La NASA ha rivelato la possibilità che un asteroide Bennu entri in collisione con la Terra

AME8068. Los Angeles (Stati Uniti), 08/11/2021. Un’immagine computerizzata fornita dal Goddard Space Flight Center della NASA che mostra una simulazione della traiettoria dell’asteroide Bennu. EFE/NASA Goddard Space Flight Center.

Nel 2019, la paura si è diffusa in tutto il pianeta dopo che vari media hanno annunciato la realtà di ciò che potrebbe essere Presunto impatto dell’asteroide 2007 FT3 il 3 ottobre di quell’anno. Tuttavia, quando venne il giorno, non ci fu tale effetto.

Oggi, dopo quasi due anni, la NASA ha nuovamente messo in guardia gli abitanti della Terra sul possibile impatto di un asteroide sul pianeta; Ora, la verità è, come ha spiegato l’agenzia spaziale statunitense, Sebbene l’asteroide possa schiantarsi, le probabilità che accada sono basse e ci vorranno circa 280 anni da oggi.

L’eroe di questa nuova “allerta” spaziale è l’asteroide Bennu, che, sebbene la NASA lo definisca “potenzialmente pericoloso”, è la stessa entità che assicura che questo nome sia realizzato attraverso un semplice protocollo, perché in realtà non c’è molto da temere con questo oggetto spaziale.

Secondo un rapporto pubblicato dalla NASA, grazie ai dati raccolti dalla navicella spaziale OSIRIS-REx, è stato possibile “comprendere meglio i movimenti dell’asteroide Bennu potenzialmente pericoloso fino all’anno 2300”, ed è stato in grado di “ridurre le incertezze sulla sua orbita futura. E migliorare la capacità degli scienziati di determinare la probabilità di impatto complessivo e la previsione di altre orbite di asteroidi”.

“Stiamo facendo questo sforzo attraverso studi astronomici in corso che raccolgono dati per scoprire oggetti precedentemente sconosciuti e per migliorare i nostri modelli orbitali per loro. La missione OSIRIS-REx ha fornito una straordinaria opportunità per perfezionare e testare questi modelli, aiutandoci a prevedere meglio dove sarà Bennu quando si avvicinerà alla Terra tra più di un secolo.ha spiegato Kelly Fast, direttore del Near-Earth Object Observation Program presso la sede della NASA a Washington.

READ  La migrazione da Android a HarmonyOS sarà semplice, trasparente e senza perdita di dati

In primo luogo, è stato stabilito che Bennu avrà il suo primo approccio alla Terra nell’anno 2135, sebbene ciò non rappresenti un pericolo latente per il pianeta. Tuttavia, il fatto che questo asteroide sia ancora così lontano quell’anno, i dati del suo punto esatto nell’universo in quel momento sono importanti perché aiuteranno gli scienziati a “capire l’esatto percorso di Bennu durante quell’incontro”. Per prevedere come la gravità terrestre cambierà il percorso dell’asteroide intorno al sole e influirà sul rischio di collisione“.

foto di Del asteroide Bennu.  Dic 2, 2018. NASA/Goddard/Università dell'Arizona/Dispensa via Reuters
foto di Del asteroide Bennu. Dic 2, 2018. NASA/Goddard/Università dell’Arizona/Dispensa via Reuters

Così, dopo aver ottenuto i dati da OSIRIS-REx, la NASA, grazie a “NASA’s Deep Space Network e gli ultimi modelli di computer”, è stata in grado di determinare che Per l’anno 2300, la probabilità che Bennu colpisca la Terra è di circa 1 su 1750, che è dello 0,057%.

“Sebbene le probabilità che entri in collisione con la Terra sono molto basse, Bennu è ancora uno dei due asteroidi più pericolosi conosciuti nel nostro sistema solare, insieme a un altro asteroide chiamato 1950 DA”, ha detto la NASA.

Ora, David Farnocchia, portavoce del Center for Near-Earth Object Studies (Cneos) della NASA, è intervenuto in difesa della calma spiegando che sebbene le probabilità che un asteroide colpisca la Terra siano più alte di quanto si pensasse in precedenza, I nuovi risultati sono ancora troppo bassi per preoccuparsi.

“Non sono più preoccupato per Bennu più di prima (…) Il potenziale di impatto è ancora bassodisse Farnocchia.

In questo modo, sia la NASA che i suoi scienziati stanno fornendo un pezzo di rassicurazione su Bennu, non solo per questa generazione (che non ha nulla di cui preoccuparsi), ma anche per le generazioni future che sperimenteranno la presenza dell’asteroide nell’anno 2300.

READ  GoPro HERO 10 Black trapelata, rilascio imminente?

Continuare a leggere

Ecco come gli scienziati hanno ricreato il percorso del mammut usando solo la sua zanna
Google vieta un’azienda che vende i dati sulla posizione dei propri utenti

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *