La mela si sbaglia. La morte del fulmine è una buona notizia per tutti

La Commissione Europea ha deciso di presentare una proposta legislativa per renderlo vincolante Un tipo standard di caricabatterie per la maggior parte dei dispositivi mobili. Ciò vale, tra l’altro, per smartphone, tablet, fotocamere e console di gioco portatili. L’eccezione saranno gli e-reader e i caricabatterie wireless. Tutto questo per rendere la vita più facile ai consumatori.

È difficile non essere d’accordo con le parole di Marguerite Vestager, vicepresidente di Europe Fits the Digital Age. Le aziende hanno avuto molto tempo per elaborare e implementare uno standard comune. Quasi tutti ci sono riusciti, e solo Apple si attacca ancora alla propria spina Lightning, e anche allora si applica solo ai telefoni Apple.

Foto: mela

I nuovi iPad hanno anche eliminato Lightning. È il momento dell’iPhone.

Personalmente, sono molto soddisfatto del recente passo compiuto dalla commissione. Possiedo quattro caricabatterie diversi e li uso quasi tutti i giorni. Carico il mio iPhone e iPad con un cavo con un terminale Lightning, le cuffie e il power bank sono un’uscita micro USB, il telefono aziendale e lo smartphone della mia ragazza usano USB-C e di recente ho dovuto acquistare un nuovo caricabatterie PS Vita, che viene fornito con uno standard di ricarica diverso. Tutti questi dispositivi e cavi occupano spazio e richiedono collegamenti e scollegamenti costanti, il che potrebbe portarmi alla mia passione per i calzolai. perché tutto questo? Forse solo così Apple può fare soldi vendendo caricabatterie e centinaia di adattatori diversi. Ma vediamo anche altri argomenti avanzati dall’azienda americana.

READ  La narrazione non è completamente lineare

Secondo Apple, la standardizzazione dei caricabatterie per dispositivi mobili avrà impatti ambientali negativi. Tutti i cavi e i caricabatterie Lightning diventeranno improvvisamente inutilizzabili e finiranno nelle discariche. È corretto? non esattamente.

Innanzitutto, i caricabatterie esistenti continueranno a essere utilizzati per caricare i dispositivi più vecchi. Non tutti cambiano telefono ogni anno, come probabilmente sogna un’azienda americana, quindi gran parte dei consumatori non sarà interessata dai cambiamenti per qualche tempo. Inoltre, è noto che i prodotti Apple si vendono bene nell’aftermarket e chiunque cerchi di acquistare un iPhone usato avrà bisogno anche di un caricabatterie adeguato. Inoltre, i cavi di ricarica non sono indistruttibili. Ai loro utenti non sempre interessa, quindi in molti casi la sostituzione sarebbe avvenuta comunque, indipendentemente dalla decisione finale della commissione.

Data la popolarità dello standard USB-C, è anche difficile per me immaginare che anche le famiglie dominate da Apple non abbiano uno o due di questi caricabatterie. Anche la stessa Apple ha contribuito a rendere popolare l’USB-C installando tali uscite nei nuovi iPad.

La partenza di Apple da Lightning potrebbe essere dovuta al progetto AirPower.

Foto: Komputer Świat

La partenza di Apple da Lightning potrebbe essere dovuta al progetto AirPower.

Il secondo argomento di Apple è leggermente diverso. L’azienda ritiene che uno standard uniforme rallenterà l’innovazione. E qui posso essere d’accordo con l’azienda americana, ma qualche anno fa. Innanzitutto, l’USC-C non sporge in alcun modo dal connettore Lightning ed è altrettanto simmetrico. In secondo luogo, le tecnologie wireless sono ampiamente ritenute il futuro della ricarica mobile e non sono soggette al coordinamento proposto dalla Commissione europea. La nuova legge potrebbe spronare Apple a fare il prossimo passo avanti e creare un iPhone senza porte. Così facendo, l’azienda statunitense evita l’obbligo di adottare lo standard USB-C. Apple avrà due anni per rispondere, perché il periodo di adozione nell’Unione Europea è di soli 24 mesi.

READ  Anche i dischi rigidi potranno utilizzare l'interfaccia NVMe 2.0 ultravelocefast

I capi Apple possono piangere e urlare, ma la nuova legge che li attende è una grande mossa dell’Unione Europea. Ne beneficeranno i consumatori e l’ambiente, e perderà solo l’azienda che ha sempre preferito rendere la vita difficile ai propri clienti. Dati i ricavi di Apple, la perdita non sarebbe troppo dolorosa per l’azienda e gli azionisti avrebbero qualcosa da cui asciugarsi le lacrime.

You May Also Like

About the Author: Dario Calabresi

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *