NFT: il terreno d’asta del business digitale in Francia

Dopo i venerabili Christie’s e Sotheby’s, domenica una modesta casa d’aste nella Francia orientale ha lanciato un’asta per il business digitale “NFT”, dal nome della nuova tecnologia di convalida in voga associata a un oggetto virtuale. ” Ovviamente saremo i primi in Francia, ma non l’abbiamo fatto per essere i primi “. Regis Cappelaere, uno dei responsabili dello studio Cappelaere & Prunaux a Bar-le-Duc, spiega ad AFP.

« Ciò che conta è il fatto che possiamo vendere opere virtuali, questa è la prima volta che lo facciamo e ci lavoriamo da agosto ”, Continua. Questa vendita è una sorta di “prova”: “Abbiamo visto i voti tra gli anglosassoni, seguirà la Francia? Non lo so.” Dice Régis Cappelaere, riferendosi specificamente al record di 69,3 milioni di dollari raggiunto a marzo con “Everydays: The First 5000 Days” dell’artista digitale Beeple da Christie’s. Regis Cappelaere ha dichiarato dopo la vendita che quattro delle 28 attività sono state cedute per un totale di 400.000 euro.

Più di $ 10 milioni in transazioni giornaliere

Gli NFT designano simboli non scambiabili o “simboli non scambiabili”, certificati di autenticità considerati inviolabili e che consentono all’acquirente dell’oggetto digitale (disegno, animazione, video, foto e musica) di essere sicuro di possederlo . Il mercato di queste opere digitali che scuotono il mercato dell’arte genera più di 10 milioni di dollari in transazioni giornaliere su piattaforme digitali come Nifty Gateway o OpenSea. Dall’interpretazione digitale di Goldorac al “Phonautograph”, la NFT della prima registrazione sonora umana (“Au clair de la lune”, nel 1860), le stime dei 31 oggetti messi in vendita la domenica da Cappelaere & Prunaux sono lontane dai record.

La maggior parte di questi lavori proviene da un gruppo chiamato New French Touch, che si presenta come una squadra “ Gli artisti, gli specialisti della blockchain, i commercianti, i galleristi e i finanzieri, tutti hanno riconosciuto l’interesse nella creazione di arte digitale che sia un ponte, non una disconnessione dal mercato dell’arte fisica. ”. Come una “bobina di filo di nichel”, che è una bobina di filo di nichel, stimata tra 300.000 e 400.000 euro. ” Una volta acquistato l’NFT in sala d’asta, daremo all’acquirente la vera bobina di filo di nichel, per un valore di 1.700.000 euro., Determina il luogo di vendita da trasmettere in streaming su Drouot Live.

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *