La Grecia abbatte il muro al confine con la Turchia tra i timori della crisi dei migranti afghani

Venerdì i ministri del governo greco hanno fatto un giro della recinzione e hanno affermato che il rovesciamento del governo afghano ha dato maggiore urgenza ai loro sforzi per frenare il flusso di migranti attraverso i suoi confini.

Il paese è stato al centro della crisi migratoria europea a metà del 2010, quando milioni di rifugiati provenienti da Siria, Afghanistan e Iraq si sono recati nel continente. Da allora la Grecia ha adottato una linea dura, Respinte le richieste della Turchia E le organizzazioni internazionali per consentire a più migranti di attraversare i loro confini.

“La crisi afghana crea nuove realtà nella sfera geopolitica e allo stesso tempo crea possibilità per i flussi migratori”, ha affermato il ministro greco per la protezione dei cittadini Michalis Chrysodis in una dichiarazione del governo dopo un tour del muro di confine completato venerdì. E noi come Paese non possiamo rimanere passivi sulle potenziali conseguenze”.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha parlato venerdì con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis dell’Afghanistan, ha detto il governo turco.

In un’intervista televisiva il giorno prima, ha esortato l’Unione europea ad aiutare i rifugiati dal paese. “Se in Afghanistan non sarà possibile determinare un periodo di transizione, la pressione sulla migrazione, che ha già raggiunto livelli elevati, aumenterà ancora di più e questa situazione rappresenterà una seria sfida per tutti”, ha affermato Erdogan.

La posizione impenitente del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che sta affrontando critiche per la caotica rimozione delle sue truppe in Afghanistan da parte degli Stati Uniti, potrebbe Leader in preda al panico in Europa Coloro che sono rimasti indietro si stanno preparando per una possibile emergenza di rifugiati.

Migliaia di afgani hanno cercato di lasciare il paese la scorsa settimana, da quando i talebani hanno portato a termine una conquista del potere sorprendentemente rapida, ponendo fine a due decenni di coinvolgimento degli Stati Uniti nel paese.

Folle di disperati locali si radunano all’aeroporto di Kabul in cerca di un posto sui voli militari occidentali. Coloro che non possono andarsene affrontano un ritorno al regime repressivo dei talebani, che ha cacciato le donne dalle strade e dai luoghi di lavoro e ha usato la pena di morte per crimini tra cui adulterio femminile, omosessualità e rinuncia all’Islam. Quando è stata l’ultima volta al potere tra il 1996 e il 2001.

“La nostra decisione… di difendere e proteggere i nostri confini”, ha detto Chrysokoides. “I nostri confini rimarranno sicuri e inviolabili. Non permetteremo movimenti disordinati e irregolari e non permetteremo alcun tentativo di violarli”.

Anche prima che i talebani prendessero il controllo dell’Afghanistan, La pandemia ha esacerbato la crisi dei migranti. Nel 2016 è stato raggiunto un accordo tra la Turchia e l’Unione europea per impedire ai migranti di viaggiare dal Medio Oriente verso l’Europa, ma l’anno scorso la Turchia ha accettato di consentire ai migranti di attraversare il continente, Dicendo che “ha raggiunto la capacità”.

I due paesi condividono un confine all’estremità nord-orientale della Grecia, che è spesso meta di richiedenti asilo che viaggiano attraverso l’Asia occidentale. Ci sono anche molti modi per raggiungere la Grecia via mare.

READ  Perché si verificano gli incendi boschivi: sfatare il mito che gli incendiari siano dietro questa tendenza in crescita

L’anno scorso, diversi migranti sulle barche hanno dichiarato alla CNN di essere stati espulsi dalla Grecia, un’accusa che Atene ha ripetutamente negato. L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha esortato la Grecia a indagare sulle denunce di rimpatri ai confini del Paese.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *