L’ungherese Orban accusa l’Unione Europea e gli Stati Uniti di ingerenza mentre la corsa alle elezioni del 2022 si scalda

  • Decine di migliaia manifestano a sostegno di Urban
  • La coalizione di opposizione organizza anche una protesta a Budapest
  • L’Ungheria affronta un’accesa corsa elettorale in vista delle elezioni del 2022

BUDAPEST (Reuters) – Il primo ministro Viktor Orban, che dovrà affrontare una corsa alle elezioni il prossimo anno, ha accusato Bruxelles e Washington di cercare di intromettersi nella politica ungherese e ha invitato i suoi sostenitori a difendere i successi decennali al potere del suo governo nazionalista.

Per la prima volta da quando ha preso il potere nel 2010, Orban affronterà un fronte unito di partiti di opposizione tra cui socialisti, liberali e l’ex estrema destra, ora centrodestra, Jubik, nelle elezioni parlamentari del 2022.

Alleanza esagonale Guidato da Peter Markey Z, un cattolico conservatore di 49 anni, padre di sette figli e sindaco di provincia che sembra incarnare i valori tradizionali che Orbán pubblicamente difende e considera un forte concorrente.

Orbán ha detto a decine di migliaia di suoi sostenitori nel centro di Budapest che Washington e il miliardario George Soros stavano cercando di convincere il loro popolo, l’opposizione di sinistra ungherese, a eleggerli usando i loro soldi, i media e le reti.

“Ma ciò che conta non è quello che vogliono a Bruxelles e Washington e nei media diretti dall’estero. Saranno gli ungheresi a decidere del proprio destino”, ha detto Orban sabato.

“La nostra forza è nella nostra unità… Crediamo negli stessi valori: la famiglia, la nazione e un’Ungheria forte e indipendente”.

In una manifestazione separata dell’opposizione, Marke Zee ha affermato che, se eletto, il suo governo redigerà una nuova costituzione, reprimerà la corruzione, implementerà l’euro e garantirà la libertà dei media.

“Questo sistema è diventato moralmente inaccettabile… lo slancio che abbiamo ora dovrebbe portarci ad aprile 2022”, ha affermato.

READ  Decine di turisti multati dopo che la polizia ha sequestrato 200 chili di sabbia e conchiglie sottratte alle spiagge sarde

I sondaggi d’opinione mostrano che il partito Fidesz di Orban e la coalizione di opposizione sono in movimento, con circa un quarto degli elettori indecisi.

La commemorazione di sabato della rivolta del 1956 contro il dominio sovietico ha fornito a Orban una piattaforma simbolica per la sua agenda mentre il suo partito Fidesz intensifica la sua campagna pre-elettorale.

Ha inondato gli elettori di sovvenzioni, inclusi 2 miliardi di dollari in detrazioni dall’imposta sul reddito per le famiglie, e ha intensificato la sua potente retorica anti-immigrazione.

Il governo di Orbán, insieme al suo principale alleato, la Polonia, si è scontrato con Bruxelles per la libertà dei media, le questioni relative allo stato di diritto e i diritti dei gay, affermando che è nell’interesse dell’Ungheria rimanere membro di una forte Unione europea.

“Bruxelles ci parla e ci tratta, insieme ai polacchi, come se fossimo nemici… Bene, è tempo che loro a Bruxelles capiscano che nemmeno i comunisti potranno sconfiggerci”, ha detto Orbán ai sostenitori acclamati. , che sventolavano la bandiera nazionale e reggevano cartelli con slogan come “Bruxelles uguale dittatura”.

Segnalazione di Kristina Than; Montaggio di Mike Harrison e Ross Russell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *