Le nostre prime impressioni su F1 2021

L’uscita nel 2021 del gioco ufficiale di F1, la dodicesima edizione sviluppata da Codemasters, è per molti versi a un punto di svolta: sia perché è la prima azione rilasciata dopo l’annuncio dell’acquisizione dello studio da parte del colosso EA, ma anche perché è il primo titolo ad accompagnare la generazione Le nuove console domestiche.

Leggi anche:

Fino a quando non avremo una versione finale del gioco, Motorsport.com a pu jouer à una version bêta de F1 2021 sur PC, qui ne reflète pas la qualité finale du jeu. Celle-ci donnait accès à trois mode de jeu : Carrière (corsi una saison de dix), Grand Prix et Contre-la-hour. Quello che realizziamo sono alcuni sviluppi ma non ancora una rivoluzione.

grafica raffinata

Inizialmente, il passaggio a una nuova generazione di console richiedeva una rielaborazione della grafica. Se la serie F1 non è stata esteticamente imperfetta negli ultimi anni, sembra che qui sia stato fatto un piccolo passo in più. La personificazione dei singoli sedili, l’aspetto di varie superfici e materiali, in particolare sulle telecamere esterne, è convincente. Per quanto riguarda i piloti, nelle piccole scene ai box, in griglia o sul podio, anche i volti e le loro espressioni hanno acquisito realismo.

Ovviamente, questo è particolarmente sentito sui circuiti. L’aspetto della maggior parte di loro non è cambiato molto di recente, ma questa volta hanno subito un semplice lifting. La nostra versione del gioco ci ha dato accesso solo a sei piste (Sakhir, Barcelona, ​​​​Baku, Silverstone, Spa e Melbourne), ma con opzioni grafiche uguali rispetto a F1 2020 e sullo stesso PC, è apparso subito chiaro che le piste acquisita nel realismo.

Nello specifico, la maggior parte della grafica ha subito modifiche di benvenuto: percorsi che sembrano più granulosi e meno lisci, shaker che sembrano vivere di più, l’erba è più realistica, gli alberi sono più dettagliati, gli edifici sono più lavorati, ecc.

Su Playstation 5 e Xbox Series X sarà possibile modificare le opzioni grafiche tra “Performance” e “Graphics”, come in DiRT 5, per ridurre i tempi di caricamento, e sfruttare l’audio 3D e il “Ray Tracing” per una resa più realistica. riflessi e luci durante la riproduzione o la trasmissione.

Questi tocchi di realismo in più non includono, almeno nella nostra beta, il tweaking delle classifiche per Barcellona, ​​il cui decimo inning era in vigore fino al 2020, e Melbourne, le cui modifiche annunciate non erano state apportate. . Non è unito. Non c’è nemmeno traccia di un circuito termale rivisto, anche se la mancanza di fedeltà alla realtà del tracciato è stata spesso evidenziata negli ultimi anni.

READ  Oppo irrompe nel mercato mobile: l'azienda è davanti ad Apple (con l'aiuto di sottomarchi)

Come promemoria per la sezione circuiti, al lancio di F1 2021 il 16 luglio saranno disponibili 21 piste: se il circuito di Shanghai, il cui evento è ancora in sospeso e non è stato ufficialmente cancellato, sarà in gioco al lancio, tuttavia , non sarà così per Imola e Portimao Oujda. Tuttavia, queste assenze saranno temporanee poiché arriveranno in un aggiornamento successivo, seleziona Codemasters, gratuitamente.

Allo stesso modo, i team e i piloti per la stagione 2020 di F2 saranno presenti al lancio del gioco, prima di passare ai CBD/Driver 2021 e al nuovo formato dei weekend di gara attraverso un aggiornamento successivo.

danni sicuri

Per il resto, le sensazioni di guida non sono troppo lontane da F1 2020. Quindi non c’è una nuova direzione, con una guida che si è sempre voluta essere disponibile senza trasformarsi nel gioco arcade più completo, ma la sensazione generale che sembra mostrare in generale l’integrazione della nuova modalità aerodinamica nel comportamento dei singoli sedili. Quindi, a parità di condizioni, c’è allo stesso tempo più difficoltà a superare le curve veloci (nono round di Barcellona, ​​Bohon a Spa, Kopps e Stowe a Silverstone) senza la necessità di togliere il piede più chiaramente – il che riflette il calo generale supporto per F1 – ma anche L’assale posteriore che sembra arrestarsi più bruscamente, arriva già preimpostato dalle regolazioni al fondo piatto e al diffusore.

I parametri di messa a punto della vettura non sono cambiati di una virgola ma si sono regolati a volte: ad esempio, la fine della distribuzione dei freni è così sbilanciata che l’impostazione del 50% non è stata sufficiente per ridurre i bloccaggi delle ruote anteriori in F1.2020. In F1 2021, la minima frenata eseguita con una tale distribuzione dei freni questa volta ti farà bloccare bene le ruote posteriori e possibilmente girare.

Tra le novità, noteremo (finalmente) l’arrivo di danni a parti della vettura diverse dallo spoiler anteriore e dagli assi anteriore/posteriore. Ora, sia visivamente che nel comportamento automobilistico, sarà possibile danneggiare i galleggianti, il fondo piatto, lo spoiler posteriore e il diffusore. Questo danno, spesso irreparabile (a parte i danni subiti dall’ala anteriore e durante le forature), influirà sulle prestazioni. Tuttavia, se preferisci restare con i danni dei giochi precedenti, sarà possibile.

Nel complesso, Codemasters ha scelto di continuare lo slancio delle “modalità di guida” introdotte nell’edizione 2020 aggiungendo una modalità “Esperto” oltre a una modalità “Normale” e “Standard” che offre ai giocatori il controllo su una serie di parametri aggiuntivi in per personalizzare le parti in base alle loro preferenze e desiderio di realismo. Oltre alla gestione dei danni, notiamo l’emergere di un’opzione che offre previsioni meteorologiche “approssimative”, la possibilità di disattivare le regole di crash (a volte frustranti) lasciando infrante le regole in curva, o la comparsa di un’impostazione per specificare se la velocità massima sarà notevolmente ridotto o non impostato in modalità carburante basso.

READ  Lo smartphone Realme con processore Snapdragon 778 farà molto rumore

fare carriera

Nella modalità funzionale, la possibilità di passare da una modalità all’altra avrà un impatto significativo sui parametri che saranno regolabili. Infatti, la modalità “Esperto” consentirà ad esempio di regolare la velocità con cui popolarità, risorse o denaro verranno raccolti in base alle prestazioni, nonché la frequenza dei crash. Altre opzioni di personalizzazione saranno disponibili al di fuori della modalità “Esperto”, con la possibilità di riservare interviste o addirittura sviluppare un posto individuale che tornerà alla tua singola squadra per concentrarsi sulla guida da solo.

Fondamentalmente, la modalità Carriera (che era limitata a una stagione di 10 gare nella nostra versione) cambia un po’ ma ora ti permetterà di iniziare in F2 in una modalità diurna e avrai una modalità molto più approfondita per i giocatori, con la possibilità di gareggiare per la stessa squadra o meno, sfruttando le stesse possibilità Disponibile per la modalità carriera single player. Indipendentemente da ciò, ora sarà possibile iniziare la stagione da zero o basandosi sui risultati del mondo reale dopo una particolare gara del Gran Premio.

Il riquadro Ricerca e sviluppo è stato rivisto: l’albero delle abilità è stato completato e ora la visualizzazione viene presentata tramite Mappe che fornisce una panoramica delle modifiche che possono essere apportate. Allo stesso modo, durante le sessioni di prove libere, i programmi si sono evoluti: meno, forniscono l’accesso a obiettivi secondari che consentono di abbassare il costo di sviluppo e quindi facilitarlo. Sarà inoltre possibile, se non si vuole dedicare molto tempo a programmi noiosi, entrare nella modalità “Test Rapidi” dove è possibile fissare obiettivi di sessione senza dover pedalare da soli.

È chiaro che tutte queste modifiche saranno incorporate in MyTeam, che è la modalità applicabile per la versione 2020 che ti consente di prendere in mano la squadra. Inoltre, come precedentemente annunciato da Codemasters, i sette piloti annunciati saranno disponibili in questa modalità di gioco, ma la loro integrazione nel mercato dei trasferimenti rimane poco chiara. Nelle file dei piloti, nello specifico, verrà inserita una nuova nota in aggiunta alle quattro già esistenti, “Focus”. Varia in base alle attività del team, alle presentazioni e alle interviste alla stampa.

READ  Cuffie da gioco cablate Logitech G335 presentate per € 69,99

E il resto?

La nostra versione del gioco non ci ha dato accesso alla modalità stella in questa versione, ovvero “Braking Point” (o “Point de rupture”), che dovrebbe essere una sorta di modalità carriera scritta ma per Codemasters, assicurandosi di mantenere il più segreto possibile, fornire le stesse informazioni. Inizialmente, questa modalità ha beneficiato del contributo di un vero team di autori professionisti e vedrà i giocatori incarnare Aiden Jackson, un giovane pilota di F1 che aspira alla F1.

Quello che sappiamo è che questa modalità si svolgerà in tre stagioni: la campagna F2 2019, le campagne F1 2020 e 2021. Cinque squadre di F1 saranno raggiunte una volta terminata la fase di F2, ovvero Racing Point/Aston Martin, AlphaTauri, Alfa Romeo, Haas e Williams. Tutto il sale verrà ovviamente dalle scene, in particolare il lavoro estetico con il contributo della CGI, che migliorerà l’esperienza tra le fasi in cui il giocatore avrà il controllo, sia fuori che in pista, ma anche i personaggi di fantasia chi lo farà. Essere lì per portare diversi problemi in questa situazione.

Per quanto riguarda il multiplayer online, a parte il fatto che verranno create lobby per giocatori principianti o esperti, non sono state ancora filtrate abbastanza informazioni. Anche se sappiamo che su PC saranno possibili replay completi delle gare individuali, sorge ovviamente la domanda se questo sarà il caso anche per le gare online. Allo stesso modo, non è noto se la modalità spettatore di queste gare si evolverà per adattarsi alle moderne esigenze di distribuzione di questi contenuti, sia attraverso il torneo ufficiale di eSport, sia attraverso gli innumerevoli tornei privati ​​creati dalla community.

Insomma, quello che vediamo dalla nostra anteprima di F1 2021 è promettente e in linea con quello che la serie sta facendo da qualche anno. Nessuna rivoluzione, potenziamento dei risultati, ma per il momento aggiunte interessanti che devono essere confermate dalla versione finale. Spero che sia un po’ più appropriato ai suoi tempi per certi aspetti, in particolare in termini di competizioni online.

F1 2021 sarà disponibile su PS5, PS4, Xbox Series X/S, Xbox One e PC il 16 luglio, tre giorni prima dei preordini della Deluxe Edition.

You May Also Like

About the Author: Dario Calabresi

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *