Otto delle opere inedite di Picasso sono state donate alla Francia da sua figlia Maya

Il Museo Picasso di Parigi è la più grande collezione al mondo di opere del pittore Pablo Picasso, con otto opere inedite donate alla Francia da sua figlia Maya.

Uno di questi, il cubista e in bianco e nero, fu presentato alla stampa lunedì 1938, alla presenza dei ministri della Cultura Roslyn Bachelot e dell’Economia, Bruno Le Mer.

Il nipote di Picasso, Olivier Whitmeier Picasso, ha spiegato che sotto il titolo “The Peaceful Child Sitting Under the Chair”, riflette Maya da bambina, nascosta sotto i mobili, come un oscuro presagio di un imminente conflitto mondiale. Sua sorella Diana.

La prima figlia di Picasso con Mary-Tharis Walter si è incontrata nel 1927 come parte di una collezione di famiglia donata al Museo e annunciata lunedì.

La collezione personale dell’artista è stata inviata ai suoi discendenti, tra cui sei dipinti, due statue, 1945 di Picasso (La Vonas de Gauss) e un’altra, sculture antropologiche delle Isole Marchesi polinesiane del XIX secolo.

I dipinti più antichi della collezione sono del padre di Picasso, “Don Jose Ruiz”, un pittore, e il dipinto più antico del 1895. La più recente, Cupista, “Tate de Home”, è stata prodotta nell’estate del 1971, nelle fasi finali dell’opera di Picasso.

Oltre ad essi, uno “studio di mandolinista” in bianco e nero a carboncino e olio (1932), un ritratto di Emily Marguerite Walter (detta lo “zio”), la suocera di Picasso, un olio e una matita risalenti al 1939; “El Bobo”, un album da disegno contenente olio cubista ispirato al nano di Wallace e datato 1959, e diversi studi per “Dajuner Sir El Herbe” ispirati all’acclamato Edward Manet di Picasso.

READ  La star di 'Basic Instinct' Sharon Stone dice che non può fermare l'uscita di 'Director's XXX Cut'

“eterno mondo”

Tutte queste opere “consentono di raccontare l’opera di Pablo Picasso in un modo inedito”, ha sottolineato la signora Bachelode, che ha affermato di “avere una profonda passione (…) per celebrare l’ingresso delle (le) collezioni nazionali in questa collezione .”

“La National Collection è molto felice di vederla arricchita, ma quando si tratta di Picasso, il principale artista della modernità, il suo lavoro sembra indescrivibile, e questa gioia è ovviamente raddoppiata”, ha aggiunto.

La donazione, un’operazione che ha permesso a Maya Ruiz-Picasso di pagare in questo modo la sua tassa di successione, è stata “una delle più importanti degli ultimi decenni”, ha detto, aggiungendo che “lo scopo di questo evento eccezionale”.

Queste nuove opere sono già state ospitate nel Museo Picasso dal 1985, collezionando innumerevoli opere. Saranno completamente disponibili al pubblico da aprile 2022.

L’importo totale della riscossione non è specificato ei ministri chiedono il segreto fiscale.

Il Museo Picasso è stato creato principalmente da due donazioni istituzionali fatte dagli eredi di Pablo Picasso nel 1979 e nel 1990, poi da opere dell’amante dell’artista Dora Marr per dieci anni tra il 1935 e il 1945, e poi da donazioni o donazioni a parenti e amici dell’artista, e dagli acquisti statali (1881-1973) perché molto ristretti.

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *