Nella prima intervista dal carcere, Navalny, ottimista, parla della vita in carcere

Ha detto che il Cremlino era così preoccupato per le imminenti elezioni che ha orchestrato la campagna di quest’anno non solo contro il suo gruppo e altri attivisti, ma anche contro politici moderati dell’opposizione, gruppi della società civile e media indipendenti come Meduza, Proekt e Dozhd TV.

Navalny ha suggerito che mentre la campagna potrebbe essere un successo tattico per Putin, potrebbe anche essere una responsabilità a lungo termine.

“Putin ha risolto la sua questione tattica: non permetterci di ritirare la maggioranza alla Duma di Stato”, ha detto Navalny, parlando per la camera bassa del parlamento russo. In questo modo ha apprezzato molto le potenzialità del “voto intelligente”. Ma per raggiungere questo obiettivo, ha dovuto cambiare completamente il sistema politico, passando a un livello fondamentalmente diverso, molto più duro della tirannia”.

La repressione a lungo termine, ha detto Navalny, comporta dei rischi perché Putin si fa nemici dei leader locali e regionali “che sono stati espulsi con noi dal sistema politico”.

Il signor Navalny ha suggerito che la mossa mette in evidenza una delle principali debolezze del sistema politico di Putin. Mentre la sinistra e i nazionalisti sono rappresentati da partiti pro-Putin, nessun partito stabile di centrodestra pro-Cremlino rappresenta la classe media emergente del paese di russi urbani relativamente prosperi.

“L’opposizione esiste in Russia non perché Alexei Navalny o qualcun altro la guidi dal quartier generale, ma perché circa il 30 per cento del paese – per lo più istruito e urbano – non ha rappresentanza politica”, ha detto Navalny.

Navalny ha affermato che quando quella che ha definito l’anomalia reazionaria del governo di Putin svanirà, la Russia tornerà al governo democratico. Siamo specifici, come tutti gli altri, ma siamo l’Europa. Noi siamo l’Occidente”.

READ  Sydney ha avvertito del peggio con l'aumento dei casi delta

Julian Barnes ha contribuito alla segnalazione da Washington.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *