L’opposizione afferma che il principe saudita Mohammed bin Salman ha parlato dell’uso di un anello avvelenato dalla Russia per uccidere il re

Il funzionario saudita in esilio Saad Al-Jabri ha affermato in una nuova intervista che il principe ereditario Mohammed bin Salman ha parlato di aver usato una banda avvelenata dalla Russia per assassinare il defunto re Abdullah bin Abdulaziz Al Saud durante un incontro del 2014.

Al-Jabri – che ha servito come alto funzionario dell’intelligence saudita e consigliere di Mohammed bin Nayef, nipote del re Salman bin Abdulaziz Al Saud – è fuggito in Canada per vivere in esilio dopo che bin Salman bin Nayef, erede al trono, è stato rovesciato in un Colpo di palazzo 2017.

L’ex alto funzionario della sicurezza saudita ha detto in un’intervista giovedì che bin Salman, noto anche come Mohammed bin Salman, e bin Nayef hanno tenuto un incontro nel 2014, durante il quale il giovane principe si è vantato di poter uccidere il re Abdullah per aprire la strada al suo regola del padre. CBS60 minuti, andato in onda domenica.

“E gli ha detto, voglio assassinare il re Abdullah. Ho ricevuto un anello avvelenato dalla Russia. Basta stringergli la mano e sarà finita”, ha detto Al-Jabri. “Questo è quello che ha detto. Che si trattasse solo di vantarsi o, ma l’ha detto e l’abbiamo preso molto sul serio.”

All’epoca, bin Nayef era a capo dell’intelligence saudita e bin Salman era una guardia della corte reale di suo padre, senza avere un ruolo ufficiale nel governo. Al-Jabri ha detto di aver visto una registrazione dell’incontro e che le copie del video sono ancora disponibili oggi.

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman partecipa a una cerimonia per la firma dopo l’incontro del presidente russo Vladimir Putin con il re saudita Salman a Riyadh, in Arabia Saudita, il 14 ottobre 2019.
Alexey Nikolsky / Getty Images

Al-Jabri ha descritto bin Salman, il 36enne erede al trono saudita, come “uno psicopatico senza empatia” che non prova emozioni e non ha mai imparato dalla sua esperienza.

READ  Vaccini Covid: l'India è uno dei primi 10 acquirenti al mondo ma ha ancora un posto abbastanza vicino

Un certo numero di scandali sono emersi dal regno da quando bin Salman è salito al potere e lo ha condannato Democratici E un numero crescente di repubblicani.

con sede negli Stati Uniti Washington Post Lo scrittore Jamal Khashoggi, un importante critico del governo saudita, è stato ucciso nel consolato saudita a Istanbul nell’ottobre 2018.

Sono emersi resoconti contrastanti su chi fosse responsabile della sua morte all’indomani dell’incidente. Il governo saudita ha affermato che una squadra di agenti canaglia ha ucciso Khashoggi mentre cercava di convincerlo a tornare nel Paese. Funzionari turchi hanno affermato che gli agenti sono stati inviati da alti funzionari del governo saudita.

Una valutazione dell’intelligence statunitense ha rilevato che Mohammed bin Salman era a conoscenza dell’operazione, nonostante le sue smentite.

In una dichiarazione alla CBS, il governo saudita ha descritto Al-Jabri come “un ex funzionario governativo screditato con una lunga storia di fabbricazioni e di distrazioni per nascondere i crimini finanziari che ha commesso”.

NEWSETTIMANA Ho contattato il governo saudita per ulteriori commenti.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *