La ragione per gli splendidi disegni rupestri potrebbe essere la mancanza di ossigeno Vita

I ricercatori israeliani suggeriscono che gli artisti paleolitici potrebbero aver sofferto di allucinazioni causate dalla mancanza di ossigeno quando hanno dipinto le loro pitture rupestri. – Agence France-Presse pic

Iscriviti al nostro sito cavo Un canale per ricevere gli ultimi aggiornamenti sulle notizie che devi conoscere.


NEW YORK, 14 aprile – Come spieghiamo gli strani motivi nei dipinti preistorici sui muri di alcune grotte d’Europa? Un recente studio israeliano ha elaborato una teoria sorprendente: gli artisti paleolitici responsabili di questi capolavori soffrivano di ipossia.

Mentre alcuni artisti del XX secolo come Pablo Picasso hanno preso l’oppio nella loro ricerca di ispirazione, i loro antenati paleolitici potrebbero aver adottato un metodo più naturale ma più pericoloso per raggiungere stati alterati di coscienza: privarsi dell’ossigeno. Questa nuova ipotesi è stata recentemente avanzata dai ricercatori dell’Università di Tel Aviv in uno studio Pubblicato a Tempo e mente: un giornale di archeologia, coscienza e cultura.

I ricercatori hanno analizzato le pitture rupestri del Paleolitico superiore, che sono state trovate principalmente in Spagna e Francia. La maggior parte di essi era dipinta in grotte e corridoi particolarmente stretti che gli artisti dovevano illuminare con lampade. Tuttavia, queste torce non solo fornivano luce, ma consumavano anche l’ossigeno nell’atmosfera circostante al punto che i presenti potevano essere stati ipossici: uno stato di privazione dell’ossigeno che può causare allucinazioni ed esperienze extracorporee.

Scelta deliberata

Ancora più sorprendente dello studio, lo studio sostiene che gli artisti paleolitici erano ben consapevoli degli effetti della privazione di ossigeno, che coltivavano deliberatamente nel tentativo di “preservare la loro connessione con l’universo”. Come hanno formulato i ricercatori, “Affermiamo che entrare in questi ambienti profondi e oscuri è stata una scelta consapevole, guidata dalla comprensione della natura trasformativa di uno spazio sotterraneo impoverito di ossigeno”.

READ  Science.-VIDEO Una scimmia gioca a un gioco di mind-pong con Neuralink di Elon Musk

Sebbene gli artisti preistorici possano non aver compreso gli effetti medicinali dell’ipossia, i ricercatori si chiedono se alcuni di loro non siano abituati a gestire i bassi livelli di ossigeno in alcune delle grotte che hanno decorato. ETX Studio

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *