Per gli sviluppatori immobiliari in Cina, Hong Kong è diventata il cortile di Shenzhen

Scritto da Claire Jim

Gli sviluppatori immobiliari cinesi hanno rivolto la loro attenzione alle aree di frontiera di Hong Kong poiché i residenti sulla terraferma della vicina fiorente città di Shenzhen vedono parti dell’ex colonia britannica come un’opportunità per alloggi a lungo termine a prezzi accessibili.

I piani di sviluppo sono visti da alcuni come un punto di svolta, poiché gli acquirenti di quelli che in precedenza erano considerati l’hinterland industriale più economico di Hong Kong vedono sempre più il centro finanziario globale come il “cortile” di Shenzhen.

Mentre il mercato immobiliare di Hong Kong continua a surriscaldarsi, la posizione economica internazionale della città è stata messa sotto pressione dopo le proteste a favore della democrazia nel 2019 e le nuove leggi sulla sicurezza nazionale lo scorso anno.

Al contrario, la statura di Shenzhen continua a crescere. Durante una visita lo scorso ottobre, il presidente Xi Jinping l’ha definita una “città modello” e ha elaborato piani per aumentare gli investimenti stranieri. (La storia completa)

In pochi decenni, le calme acque stagnanti al confine meridionale della Cina si sono trasformate in un centro tecnologico di circa 13 milioni di persone, mentre le persone si alzano al di sopra degli stagni e dei terreni agricoli del nord meno sviluppato di Hong Kong. Centinaia di migliaia si trasferiscono lì ogni anno.

Nelle principali aree di Shenzhen, come Nanshan dove ha sede il gigante della tecnologia Tencent 0700.HK, alcuni prezzi delle case hanno già superato quelli nel nord di Hong Kong, che dista un’ora o più dal costoso quartiere centrale degli affari.

“La nostra visione a lungo termine è che Shenzhen sarà il centro e Hong Kong l’oceano”, ha detto un dirigente di una società di sviluppo cinese che ha acquistato un terreno nel nord meno attraente, che ha chiesto di non essere nominato perché non era autorizzato a farlo. parlare ai media. .

READ  Risultati delle elezioni di cinque stati indiani in programma domenica

“Le persone che lavorano a Shenzhen potrebbero scegliere di trasferirsi da Hong Kong poiché i prezzi delle case saranno più convenienti”.

I registri del Land Department di Hong Kong mostrano che su sei lotti residenziali nel nord che sono stati messi all’asta dal 2019, tre sono stati acquistati da sviluppatori cinesi.

In un accordo privato separato lo scorso anno, China Evergrande Group 3333.HK ha acquistato 250.000 piedi quadrati nella città di confine di Yuen Long, da Henderson Land 0012.HK a Hong Kong per $ 600 milioni.

Gli agenti immobiliari hanno detto a Reuters che il principale sviluppatore cinese stava progettando circa 200 unità nella regione e si aspettava che la maggior parte degli acquirenti provenisse dalla terraferma. Un agente in contatto con Evergrande ha detto che la società ha acquistato a HK $ 10.000 per piede quadrato e sta cercando di vendere a HK $ 20.000, che spera attiri i residenti della terraferma da Shenzhen.

Nella parte appena oltre il confine di Shenzhen, i prezzi si avvicinano ai 30.000 dollari di HK per piede quadrato.

Evergrande vende anche 2.000 appartamenti nel quartiere di Tuen Moon, a 15 minuti di auto da Nanshan e vicino alla spiaggia, dopo aver completato un progetto su un terreno acquistato da Henderson Land per 833 milioni di dollari nel 2018.

Lo scorso anno Kaisa Group 1638.HK, con sede a Shenzhen, ha vinto uno sfratto per $ 451 milioni, mentre lo sviluppatore principale China Vanke 2202.HK ha già costruito più di 1.100 unità.

Kaisa ha affermato che il sito vicino all’HZMB potrebbe trarre vantaggio da una più stretta integrazione delle città nella Greater Bay Area. L’unità Fanke di Hong Kong ha detto che è conveniente viaggiare a Shenzhen e Macao, ma ha aggiunto che il nord di Hong Kong non è il suo unico obiettivo.

READ  "Potrebbe morire in qualsiasi momento", dice il dottor Alexei Navalny, un critico di Putin.

Evergrande ha rifiutato di commentare.

Prezzi “straordinari”

Secondo l’agente immobiliare Midland, la Cina continentale ha acquistato il 40% degli immobili residenziali a Hong Kong nei primi due mesi del 2021 rispetto a un anno fa, incoraggiata dall’ottimismo che i confini si apriranno con il placarsi della crisi COVID-19.

La percentuale di acquirenti di nuove case a Hong Kong dalla terraferma è diminuita nel secondo trimestre dello scorso anno all’8,7% del volume delle transazioni ed è salita all’11% nel primo trimestre di quest’anno.

Midland ha affermato che oltre l’80% dei loro acquisti nel 2021 è stato valutato oltre 50 milioni di dollari di Hong Kong ($ 6,4 milioni).

“Gli sviluppatori cinesi sono ottimisti sul mercato immobiliare di Hong Kong”, ha affermato Sami Po, amministratore delegato di Midland Hong Kong. “Le regioni settentrionali sono una delle aree in cui gli investitori cinesi stanno acquistando”.

Tuen Mun e Yuen Long hanno assistito a diverse manifestazioni antigovernative e anti-cinesi nel 2019. È improbabile che le proteste riprendano, ma le tensioni permangono, poiché alcuni residenti ricchi sentono che i nuovi arrivati ​​ricchi stanno sconvolgendo il loro stile di vita.

“Tuen Mun ha prezzi FMCG più alti rispetto a Downtown, il che non è normale”, ha detto Wong, 50 anni, che ha dato solo il suo cognome a causa della sensibilità.

(Reporting co-reporting di Sharon Tam; Montaggio di Marius Zahariya e Sam Holmes)

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *