L’avventura continua, diretta da Cyril Feraud…


Seduto nella direzione opposta del volo, ha imparato a controllare la sua nausea mentre una telecamera Cineflex posizionata sotto la macchina ha catturato splendide vedute aeree di castelli e giardini. Dal 2018, l’ospite dei giochi France 3 ha ripreso questo programma precedentemente presentato da Sylvain Augier che non ha indebolito il suo pubblico. E per una buona ragione! La Mappa del Tesoro combina due elementi che hanno successo, soprattutto in estate: l’avventura e la fuga.

Per tutti coloro che sono stati frustrati dalle restrizioni imposte da Emmanuel Macron e che hanno rinunciato alle vacanze in Francia, saranno molto felici di vedere il Canal du Midi, nell’area di gioco. che corre lungo il canale da Montesquieu-Lauragais a Salllèles-d’Aude, attraverso Castelnaudary e Carcassonne. Sono quindi tre le divisioni in cui voleranno i candidati: Haute-Garonne, Tarn e Aude, perché dovranno svelare i segreti delle fonti del Canal du Midi. Quindi si mettono in cammino per i tortuosi sentieri del maestoso Montenegro, generando le molteplici correnti che alimentano e alimentano il canale. Infine, partiranno dalla sponda del Mediterraneo alla ricerca di magnifiche strutture. Un notevole patrimonio architettonico fa la ricchezza di questo sito oggi classificato dall’UNESCO.

“Amo questo ruolo nella trasmissione del patrimonio”

“La mappa del tesoro non è invecchiata, è ancora uno spettacolo familiare di avventura e cultura per tutte le generazioni. Mi piace il ruolo di trasmettitore di cultura e patrimonio”, sottolinea Cyril Ferro con travolgente entusiasmo.

Ma come va questo spettacolo? “Identifichiamo luoghi forti. Lavoriamo su parole chiave e indicizziamo immagini che guidano o perdono i candidati. Per me, ho un taccuino di 100 pagine sulla storia dell’area”, risponde quando gli viene chiesto di dettagliare i puzzle. I cittadini del dipartimento non sarebbero più fortunati? Non perché vieni da una zona di cui conosci la storia. La gente del posto a volte fa scoperte grazie a La carte! E quelli a cui prestare attenzione sono i vacanzieri regolari, e si rivelano grandi esperti, ‘Buon ascoltatore!

Si noti che il numero di mercoledì successivo sarà molto estivo. Si svolgerà nella Nuova Aquitania e più precisamente a Lot-et-Garonne, nell’area di gioco che andrà da Duras, a nord, a Nérac, a sud, passando per Monflanquin. La sfida sarà scoprire i segreti di alcuni dei più bei castelli di Francia. Corridoi nascosti, gallerie sotterranee, porte nascoste e fontane miracolose, sulla scia del Vert Galante, re Enrico IV, noto per le sue innumerevoli conquiste femminili.

In elicottero ma rispettoso dell’ambiente

Alcuni spettatori hanno sottolineato il divario tra il contenuto dello spettacolo (scuse per la bellezza della natura con i suoi paesaggi dall’alto) e i mezzi per ottenere queste immagini. Andare in elicottero non è proprio verde. non sbagliato. Tanto più che il quotidiano “Le Parisien” è responsabile del disegno dell’impronta di carbonio della serie. “Secondo i nostri calcoli, i quattro scoiattoli AS 355 bruciano 12.000 litri di cherosene per rilascio, o circa 100.000 litri durante la stagione. Fino a 50 viaggi di andata e ritorno da Parigi e Tahiti in aereo”, hanno confermato i nostri colleghi. Cosa sta contaminando il suo programma? L’ospite sentì una puntura e insistette per spegnere il fuoco. Da un lato, grazie alla partnership con Reforest’Action, l’impronta di carbonio dei viaggi è compensata da progetti di riforestazione in tutto il mondo, Belgio compreso. D’altra parte, “Se confrontiamo l’impronta di carbonio di un display con quella di un programma di grande varietà, girato in studio, con migliaia di proiettori, centinaia di schermi e generatori, che girano ininterrottamente per tutto il giorno, otteniamo rapidamente vediamo quale è più inquinante”, ha sottolineato l’ospite.

“Mappa del tesoro”, mercoledì 4 agosto, 20:55, Francia 3.

READ  Cannes 2021: Mylene Farmer abbaglia in un abito corsetto, la sua figura perfetta fa scalpore!

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *