Le Nazioni Unite sollevano serie preoccupazioni in materia di diritti umani per il divieto di viaggio in Australia da parte dell’India | Cittadinanza australiana

I funzionari delle Nazioni Unite per i diritti umani hanno sollevato “serie preoccupazioni” per il divieto del governo Morrison agli australiani di tornare dal paese IndiaE pesanti sanzioni associate alle violazioni.

L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha chiesto se Misura provvisoria controversa – che può imporre pene massime fino a cinque anni di prigione o $ 66.600 – è conforme agli obblighi in materia di diritti umani dell’Australia.

“Abbiamo serie preoccupazioni sul fatto che la decisione sulla biosicurezza – e le gravi sanzioni che potrebbero essere imposte per la sua violazione – soddisfi gli obblighi in materia di diritti umani dell’Australia”, ha detto il portavoce dell’ufficio, Robert Colville, all’inizio di mercoledì.

“In particolare, l’articolo 12 del Patto internazionale sui diritti civili e politici, che è vincolante per l’Australia, afferma che nessuna persona può essere arbitrariamente privata del diritto di entrare nel suo paese.”

In risposta a una richiesta di commento del Guardian Australia, Colville ha affermato che il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite “ha sottolineato la ristretta autorità di rifiutare il ritorno dei cittadini ed è del parere che vi siano poche, se non nessuna, circostanze in cui negare il diritto a entrare nel loro paese potrebbe essere ragionevole.

“Quando si valuta la questione della privazione arbitraria, i principali fattori da prendere in considerazione sono la sua necessità di raggiungere uno scopo legittimo e la sua proporzionalità, incluso se è l’approccio meno intrusivo per raggiungere gli obiettivi di salute pubblica.

“Prendiamo atto che la misura dovrebbe essere rivista il 15 maggio”.

La decisione – criminalizzare il ritorno in Australia di chiunque sia stato in India negli ultimi 14 giorni – è stata presa dal ministro della Sanità Greg Hunt, venerdì sera tardi, utilizzando le leggi esistenti sulla biosicurezza, ma ha suscitato una reazione.

In mezzo alla crescente pressione sul suo approccio intransigente, Anche dall’interno delle fila della coalizioneIl ministro dell’immigrazione Alex Hook lo è In programma per incontrare i leader della comunità Mercoledì per discutere del divieto che impedisce a 9.000 persone, di cui 650 considerate a rischio, di tornare in Australia.

Scott Morrison e gli alti ministri hanno affermato che stanno agendo per mantenere gli australiani al sicuro e minimizzato la possibilità che vengano imposte sanzioni già severe.

Vice Primo Ministro, Michael McCormack, Ha detto, il primo ministro “ieri ha chiarito che nessuno sarà imprigionato”.

“Ovviamente ci deve essere un inasprimento della common law, ma nessuno sarà incarcerato … in questo momento”, ha detto McCormack a ABC News Breakfast mercoledì. Il primo ministro ha detto chiaramente.

“L’abbiamo fermato. L’abbiamo fatto nell’interesse nazionale. L’abbiamo fatto con il miglior consiglio medico possibile. Fino al 15 maggio. Lo rivediamo costantemente, come ti aspetti da noi”.

Leader del partito laburista, Anthony Albanese, Ha descritto la gestione della questione da parte del governo come “caos”, chiedendo: “Perché fa un annuncio nel cuore della notte sulle minacce di cinque anni di reclusione e pesanti multe, e poi giorni dopo dice che non implementeremo la legge?”

Ad aprile il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite Ha chiesto che l’Australia consenta immediatamente il ritorno Due cittadini statunitensi sono stati vaccinati, poiché l’agenzia si sta preparando a considerare le loro denunce sull’impatto delle severe restrizioni australiane sugli arrivi internazionali.

Con l’aiuto del noto avvocato per i diritti umani Geoffrey Robertson QC, i cittadini sostengono che l’attuazione di questi cappelli non è coerente con il Patto internazionale sui diritti civili e politici.

Gli attivisti hanno precedentemente descritto la situazione come “spaventosa” per molti australiani che non sono stati in grado di tornare a casa, e dicono che c’è una sensazione di “disperazione”.

READ  Incendi boschivi in ​​Turchia: gli agricoltori affermano che "gli animali sono in fiamme" distrutti mentre gli incendi boschivi devastano la Turchia

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *