La prima persona accusata ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong è stata condannata per due capi

Tong Ying Kit, 24 anni, è stato dichiarato colpevole con l’accusa di terrorismo di aver schiantato la sua moto contro un gruppo di agenti di polizia, ferendone tre e incitando alla secessione, per aver portato un grande striscione nero con lo slogan della popolare protesta antigovernativa, “Liberate” Hong Kong, la rivoluzione del nostro tempo”.

Una giuria di tre giudici scelti dal leader di Hong Kong ha stabilito che le azioni di Tung costituivano una “sfida deliberata contro la polizia” e avevano lo scopo di causare “un danno significativo alla società”.

Come primo processo ai sensi della nuova legislazione, che Pechino ha rilasciato il 30 giugno dello scorso anno, il caso di Tong è ampiamente visto come un test chiave su come la legge sarà implementata e interpretata in tribunale nei prossimi mesi.

Gran parte del caso dipendeva dall’interpretazione del giudice della bandiera di protesta di Tong. Martedì, i giudici hanno spiegato che lo slogan, un appello condiviso durante le manifestazioni anti-governative e pro-democrazia della città del 2019, era “destinato a trasmettere un significato separatista” ed era “capace di incitare gli altri a separarsi”.

Tong si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse derivanti da un incidente il 1 luglio 2020, appena un giorno dopo l’entrata in vigore della legge. Il verdetto di Tong sarà annunciato in un secondo momento.

L’ampio National Security Act criminalizza atti di separatismo, sabotaggio, terrorismo e collusione con forze straniere e comporta una pena massima dell’ergastolo.

A Tung è stata negata la libertà su cauzione e il suo processo si è svolto senza giuria, in un significativo allontanamento dalla tradizione di common law che il sistema legale di Hong Kong aveva precedentemente seguito.

READ  La Turchia ha annunciato un "blocco totale" dal 29 aprile per frenare la diffusione del Coronavirus

In quanto ex colonia britannica, il sistema legale di Hong Kong è fortemente influenzato dalla common law britannica e nel corso della sua storia ha fatto affidamento sul processo con giuria. Un rapporto del governo del 2003 ha osservato che il processo con giuria era una delle “caratteristiche chiave del sistema legale di Hong Kong”.

Ma in base al National Security Act, Pechino può occuparsi di questioni di sicurezza nazionale in circostanze speciali e, se si tratta di “segreti di stato o ordine pubblico”, può imporre un processo chiuso senza giuria.

A partire da lunedì, la polizia ha arrestato 138 persone e ne ha accusate 76 secondo la legge. Tra gli arrestati vi sono studenti, attivisti, ex parlamentari, giornalisti e avvocati. Denunciate anche tre società.

Questa è una storia urgente, ce ne sono altre da seguire.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *