Le Seychelles stanno assistendo a un aumento dei casi di coronavirus nonostante le vaccinazioni

Mary Nage, una lavoratrice di call center alle Seychelles, desiderava farsi vaccinare. Come la maggior parte della popolazione nella piccola nazione insulare, ha ricevuto il vaccino cinese Sinopharm a marzo e dovrebbe essere completamente protetta in poche settimane.

Domenica è risultata positiva al Coronavirus.

“Sono rimasta scioccata”, ha detto la signora Nej, 30 anni, che è isolata a casa. Ha detto di aver perso il senso dell’olfatto e del gusto e ha sviluppato un leggero mal di gola. “Il vaccino avrebbe dovuto proteggerci – non dal virus, ma dai sintomi”, ha detto. “Stavo prendendo precauzioni dopo aver preso precauzioni.”

La Cina si aspettava che i suoi vaccini Sinopharm fossero la spina dorsale del programma diplomatico sui vaccini del paese: una dose facile da trasportare che avrebbe protetto non solo i cittadini cinesi ma anche gran parte del mondo in via di sviluppo. Nel tentativo di ottenere la buona volontà, la Cina ha donato 13,3 milioni di dosi di Cinopharm ad altri paesi, secondo essa. Ponte di Pechino, Una società di consulenza che tiene traccia dell’impatto della Cina sulla salute globale.

Invece, l’azienda, che ha prodotto due diversi tipi di vaccini contro il coronavirus, deve affrontare crescenti domande sulle vaccinazioni. In primo luogo, c’era una mancanza di trasparenza riguardo ai dati dell’ultima fase delle prove. Ora, le Seychelles, il paese più vaccinato al mondo, hanno visto un aumento dei casi anche se gran parte della sua popolazione è stata vaccinata con Sinopharm.

Per i 56 paesi che si affidano a una dose di Sinopharma per aiutarli a fermare l’epidemia, la notizia è una battuta d’arresto.

Per mesi, gli esperti di sanità pubblica si sono concentrati sul tentativo di colmare il divario di accesso tra paesi ricchi e poveri. Ora, gli scienziati avvertono che i paesi in via di sviluppo che scelgono di utilizzare vaccini cinesi, con i loro tassi di efficacia relativamente più deboli, potrebbero rimanere indietro rispetto ai paesi che scelgono i vaccini prodotti da Pfizer-BioNTech e Moderna. Questo divario potrebbe consentire alla pandemia di persistere nei paesi che hanno meno risorse per combatterla.

“È davvero necessario utilizzare vaccini altamente efficaci per ottenere quel beneficio economico, altrimenti convivono con la malattia a lungo termine”, ha detto Raina MacIntyre, che dirige il programma di biosicurezza presso il Kirby Institute dell’Università di New South. Pozzi a Sydney, in Australia. “La scelta di un vaccino è importante”.

READ  Queste misteriose strutture in pietra in Arabia Saudita sono più antiche delle piramidi

Le conseguenze non sono state più evidenti che alle Seychelles, che hanno fatto affidamento su Sinopharma per inoculare oltre il 60% della sua popolazione. Il piccolo stato insulare nell’Oceano Indiano, a nord-est del Madagascar e con una popolazione di poco più di 100.000 abitanti, sta combattendo un’escalation del virus e ha dovuto reimpostare il blocco.

Tra la popolazione vaccinata che ha ricevuto due dosi, al 57% è stato somministrato Sinopharm, mentre al 43% è stato somministrato AstraZeneca. Secondo il Ministero della Salute, il 37% dei nuovi casi attivi sono persone che sono state completamente vaccinate e non ha specificato quante persone hanno ricevuto una dose di Sinopharm tra di loro.

“In superficie, questo è un risultato preoccupante”, ha detto il dottor Kim Mulholland, un pediatra presso il Murdoch Children’s Research Institute di Melbourne, in Australia, che è stato coinvolto nella supervisione di diversi studi sui vaccini, compresi quelli per COVID-19. 19 vaccini.

Il dottor Mulholland ha affermato che i rapporti iniziali dalle Seychelles sono correlati a un tasso di efficacia del vaccino del 50%, invece del tasso del 78,1% che l’azienda sta promuovendo.

“In un paese in cui la stragrande maggioranza della popolazione adulta è stata vaccinata con un vaccino efficace, ci aspetteremmo di vedere la malattia svanire”, ha detto.

Gli scienziati dicono che un’infezione rivoluzionaria è normale perché nessun vaccino è efficace al 100%. Ma l’esperienza alle Seychelles è in netto contrasto con Israele, che ha la seconda copertura vaccinale più alta al mondo Sono riuscito a sconfiggere il virus. Uno studio ha dimostrato che il vaccino Pfizer utilizzato da Israele era efficace al 94% nella prevenzione delle infezioni crociate. Mercoledì, il numero di nuovi casi di Covid-19 confermati al giorno per milione di persone alle Seychelles è stato di 2.613,38 rispetto ai 5,55 in Israele, secondo il progetto World in Data.

Wavil Ramkalawan, Presidente delle Seychelles Ha sostenuto il programma di vaccinazione della nazione, Dicendo che i vaccini Sinopharm e AstraZeneca “hanno servito molto bene la nostra popolazione”. Ha sottolineato che il vaccino Sinopharma è stato somministrato a persone di età compresa tra 18 e 60 anni, e in questo gruppo di età in generale, l’80% dei pazienti che dovevano essere ricoverati in ospedale non sono stati vaccinati.

Le persone possono essere infette, ma non sono malate. “Solo pochi”, ha detto all’agenzia di stampa delle Seychelles. “Allora quello che succede è normale.”

Sylvester Radegund, ministro degli Affari esteri e del turismo, ha affermato che l’aumento del numero di casi alle Seychelles è avvenuto in parte perché le persone hanno abbassato la guardia, Dipendente All’agenzia di stampa delle Seychelles. Sinopharm non ha risposto a una richiesta di commento.

In risposta al articolo Dal Wall Street Journal alle Seychelles, una portavoce del ministero degli Esteri cinese ha incolpato i media occidentali per aver tentato di screditare i vaccini cinesi e “diffondere la mentalità che” tutto ciò che riguarda la Cina dovrebbe essere offuscato “.

In una conferenza stampa, Kate O’Brien, Direttore dell’immunizzazione presso l’Organizzazione mondiale della sanità, ha detto che l’agenzia stava valutando un aumento delle infezioni alle Seychelles e ha descritto la situazione come “complessa”. La scorsa settimana, il World Health Group ha approvato il vaccino Sinopharma per uso di emergenza, facendo sperare di porre fine alla crisi dell’approvvigionamento globale.

“Alcuni dei casi segnalati si verificano subito dopo una dose, subito dopo una seconda dose, o tra la prima e la seconda dose”, ha detto.

Secondo la signora O’Brien, l’OMS sta esaminando i ceppi attualmente in circolazione nel paese, quando si sono verificati casi in relazione a quando qualcuno ha ricevuto dosi e alla gravità di ciascun caso. “Solo facendo questo tipo di valutazione possiamo valutare se questi sono fallimenti del vaccino o meno”, ha detto.

Ma alcuni scienziati affermano che è sempre più chiaro che il vaccino Sinopharma non offre un percorso chiaro verso l’immunità della mandria, soprattutto se si osservano le molteplici varianti che stanno emergendo in tutto il mondo.

READ  Vulcano La Palma: migliaia di evacuati dopo l'eruzione del vulcano

John Moore, un esperto di vaccini alla Cornell University, ha detto che i governi che utilizzano Sinopharma “devono sopportare un alto tasso di fallimento e dovrebbero pianificare di conseguenza”. “Devi avvertire il pubblico che hai ancora buone possibilità di essere infettato.”

Molti alle Seychelles affermano che il governo non ha risposto.

“La mia domanda è: perché hanno spinto tutti a prenderlo?” Lunedì Diana Lucas, una cameriera di 27 anni, è risultata positiva al virus. Ha detto di aver ricevuto la sua seconda dose di vaccino Sinopharma il 10 febbraio.

L’avvocato del governo Emmanuel Howaro, 22 anni, è risultato positivo giovedì scorso dopo aver ricevuto una seconda dose del vaccino Sinopharm a marzo. Ha detto: “Questo è illogico”. Ha detto che il governo non è riuscito a fornire al pubblico informazioni sufficienti sui vaccini.

“Non spiegano alla gente la situazione reale”, ha detto. “È un grosso problema: molte persone vengono infettate”.

La madre della signora Howarrow, Jacqueline Pillay, è un’infermiera in una clinica privata a Victoria, la capitale. Ha detto che crede che ci sia una nuova specie alle Seychelles a causa dell’afflusso di stranieri che sono arrivati ​​negli ultimi mesi. Il paese dipendente dal turismo ha aperto i suoi confini il 25 marzo alla maggior parte dei viaggiatori senza alcuna quarantena.

“La gente ha molta paura adesso. Quando si danno alle persone le informazioni giuste, le persone non speculeranno”, ha detto la signora Pillai, 58 anni.

Funzionari sanitari sono apparsi di recente in televisione per incoraggiare coloro che avevano preso solo la prima dose del vaccino Sinopharm a tornare per la seconda dose. Ma la signora Pillai ha detto di essere frustrata dal fatto che il Commissario per la sanità pubblica non si fosse occupata del motivo per cui i vaccini non funzionavano come avrebbero dovuto.

“Penso che molte persone non torneranno”, ha detto la signora Pillai.

Marietta Labros, Elsie Chen E il Claire Fu Contribuisci alla ricerca.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *