La NASA vuole costruire reattori nucleari sulla luna

https://fr.sputniknews.com/20211124/la-nasa-veut-construire-des-reacteurs-nucleaires-sur-la-lune-1053631023.html

La NASA vuole costruire reattori nucleari sulla luna

La NASA vuole costruire reattori nucleari sulla luna

Per facilitare l’esplorazione dello spazio, la NASA si affida all’energia nucleare. L’agenzia spaziale vorrebbe installare reattori sulla luna, anche se … 24.11.2021, Sputnik France

2021-11-24T06: 10 + 0100

2021-11-24T06: 10 + 0100

2021-11-24T06: 10 + 0100

Scienze e tecnologia

nucleare

NASA

Marte

Luna

Lanciagranate pesante

Esplora marzo

rover

/html/head/meta[@name=”og:title”]/@Contenuto

/html/head/meta[@name=”og:description”]/@Contenuto

https://cdnnfr1.img.sputniknews.com/img/07e5/02/09/1045202429_0:106:1920:1186_1920x0_80_0_0_be6c0c667b3c04b10eb65a3b36e15742.jpg

Mentre in Francia infuriano le discussioni sulla chiusura completa dei reattori nucleari, la NASA sta già pianificando negli Stati Uniti di costruire questi reattori nello spazio. L’agenzia spaziale ha indetto un bando in questa direzione, secondo un comunicato, che non saranno reattori nel senso tradizionale del termine, ma piuttosto sistemi leggeri, in grado di operare su un lander lunare o su un rover. L’agenzia spaziale si concede dieci anni per concettualizzare il suo progetto e vede molti vantaggi nell’usare l’energia nucleare per conquistare e colonizzare lo spazio. È prima di tutto energia affidabile, in grado di funzionare “continuamente 24 ore su 24” anche durante le notti lunari della durata di diverse settimane, in contrasto con la produzione di energia elettrica dal Sole. Anche le utenze sono una risorsa, devono almeno 40 kW secondo i requisiti della NASA. Questo è sufficiente per fornire 30 case per dieci anni. L’agenzia ritiene inoltre che questo tipo di materiale possa essere utilizzato per creare altri avamposti, ad esempio su Marte. Nel 2018 l’agenzia spaziale statunitense aveva già preso in considerazione un progetto simile, chiamato KRUSTY (un reattore che utilizza la tecnologia Stirling). A quel tempo, si basava su quattro reattori da 10 kilowatt ciascuno. I test hanno concluso che la struttura era praticabile, il programma Artemis vacillante, ma il ritorno degli americani sulla Luna non dovrebbe avvenire immediatamente. Artemide, che dovrebbe restituire l’uomo alla stella, ha già sperimentato alcuni singhiozzi. Annunciato nel 2024, il prossimo atterraggio umano sulla Luna è stato posticipato per la prima volta al 2025 e potrebbe eventualmente avvenire nel 2026. Ritardi accumulati durante la progettazione della capsula Orion, che avrebbe dovuto portare gli astronauti fuori dall’orbita bassa. Anche le tute spaziali di nuova generazione erano un problema. Elon Musk si è offerto di aiutare SpaceX a progettarlo lo scorso agosto, ma oltre a questi ritardi, Artemis ha causato un significativo slittamento del budget, come ha rivelato una recente revisione dell’Office of Inspections General (OIG) della NASA. Il programma dovrebbe raggiungere i 93 miliardi di dollari entro il 2025. Il primo volo di Orion e dell’Heavy Space Launch System (SLS) dovrebbe finalmente avvenire nel febbraio 2022. La capsula non funzionerà per questo test.

READ  Asus Chromebook Flip CM5 con processori fino a AMD Ryzen 5, lancio di 256 GB di storage

Marte

Luna

2021

Florent Zefiro

https://cdnnfr1.img.sputniknews.com/img/07e4/09/10/1044440013_0:141:773:914_100x100_80_0_0_262d56e7437922373af3cf322d96efc2.jpg

Florent Zefiro

https://cdnnfr1.img.sputniknews.com/img/07e4/09/10/1044440013_0:141:773:914_100x100_80_0_0_262d56e7437922373af3cf322d96efc2.jpg

Notizia

fr_FR

Sputnik Francia

feedback.fr@sputniknews.com

+74956456601

MIA “Rosiya Segodnya”

https://cdnnfr1.img.sputniknews.com/img/07e5/02/09/1045202429_100:0:1821:1291_1920x0_80_0_0_e17f5169c4fad41e5bd04064813e3682.jpg

Nucleare, NASA, Marte, Luna, Lanciagranate pesante, Esplorazione di Marte, Rover

Per facilitare l’esplorazione dello spazio, la NASA si affida all’energia nucleare. L’agenzia spaziale vorrebbe installare reattori sulla Luna, anche se per ora il programma Artemis sta accumulando ritardi.

Mentre in Francia infuriano le discussioni sulla chiusura completa dei reattori nucleari, la NASA sta già pianificando negli Stati Uniti di costruire questi reattori nello spazio. L’agenzia spaziale ha indetto un bando di gara in questo senso, secondo un comunicato stampa.

Non saranno reattori in senso tradizionale, ma sistemi fotovoltaici in grado di funzionare su un lander o un rover lunare. L’agenzia spaziale si concede dieci anni per riuscire a concepire il suo progetto.

Vedete molti vantaggi nell’usare l’energia nucleare per la conquista e la colonizzazione dello spazio. Si tratta, prima di tutto, di un’energia affidabile, in grado di funzionare “continuamente 24 ore su 24” anche durante le notti lunari della durata di diverse settimane, in contrasto con la produzione di elettricità dal sole.

Anche la potenza degli impianti è una risorsa, deve emettere almeno 40 kilowatt, secondo i requisiti della NASA. Questo è sufficiente per fornire 30 case per dieci anni. L’agenzia ritiene inoltre che questo tipo di materiale possa essere utilizzato per creare altri avamposti, ad esempio su Marte.

READ  Crisi dell'industria dei videogiochi

Jim Reuter, un amministratore della NASA, ha dichiarato in una nota.

Nel 2018, l’agenzia spaziale statunitense aveva già preso in considerazione un progetto simile chiamato KRUSTY (un reattore che utilizza la tecnologia Stirling).

All’epoca si basava su quattro reattori con una potenza di 10 kilowatt ciascuno. I test hanno concluso che l’installazione era praticabile.

Artemide inciampa

Tuttavia, il ritorno degli americani sulla Luna non dovrebbe avvenire immediatamente. Artemide, che dovrebbe restituire l’uomo alla stella, ha già sperimentato alcuni singhiozzi. Il prossimo sbarco umano sulla Luna è stato annunciato nel 2024, prima rinviato al 2025 e potrebbe finalmente avvenire nel 2026.
Ritardi accumulati durante la progettazione della capsula Orion, che avrebbe dovuto portare gli astronauti fuori dall’orbita bassa. Anche le tute spaziali di nuova generazione erano un problema. Elon Musk si è persino offerto di aiutare SpaceX a progettarlo lo scorso agosto.

Oltre a questi ritardi, Artemis ha causato notevoli ritardi nel budget, come ha rivelato un recente audit dell’Office of the Inspector General (OIG) della NASA. Il programma dovrebbe raggiungere i 93 miliardi di dollari entro il 2025.

Il primo volo del lanciatore pesante Orion and Space Launch System (SLS) dovrebbe finalmente avvenire nel febbraio 2022. La capsula non sarà utilizzata per questo test.

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *