Lavrov afferma che il Mali ha chiesto aiuto a una compagnia militare privata russa

NAZIONI UNITE (Reuters) – Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto sabato alle Nazioni Unite che il Mali ha chiesto a una compagnia militare privata russa di aiutarlo a combattere i militanti.

Fonti hanno detto a Reuters che la giunta militare del Mali è vicina a un accordo per reclutare appaltatori militari russi privati, il Gruppo Wagner, attirando l’opposizione della Francia che ha definito “incompatibile” con la continua presenza francese nel paese dell’Africa occidentale. . Per saperne di più

“Stanno combattendo il terrorismo, tra l’altro, e si sono rivolti a una compagnia militare privata dalla Russia in relazione al fatto che la Francia, a quanto ho capito, vuole ridurre significativamente la sua componente militare che era lì”, ha detto Lavrov a proposito del Mali consiglio militare. durante una conferenza stampa.

Il ministero della Difesa francese ha rifiutato di commentare. Parigi ha iniziato a rimodellare la missione Barkhane di 5.000 persone per includere più partner europei e all’inizio di questo mese ha iniziato a ridispiegarsi dalle basi nel nord del Mali.

La giunta del Mali ha dichiarato che supervisionerà la transizione verso la democrazia che porterà alle elezioni del febbraio 2022.

Il primo ministro maliano Chogoel Maiga ha detto sabato all’Assemblea generale delle Nazioni Unite che il suo paese si è sentito abbandonato dalla mossa francese e ha indicato che stava cercando ulteriore assistenza militare “per colmare il divario che sicuramente deriverà dal ritiro di Barkhane nel nord del paese”.

“La nuova situazione creata dalla fine dell’operazione Barkhane pone il Mali di fronte a un fatto compiuto – abbandonarci, a metà volo fino a un certo punto – e ci porta a esplorare percorsi e mezzi per garantire meglio la nostra sicurezza in modo indipendente o con altri partner ,” Egli ha detto.

READ  La nave cargo del Canale di Suez, Evergiven, è stata espulsa in seguito a una richiesta di 916 milioni di dollari

Venerdì, il capo della politica estera dell’Unione europea, Josep Borrell, ha dichiarato di aver detto a Lavrov e al suo omologo maliano questa settimana a New York che il possibile dispiegamento del gruppo Wagner sarebbe una “linea rossa” per l’UE, “e avrebbe un impatto immediato sulla nostra cooperazione”.

I ministri degli esteri dell’Unione europea hanno discusso la questione lunedì durante una riunione a porte chiuse a margine dell’incontro annuale dei leader mondiali all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

Lavrov ha affermato che il governo russo non ha nulla a che fare con qualsiasi accordo tra il PMC e il Mali.

Segnalazioni aggiuntive di Paulina Devitt e Tangy Salone. Montaggio di Jane Merriman e Daniel Wallis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *