L’era Merkel finisce in Germania quando i partiti di opposizione raggiungono l’accordo

In base all’accordo annunciato mercoledì a Berlino, Schulz, dei socialdemocratici di centrosinistra (SPD), guiderà una coalizione tripartita con i verdi e i liberaldemocratici pro-business. Segue elezioni ravvicinate a settembre e due mesi di negoziati per formare un nuovo governo.

Insieme ai leader dei partner della coalizione, Schultz ha detto in una conferenza stampa che c’è un “governo a semaforo”, riferendosi ai colori rosso, giallo e verde delle parti coinvolte. “Vogliamo essere audaci quando si tratta di clima e industria”, ha detto.

L’accordo, che definisce la visione del governo per un periodo di quattro anni, andrà ora all’esame dei membri del partito più ampi. Salvo interruzioni dell’ultimo minuto, Schulz presterà giuramento come cancelliere all’inizio del prossimo mese.

I partiti del nuovo governo di coalizione non sono compagni tradizionali. I liberaldemocratici pro-business sono solitamente di parte di centrodestra piuttosto che i socialdemocratici e i verdi di sinistra.

Un punto critico nella controversia sulla coalizione è stato il finanziamento degli ambiziosi piani climatici dei Verdi, poiché i liberaldemocratici si sono opposti all’aumento delle tasse.

Ma per quanto riguarda i negoziati di coalizione in Germania, questi negoziati sono stati piuttosto rapidi. Dopo le elezioni del 2017, ci sono voluti più di quattro mesi per formare un nuovo governo.

Si scrive anche La fine dell’era Merkel, Ha mandato all’opposizione l’Unione Cristiano Democratica (CDU) di centrodestra e il suo partito gemello, l’Unione Cristiano Sociale (CSU), dopo 16 anni al potere.

Il prossimo cancelliere, Schulz, assumerà il controllo della più grande economia europea in un momento di maggiore incertezza diplomatica nell’Unione europea, vale a dire l’aggressione da parte di Russia e Bielorussia e le minacce allo stato di diritto da parte di Polonia e Ungheria.

Con la Germania che esce dal peggior disastro climatico degli ultimi anni – devastanti inondazioni estive che hanno ucciso 180 persone – anche i Verdi svolgeranno un ruolo importante nel guidare il paese verso Un futuro senza carbone.

Vaccinazioni obbligatorie a titolo oneroso

Ma la nitidezza è tra l’enorme elenco di compiti che dovrà affrontare il prossimo governo L’ondata di Covid-19 sta investendo il Paese. La Germania sta combattendo casi in aumento che hanno spinto l’Europa di nuovo nell’epicentro della pandemia, portando a severe restrizioni da parte dei paesi vicini e proteste da parte dei cittadini stanchi del blocco in tutto il blocco.

Schultz ha detto ai giornalisti mercoledì che la nuova coalizione prenderà in considerazione le vaccinazioni obbligatorie perché “la vaccinazione è la via d’uscita da questa epidemia”.

READ  Decine di persone sono rimaste ferite quando una piattaforma è crollata nella comunità di Lag Bomer a Mount Meron

I numeri dei casi sono particolarmente preoccupanti negli stati orientali della Germania, dove i funzionari sanitari hanno avvertito che gli ospedali sopraffatti potrebbero presto esaurire i letti dei pazienti in terapia intensiva.

Sebbene la Germania abbia vaccinato circa l’80% della sua popolazione adulta, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), è ancora in ritardo rispetto ai paesi dell’Europa meridionale come Spagna e Portogallo.

Lunedì, il ministro della Sanità Jens Spahn non ha pronunciato le sue parole mentre esortava più persone a farsi vaccinare. Spahn ha detto in una conferenza stampa a Berlino di essere sicuro che entro la fine di questo inverno “tutti in Germania saranno vaccinati, guariti o moriranno” del tipo Delta.

Il paese sta ora pianificando di imporre restrizioni mirate contro il Covid-19 ai non vaccinati. Tuttavia, l’emergenza pandemica in Germania doveva terminare mercoledì e i partner della coalizione hanno concordato una nuova legge sulla prevenzione delle infezioni approvata dalla camera bassa e dalla camera alta la scorsa settimana.

turni diplomatici

Nel frattempo, la crisi dei migranti è andata avanti Il confine tra Polonia e BielorussiaI leader occidentali hanno accusato il presidente bielorusso Alexander Lukashenko di essersi coordinato con il sostegno del presidente russo Vladimir Putin, aumentando le tensioni con il vicino problematico dell’Unione europea.
I leader occidentali concordano sul fatto che la democrazia è sotto attacco.  Come possono difenderlo è meno chiaro

La crisi ha anche portato a una maggiore attenzione sull’influenza della Russia in Europa, non ultimo il controverso gasdotto Nord Stream 2, che trasporterà il gas dalla Russia alla Germania sotto il Mar Baltico. Le autorità tedesche la scorsa settimana hanno interrotto il processo di approvazione del gasdotto a causa di problemi con la licenza operativa della società.

Altrove, i governi populisti in Polonia e Ungheria continuano a spingere i confini dell’adesione all’UE annullando i valori democratici fondamentali. Di recente, la Corte Suprema dell’UE ha stabilito La Polonia ha violato le leggi del blocco in materia di indipendenza della magistratura.

La Merkel, il predecessore di Schulz, si è fatta un nome come la mano ferma della diplomazia dell’UE, guidando il blocco in modo diverso durante la crisi del debito europeo e dei migranti. Resta da vedere se il nuovo cancelliere sarà all’altezza della situazione come leader dell’UE – o lascerà quei panni a qualcun altro – per essere visto.

READ  La Nuova Zelanda entrerà in isolamento dopo che è stato trovato un caso di Covid

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *