Ministro della Difesa italiano: il cessate il fuoco della Libia è fragile e minacciato da mercenari e militanti

Il ministro della Difesa italiano Lorenzo Gurini afferma che il cessate il fuoco della Libia è fragile e minacciato da mercenari e militanti stranieri, con progressi a livello politico e l’approvazione del governo di unità nazionale che ora gestisce il Paese.

Curini ha raccontato alle Commissioni di Sicurezza del Senato e della Camera dei Rappresentanti italiani sulla delicata situazione in Libia a seguito dei risultati politici conseguiti al debole cessate il fuoco, e l’agenzia di stampa italiana Ago ha affermato che l’Italia si sta concentrando maggiormente sulla parte meridionale della NATO e sta avviando qualsiasi sforzo volto a stabilità nella regione.

Nel frattempo, The Telegraph ha detto al Segretario alla Difesa britannico Ben Wallace di affrontare il gruppo russo Wagner dopo aver dimostrato la sua capacità di ribaltare rapidamente la guerra, e che i rapporti di Wallace sono arrivati ​​dopo il rilascio di immagini satellitari di mercenari in Libia, indicando che facevano parte del L’esercito del Cremlino.

L’ex ministro dell’Interno italiano Marco Miniti ha avvertito della sconfitta del primo ministro libico Abdul-Hamid Deepa, che potrebbe portare a determinare il paese come due zone di potere e influenza: uno stato turco e uno russo, non l’Europa, perché questo sarebbe un colpo terribile per l’Italia e l’UE nel suo complesso.

READ  'La mia pelle è rispettata', grido contro gli attacchi razzisti

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *