La Gran Bretagna, stremata dalla Brexit, si trova in una nuova crisi con l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea

LONDRA – Ci sono poche cose che hanno più probabilità di mettere i denti sull’orlo di una scogliera a Downing Street rispetto al vincitore provvisorio di un’elezione tedesca inconcludente che ha dichiarato che la Brexit è la ragione per cui i britannici si sono allineati alle stazioni di servizio come nel 1974.

Ma c’era Olaf Schulz, il leader della SPD, lunedì ai giornalisti La libertà di movimento garantita dall’Unione Europea avrebbe alleviato una carenza di camionisti in Gran Bretagna che impedisce alle compagnie petrolifere di rifornire le stazioni di servizio in tutto il Paese.

“Abbiamo lavorato molto duramente per convincere gli inglesi a non lasciare l’Unione”, ha detto Schulz quando gli è stato chiesto della crisi in Gran Bretagna. “Ora decidono diversamente e spero che affrontino i problemi che ne derivano”.

Alla gente comune, la critica del signor Schulz può sembrare una notizia vecchia. La Gran Bretagna non sta più discutendo l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Quasi tutti sono stati stremati da questo problema, e invece la pandemia ha consumato il Paese, come il resto del mondo.

Ma il coronavirus, e mesi di arresti economici che ha imposto, hanno anche mascherato i modi in cui la Brexit ha interrotto il commercio. Quel travestimento è svanito lo scorso fine settimana quando le stazioni di servizio erano in tutto il paese La benzina sta finendo, scatenando il panico e le linee tortuose degli automobilisti in cerca di rifornimento.

Anche se sarebbe sbagliato attribuire una crisi con ripercussioni globali esclusivamente alla Brexit, ci sono indiscutibili ragioni specifiche della Brexit: della carenza stimata di 100.000 camionisti, circa 20.000 conducenti non britannici hanno lasciato il paese. non è stato restituito in parte a causa dei requisiti di visto post-Brexit più severi per lavorare nel paese, che sono entrati in vigore quest’anno.

Il primo ministro Boris Johnson ha ammesso questo quando ha detto percorso inverso Lo scorso fine settimana ha offerto 5.000 visti di tre mesi ai conducenti stranieri per cercare di rinnovare i ranghi (con autisti militari pronti a guidare camion di carburante, una mossa che deve ancora prendere).

READ  Il miliardario cinese condannato a 18 anni per "aver causato problemi"

“Hai modelli di business che si basano sulla tua capacità di assumere lavoratori da altri paesi”, ha affermato David Hennig, esperto di politica commerciale per il Centro europeo per l’economia politica internazionale, un istituto di ricerca. “Hai improvvisamente ridotto il tuo mercato del lavoro a un ottavo delle dimensioni che aveva in precedenza. C’è l’impatto della Brexit sui modelli di business che non hanno avuto il tempo di adeguare”.

Johnson ha avvertito che le interruzioni delle forniture potrebbero durare fino a Natale, anche se i problemi più gravi alle stazioni di servizio hanno iniziato a svanire martedì. Il governo spera che i normali modelli di acquisto riprendano ora che gli acquirenti ansiosi hanno riempito i loro armadi.

Questa non è la prima interruzione del commercio che colpisce la Gran Bretagna da quando ha lasciato il mercato unico nel 2020. I produttori di ostriche britannici hanno perso interi mercati nell’Unione europea a causa delle nuove normative sanitarie. I consumatori britannici sono rimasti scioccati dalle tariffe esorbitanti sulle spedizioni di caffè gourmet dall’Italia.

Ma questa è la prima interruzione da quando la vita è tornata a una parvenza di normalità dopo 18 mesi di restrizioni pandemiche. Le scuole sono aperte. I lavoratori si trasferiscono negli uffici; Il campo sportivo è affollato nei fine settimana. In questo senso, è la prima crisi post-Brexit non messa in ombra dagli effetti del coronavirus.

È anche geograficamente selettivo. Le stazioni di servizio nell’Irlanda del Nord, che ha un confine aperto con la Repubblica d’Irlanda (membro dell’Unione Europea), non segnalano acquisti di panico. Allo stesso modo, l’Irlanda del Nord non è stata colpita dalla recente carenza di forniture di CO2 perché gli impianti di imbottigliamento della soda hanno accesso alle spedizioni dall’Europa continentale.

Tuttavia, la Brexit ha rappresentato molto poco nel dibattito pubblico. Ciò riflette in parte la presenza di reliquie epidemiologiche. In parte perché anche altri paesi, dalla Germania agli Stati Uniti, stanno affrontando interruzioni della catena di approvvigionamento, carenza di manodopera e aumento dei prezzi del petrolio e del gas.

READ  Donna bandita dallo zoo dopo una relazione malsana con uno scimpanzé

Ma riflette anche la natura intransigente del dibattito sulla Brexit. Dopo quattro anni e mezzo di ostilità, anche i più ardenti oppositori della Brexit mostrano poca volontà di spostare il referendum del 2016. I sostenitori della Brexit trovano sempre altri colpevoli di cattive notizie.

“I sostenitori della Brexit crederanno sempre che la Brexit fosse giusta, ma sono stati i politici infidi a rovinare le cose”, ha affermato Tony Travers, professore di politica alla London School of Economics. “Sono stati anche fortunati a poter incolpare la pandemia per tutto”.

I giornali filo-governativi riconoscono che la Brexit ha avuto un ruolo nella carenza di manodopera. Ma hanno sottolineato la necessità del governo di mostrare competenza nell’affrontare la crisi piuttosto che gli ostacoli strutturali posti dalla nuova situazione della Gran Bretagna. In un editoriale di martedì, il Times di Londra ha avvertito Johnson che la crisi potrebbe scuotere la fiducia nel suo governo.

“Non c’è niente di più profondo della paura di non poter mettere le mani sulle necessità della vita”, ha detto il Times. Quello che vedrà il pubblico è un governo che ha perso il controllo. E per un governo eletto con la promessa di riprendere il controllo, questo è particolarmente dannoso”.

Per Johnson il precedente preoccupante è il governo laburista di Tony Blair. In un periodo di due settimane nel 2000, ha visto il suo vantaggio nell’opinione pubblica svanire quando i camionisti hanno chiuso le raffinerie per protestare contro l’aumento dei prezzi del petrolio, provocando una crisi dell’approvvigionamento di carburante non dissimile da quella attuale.

Martedì, in un’intervista televisiva, Johnson ha cercato di calmare i nervi, affermando che la carenza di manodopera era un problema globale e non ha fatto menzione della Brexit.

“Vorrei solo esortare tutti a fare i propri affari nel modo normale e a riempire il modo normale quando ne hai davvero bisogno”, ha detto.

Il sostegno pubblico alla Brexit è leggermente aumentato nei sondaggi di opinione all’inizio di quest’anno Dopo il successo della Gran Bretagna nel lancio dei vaccini contro il virus Corona. Alcuni hanno attribuito alla sua indipendenza dalla burocrazia di Bruxelles la capacità del governo di garantire i vaccini e di ottenere una rapida approvazione per essi.

READ  Commento sugli abusi del presidente argentino: "I brasiliani sono fuori dalla boscaglia"

I politici pro-Brexit hanno usato un argomento simile per giustificare il turno di Johnson sui visti. Inizialmente, il governo ha respinto l’idea perché ha affermato che una maggiore concorrenza per la manodopera avrebbe aumentato i salari per i conducenti britannici. Ora, hanno detto quelle persone, la Brexit ha rafforzato la capacità della Gran Bretagna di accogliere gli stranieri alle sue condizioni.

“Essere in grado di rilasciare più visti se e quando la nostra economia ne ha bisogno è esattamente ciò che significa ‘riprendere il controllo’. Certo che dovremmo!” Liam Fox, il deputato conservatore che ha servito come segretario al commercio sotto il primo ministro Theresa May, ha detto in una dichiarazione Tweet su Twitter.

Ciò presuppone che gli stranieri siano disposti ad accettare le condizioni del governo, che nel caso dei visti per camionisti includono un limite di tre mesi che potrebbe scoraggiare molti potenziali conducenti.

Per il Labour, che questa settimana tiene la sua conferenza annuale nella località balneare di Brighton, la crisi del carburante dovrebbe essere una grande opportunità per mostrare i fallimenti del governo. Tuttavia, con poche eccezioni, il leader di partito Non sono riusciti a trovare la loro voce. Ricorda le discussioni precedenti, in cui le profonde divisioni del partito sulla Brexit hanno ostacolato la sua capacità di resistere al governo.

“Sono rimasto colpito dalla riluttanza dei lavoratori a seguirli”, ha detto Anand Menon, professore di politica europea al King’s College di Londra. “Puoi alludere alla Brexit senza dire Brexit. Puoi dire che questo è dovuto all’accordo sul commercio dei rifiuti che ha fatto il Partito Conservatore”.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *