Microsoft ha affermato che un’ingiunzione del tribunale sequestra i siti Web utilizzati dal gruppo di hacker con sede in Cina

“Riteniamo che questi attacchi siano stati ampiamente utilizzati per raccogliere informazioni da agenzie governative, think tank e organizzazioni per i diritti umani”, ha scritto Tom Burt, vicepresidente di Microsoft, in un post sul blog.

L’azione di Microsoft fa parte di uno sforzo più ampio delle società tecnologiche statunitensi e delle agenzie governative per esporre complesse campagne di spionaggio digitale prima che causino molti danni. In un altro caso, la NSA ha indagato su uno schema di hacking in corso in cui sospetti agenti cinesi hanno violato diverse società di difesa e tecnologia statunitensi.

Microsoft si è rifiutata di rivelare pubblicamente quali organizzazioni sono prese di mira nella campagna di hacking appena rivelata. Ma la società tecnologica ha affermato che gli hacker cinesi hanno una storia di tentativi di raccogliere dati sensibili da organizzazioni diplomatiche e ministeri degli affari esteri in Nord e Sud America, in Europa e in Africa.

Nel 2017, hacker cinesi hanno hackerato un appaltatore del governo britannico alla ricerca di informazioni sulla tecnologia militare, rubando “documenti sensibili” nel processo, secondo una società di sicurezza che ha risposto all’incidente. L’anno scorso, la società di sicurezza mobile Lookout ha collegato il gruppo di hacker al malware trovato sui telefoni cellulari uiguri. I governi occidentali hanno accusato la Cina di aver commesso un genocidio contro gli uiguri.

Un’ordinanza del tribunale del tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale della Virginia ha permesso a Microsoft di ottenere il controllo di 42 domini web che gli hacker stavano usando per cercare di entrare nei loro obiettivi. Il traffico da questi siti è ora diretto ai server di computer controllati da Microsoft.

READ  Il Giappone vieta l'ingresso di visitatori stranieri mentre Omicron si diffonde

È l’ultimo esempio di come Microsoft e altre potenti aziende tecnologiche stiano approfittando del fatto che le spie straniere a volte utilizzano le infrastrutture statunitensi nei loro sforzi di hacking. Microsoft afferma che le sue cinque azioni legali contro gruppi di hacker collegati a governi stranieri hanno portato al sequestro di quasi 600 siti Web di hacker.

Qualsiasi battuta d’arresto per il gruppo di hacker cinese o altri è probabile che sia temporanea in quanto gli hacker possono trovare nuove infrastrutture da utilizzare. Ma lo scopo dell’acquisizione è dare ai potenziali hacker un po’ di tempo per badare a se stessi.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *