Marcus Smart schiaccia Jason Tatum e Jaylen Brown in conferenza stampa, grande atmosfera a Boston

Vi abbiamo detto in queste righe che i Celtics hanno perso contro Chicago ieri sera in casa, mentre Boston è avanzato di quasi 20 punti nell’ultimo quarto. Questo è l’evento sportivo della notte NBA, e non il più divertente per i fan della Green House. Tuttavia, come sappiamo, quando c’è quel tipo di schiaffo su un pavimento in parquet, possiamo rapidamente ottenere fiamme extra in una conferenza stampa. Quindi Marcus Smart ha eliminato le partite per bruciare Jason Tatum e Jaylene Brown dopo la sconfitta…

Ah, perché pensavi che perdere la casa di 17 punti così presto nel periodo finanziario fosse abbastanza? Credi che non ci sarà nessun signore? Ma benvenuto a Boston! Boston, la sua ricchezza culturale, il suo franchise leggendario, la sua birra che scorre e… le sue connessioni divine tra i membri della stessa squadra. Non c’è bisogno di cercare da mezzogiorno fino alle due del pomeriggio, e non c’è bisogno di estendere l’argomento il più possibile. Qui abbiamo Marcus Smart, Jason Tatum e Jaylene Brown. Il primo, che non riesce a piazzare 3 tiri consecutivi ad inizio stagione senza ricostruire un villaggio, è con i Celtics dall’inizio della sua carriera NBA. Anche gli altri due, che hanno il punteggio nella pelle e guidano Boston nella maggior parte delle aree, sono stati con i Celtics dall’inizio della loro carriera NBA. Perché ricordi queste informazioni? Perché ha tutta la sua importanza. Smart, Brown e Tatum hanno avuto, più di una volta in passato, scambi post-partita particolarmente intensi. Chi non ricorda le sedie gettate nella bolla di Orlando, quando Smart e Brown si sono scontrati subito dopo la sconfitta? Per un po’, questo trio aveva avuto avventure a Boston e più di una volta ci siamo chiesti se il gruppo non si sarebbe spezzato in futuro. Abbiamo già visto Brad Stevens cambiare posizione e saprà se Smart rimarrà con i Jay Brothers a lungo termine. Una cosa è certa, possiamo dire che non sarà molto divertente iniziare novembre nello spogliatoio di Ime Udoka.

READ  A Indian Wells: a Zverev non bastano due partite per vincere

Infatti, visto che potrete leggere in dettaglio nel resoconto della partita contro Chicago, diciamo che i Verdi sono crollati davanti ai loro tifosi, e la fine della partita è stata orribile. Un attacco sconnesso, tiri forzati, nessuna leadership, difese mal gestite e una folla che fischiava i giocatori quando c’era una vera speranza di vittoria stasera. Il ronzio delle telecamere locali sopra le teste dei giocatori ha detto molto sull’umore al TD Garden. Quello che non sapevamo era cosa sarebbe successo dietro. La conferenza post partita è stata respinta da Brown e Tatum, mentre Smart dezinc ha ritirato l’auto:

“Vorrei solo poter giocare a basket, in realtà. Ogni squadra fa il suo lavoro e ogni avversario ha fatto le ricerche necessarie per fermare Jason (Tatum) e Jaylene (Brown). Penso che il processo di scouting per ogni squadra contro cui giochi sia il stesso, e si tratta di far andare quei due giocatori. Passano la palla. Ma non vogliono trascendere la responsabilità. E questo è qualcosa che devono imparare. Stanno ancora imparando e siamo orgogliosi dei progressi che hanno fatto nel tempo, ma dovranno fare un altro passo. Dovranno trovare modi diversi di giocare, non solo per creare tiri per se stessi ma anche per creare tiri per i giocatori. Gli altri di quella squadra. Perché poi si aprirà di più, soprattutto alla fine delle partite quando devono fare questi tiri complessi, quando devono accettare scontri duri quando sono 1 contro 1 o quando stanno facendo due arresti. È qualcosa che è stato chiesto loro di fare, e loro stiamo imparando. Dobbiamo solo continuare ad aiutarli ad andare avanti con questo, perché questo aiuterà l’intera squadra in seguito. […] Non c’è molto che posso fare se la palla non è nella mia mano, non c’è molto che posso fare se rimango bloccato in un angolo. Progettiamo sistemi per i nostri migliori giocatori, tutti i nostri avversari lo sanno e fanno un buon lavoro per impedirci di eseguire. Non possiamo permetterlo, i nostri avversari stanno facendo un buon lavoro nel fermarci e non dobbiamo continuare a concentrarci su entrambi. Dobbiamo dimenticarlo e trovare altri modi per dare loro la palla in posti diversi. Di nuovo, non c’è molto che posso fare quando sto in angolo, o quando raccolgo la palla e la do via. Quindi cerco di parlare e di convincere questi ragazzi a portare la palla dove vogliono, quando vogliono. “

Accidenti.

Ricorda, la stagione è iniziata due settimane fa…

READ  MLB Report: Mets ha battuto i Reds 15-11 in 11 round

Molte cose vengono in mente quando vediamo queste parole. Anzi, il fatto che Marcus Smart avrebbe dovuto spazzare davanti alla sua porta prima di andare a mettere il naso nel lavandino degli altri. Parliamo di uno dei giocatori più efficaci di Boston a inizio stagione, con Ha avuto un impressionante tiro al tiro del 26%, un tiro da 3 punti del 24% e ha aumentato solo un tiro a partita e la percentuale di assist (4,8) da palle vaganti (2,4) che avrebbe dato a Chris un colpo in campo per Paul. Quindi, prima di entrare nei dettagli, non sono sicuro che Smart sia in una posizione eccellente per sbloccare quando attacca. Questo non vuol dire che non possa parlarne, al contrario, ma diciamo solo che se vediamo Anais Kanter urlare alla difesa di Boston, ci guarderemo dicendo Ottimo, prendilo di nuovo. Improvvisamente, potrebbe non essere una cattiva idea iniziare con Marcus per riportare le palle nei canestri, poiché ciò potrebbe aiutare i suoi compagni di squadra a recuperare.

Ora viene il resto dell’argomento. Non soloNon vogliono passare la pallaMa il resto. Ed è vero che nello sviluppo dei Celtics come Jason Tatum e Jaylen Brown come giocatori, c’è ancora del lavoro da fare con il modo in cui vogliono sistemare le cose. un po’ di direzione kobe ​​esque, che è di mettersi il privilegio sulle spalle e andare avanti con i paraocchi chiusi, quando ci sono buone probabilità che ne usciremo in massa. Sì, Tatum e Brown sono giocatori straordinari e hanno fatto un ottimo modo offensivo e hanno aggiunto una vera industria del gioco al loro gioco. E sì, se ci sono due persone che cercano di portare a termine il lavoro in modo che la stagione di Boston inizi davvero, lo sono. Ma Smart mette il dito su una preoccupazione comune tra i due giovani leader e la task force guidata da Ime Udoka, ed è la capacità di questa squadra di rispondere in modo intelligente. Meno testardi, questi Celtics avrebbero potuto battere i Knicks nella serata di apertura o i Wizards due volte in tre giorni. Soprattutto, per essere migliori nei playoff, gli amici di Al Horford devono dare l’impressione di cadere meno in bocca al lupo, con un gioco stereotipato e quindi facilmente prevenibile, come giustamente fa notare Smart. Ci vorrà tempo, e fortunatamente c’è tempo in questa stagione, ma tutti dovranno investire i propri soldi. Marcus nelle sue parole e nella sua capacità di fare qualcosa di diverso dal bowling, Odoka nella sua preparazione alla partita e nel suo modo di gestire il suo gruppo, e il duo Tatum-Brown nella loro fiducia in una forza lavoro poco reattiva generalmente presente nelle partite ravvicinate.

READ  VfB Stoccarda: programma EM da Churlinov! Macedonia del Nord - girone, avversarie, date

Si tratta di un incidente minore o avremo una risposta feroce dai Jay Brothers? Marcus Smart sta cercando di provocare il duo per scuoterli, potrebbe non essere stato nella posizione migliore per farlo. Ma vedremo solo come reagiranno Brown e Tatum così come il resto del gruppo. Una cosa è certa, parlerà per le strade di Boston questo martedì…

Fonte : Chris Greenham/Forbes Sports

You May Also Like

About the Author: Silvia Tocci

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *