenti al mondo ma ha ancora un posto abbastanza vicino

Mercoledì, i funzionari di Delhi hanno affermato che anche un automobilista solitario sarebbe stato punito per non aver indossato correttamente la maschera. stesso giorno, Amit Shah, il leader de facto del Paese n. 2, Ha incrociato una folla di una campagna nel Bengala occidentale, agitando senza maschera e lanciando petali di rosa.

Il governo ha anche dato il via libera a una lunga festa religiosa indù da lui richiesta Kumbh Mela, Che durerà fino alla fine di aprile. Ogni giorno tra uno e cinque milioni di persone partecipano al festival ad Haridwar, sulle rive del fiume Gange, nello stato dell’Uttarakhand.

Ha detto Tirath Singh Rawat, primo ministro dello stato Nessuno dovrà affrontare restrizioni Perché “la fede in Dio vincerà la paura di COVID-19”. Giorni dopo, il signor Rawat è risultato positivo al Covid.

Il dottor Arjun Singh Singer, funzionario sanitario del festival, ha affermato che il tasso di positività per i test randomizzati è in aumento al festival e più di 300 partecipanti sono risultati positivi.

La velocità della nuova infezione ha sorpreso i funzionari sanitari, che si chiedono se le varianti potrebbero essere un fattore. La risposta a questa domanda sarà difficile. L’India ha sottoposto solo l’1% circa dei suoi casi a test di sequenziamento del genoma, secondo il dottor Reddy, della Public Health Foundation of India, ma i ricercatori chiedono almeno il 5% per determinare cosa è in circolazione.

Finora, il governo ha trovato varianti dal Regno Unito e dal Sud Africa, nonché un boom interno. Il dottor Reddy ha affermato che le informazioni limitate indicano che anche in India si stanno diffondendo varianti infettive.

Anche se le varianti non sono una parte importante della nuova ondata di infezioni, hanno gettato un’ombra su una campagna di vaccinazione cruciale in India. Il vaccino AstraZeneca è stato rifiutato dal Sudafrica in quanto inefficace contro questa variante.

Vinod K. Paul, capo della task force indiana in risposta a COVID-19: “Questa volta, la velocità è stata molto più veloce dell’ultima volta”. “Le prossime quattro settimane sono molto cruciali per noi”.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *