Pakistan Airlines sospende le operazioni in Afghanistan a causa dell’interferenza dei talebani

di Syed Reza Hassan

ISLAMABAD (Reuters) – La Pakistan International Airlines ha sospeso giovedì i voli per la capitale afghana, Kabul, dopo quella che ha descritto come una grave interferenza delle autorità talebane, tra cui modifiche arbitrarie delle regole e intimidazioni del personale.

Il commento è arrivato quando il governo talebano ha ordinato alla compagnia aerea, l’unica compagnia aerea internazionale che opera regolarmente al di fuori di Kabul, di ridurre i prezzi dei biglietti ai livelli in cui si trovavano prima della caduta del governo afghano appoggiato dall’Occidente ad agosto.

“Stiamo sospendendo i nostri voli per Kabul da oggi a causa della mano pesante delle autorità”, ha detto un portavoce.

In precedenza, i talebani avevano avvertito Pakistan International Airlines e Afghan Kam Air che le loro operazioni in Afghanistan rischiavano di essere interrotte a meno che non avessero accettato di ridurre i prezzi dei biglietti, che sono saliti a livelli oltre la portata della maggior parte degli afgani.

Con la maggior parte delle compagnie aeree che non volano più in Afghanistan, i biglietti per i voli per la capitale del Pakistan, Islamabad, sono stati venduti fino a $ 2.500 su PIA, secondo gli agenti di viaggio a Kabul, rispetto ai $ 120-150 prima.

Il ministero dei Trasporti afghano ha dichiarato in una nota che i prezzi sulla linea devono essere “adeguati alle condizioni del biglietto prima che l’Emirato islamico vinca” o i voli saranno sospesi.

Ha esortato i passeggeri e gli altri a segnalare eventuali irregolarità.

I voli tra l’Afghanistan e il Pakistan sono stati gravemente limitati dalla riapertura dell’aeroporto di Kabul il mese scorso a seguito dell’evacuazione caotica di oltre 100.000 occidentali e afgani vulnerabili sulla scia della vittoria dei talebani.

READ  Singapore inizia ad allentare le restrizioni Covid mentre le infezioni quotidiane diminuiscono

Pakistan Airlines, che opera voli charter per Kabul invece dei normali servizi commerciali, ha affermato di aver mantenuto i voli “per motivi umanitari” e di dover pagare premi assicurativi fino a $ 400.000 per volo.

“I premi per questi voli sono così alti che è semplicemente impossibile operare voli di linea per Kabul, poiché gli assicuratori e i locatori di aerei sono ancora considerati una zona di guerra”, ha affermato la compagnia in una nota.

Non ci sono stati commenti immediati da Cam Air.

La PIA ha affermato che dalla formazione del nuovo governo talebano, i suoi dipendenti a Kabul hanno dovuto affrontare cambiamenti dell’ultimo minuto nei regolamenti e nei permessi di volo e “comportamenti estremamente intimidatori” da parte dei leader talebani.

Ha detto che il suo rappresentante per il Paese è stato tenuto sotto tiro per ore ed è stato rilasciato solo dopo l’intervento dell’ambasciata pakistana a Kabul.

Con l’aggravarsi della crisi economica che si aggiunge alle preoccupazioni per il futuro dell’Afghanistan sotto il dominio dei talebani, c’è stata un’enorme domanda di voli, esacerbata dai problemi ricorrenti ai valichi di frontiera via terra verso il Pakistan. L’ufficio passaporti principale di Kabul è stato assediato da persone che cercavano di ottenere documenti di viaggio da quando è stato riaperto questo mese.

I voli sono stati utilizzati anche da funzionari internazionali e operatori umanitari in viaggio verso Kabul.

(Copertura di Syed Raza Hasan – Scritto da James McKenzie; Montaggio di Toby Chopra e William MacLean)

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *