Ministro degli Esteri marocchino: Israele deve essere uno stakeholder e non un outsider in Medio Oriente

Il Marocco deve far parte di un nuovo ordine in Medio Oriente, legato dalle opportunità regionali e dalla necessità di combattere le minacce comuni, ha affermato venerdì il ministro degli Esteri marocchino Nasser Bourita in un evento virtuale in occasione dell’anniversario della fondazione di Israele. Corde di Abramo.

“C’è bisogno di un nuovo ordine regionale in cui Israele sia un partner nella questione e non sia più un estraneo nella sua regione”, ha detto Bourita all’evento ospitato dal Segretario di Stato americano Anthony Blinken.

“Questo nuovo ordine regionale non dovrebbe essere visto come contro qualcuno, dovrebbe giovare a tutti noi”, ha detto.

Anche questo nuovo ordinamento regionale deve essere stabilito [not only] su una valutazione congiunta aggiornata delle minacce ma anche su come generare opportunità che favoriscano stabilità e sviluppo per tutti”.

L’evento con funzionari statunitensi, israeliani, marocchini, del Bahrein e degli Emirati si è svolto due giorni dopo il 15 settembre 2020, data dell’anniversario della cerimonia della Casa Bianca che ha lanciato gli accordi di Abramo e ha permesso ai paesi arabi di normalizzare le relazioni con Israele.

Prima degli accordi, Israele ha normalizzato le relazioni solo con l’Egitto, con il quale ha firmato un trattato di pace nel 1979, e la Giordania, con la quale è stato raggiunto un accordo nel 1994.

READ  Gli Stati Uniti promettono assistenza medica all'India, poiché il Coronavirus domina gli ospedali: NPR

Il ministro degli Esteri del Bahrain Abdul Latif Al-Zayani, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed partecipano alla firma degli accordi di Ibrahim e alla normalizzazione delle relazioni tra Israele e alcuni paesi del Medio Oriente. (Reuters/Tom Brenner)

Alla cerimonia della Casa Bianca dello scorso anno, l’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha firmato il accordo di pace Con gli Emirati Arabi Uniti rappresentati dal Ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed, e hanno firmato una dichiarazione di pace con il Bahrain rappresentato dal Ministro degli Affari Esteri Abdullatif bin Rashid Al-Zayani.

La cerimonia è stata ospitata dall’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha negoziato accordi che hanno portato anche ad accordi di normalizzazione con il Marocco e il Sudan durante il suo regno.

“Questa amministrazione continuerà a basarsi sugli sforzi di successo della precedente amministrazione per far progredire la normalizzazione”, ha detto Blinken nel primo anniversario di venerdì.

Blinken ha promesso che l’amministrazione Biden avrebbe contribuito a rafforzare le crescenti relazioni di Israele con gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrain e il Marocco, e avrebbe lavorato per approfondire le relazioni di Israele con l’Egitto e la Giordania.

Ha detto che spingerà anche altri paesi ad aderire agli accordi.

Vogliamo espandere il cerchio della diplomazia pacifica.

Il ministro degli Esteri Yair Lapid è d’accordo, dicendo: “Questo Abraham Accords Club è aperto anche a nuovi membri”.

Bourita ha affermato che è importante promuovere e pubblicizzare attivamente i benefici degli accordi come un modo per assicurare alla regione i benefici positivi che possono essere raggiunti attraverso le relazioni con Israele.

READ  Il Giappone punta ad avere vaccinazioni complete entro questo autunno

Ha affermato che nel suo paese sono già state avviate partnership congiunte, anche nel campo del turismo.

Ma ha avvertito che il rilancio del processo di pace israelo-palestinese è anche una componente fondamentale per rafforzare le relazioni di Israele con il mondo arabo.

Oggi, il primo ministro Naftali Bennett ha dichiarato: “Questi accordi senza precedenti sono un nuovo capitolo nella storia della pace in Medio Oriente”.

Ha ringraziato i leader degli Emirati e del Bahrein per “il coraggio e l’audacia che hanno permesso l’instaurazione di relazioni diplomatiche e l’amministrazione statunitense che instancabilmente ha guidato, sostenuto e mediato il successo di questo risultato”.

Bennett ha aggiunto: “Le relazioni tra i due paesi sono ancora agli inizi e hanno già iniziato a dare i loro frutti. Sotto la mia guida, il governo di Israele continuerà ad attuare accordi mentre si adopera per un Medio Oriente stabile, sicuro e prospero per il futuro. dei nostri figli».

L’evento Blinken si è verificato 43 anni dopo che l’ex primo ministro Menachem Begin e l’ex presidente egiziano Anwar Sadat firmarono gli accordi di Camp David nel 1978, sotto gli auspici dell’allora presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter. Era il documento iniziale per quello che sarebbe diventato l’accordo di pace Israele-Egitto del 1979.

Venerdì il presidente Isaac Herzog ha chiamato Carter per ringraziarlo di aver negoziato quello che è stato il primo accordo di pace arabo-israeliano al mondo.

Ha detto che questo passo pionieristico ha salvato vite in Medio Oriente e ha spianato la strada all’accordo con la Giordania e agli accordi di Abraham.

“Ho fatto qualcosa di veramente sacro: questo è stato il primo accordo di pace tra Israele e un paese arabo, che ha portato agli accordi che abbiamo fatto l’anno scorso con gli stati del Golfo”, ha detto Herzog.

READ  Il Brasile sospende l'accordo sul vaccino COVID-19 dell'India mentre si indaga sulle accuse di trapianto

Si è anche congratulato con Carter in vista del suo prossimo 97esimo compleanno il 1 ottobre.

Reuters ha contribuito a questo rapporto.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *