Perché gli utenti di Internet “piangono” 25 milioni di lacrime

Ci sono scandali che perseguitano molti fino alla fine dei loro giorni e sembra che sia così Youtuber Juanba Zurita, che questo pomeriggio è stato vittima di un trend che ha portato molti a credere che sia davvero morto.

con l’hashtag #QepdJuanpaZurita Molti netizen hanno condiviso foto di Creatore del contenuto Con un fiocco nero, un chiaro riferimento a morte improvvisaMa ciò che ha chiarito che era tutto un brutto scherzo è stato il fatto che se ne sono pentiti di più “Perdite 25 milioni”.

Quanto sopra è in chiaro riferimento ai soldi fatti da un attore seriale come “Luis Miguel String”; Stava per mettersi in tasca un set iniziato dopo un terremoto 19 settembre 2017.

Come riportato, in quell’occasione il creatore chiese ai suoi followers di supportare il suo gruppo, presumibilmente per costruirlo case per le vittime Il terremoto che ha lasciato molte persone senza casa. Tuttavia, sembra che le case non siano mai state costruite e Zurita non ha saputo spiegare cosa sia successo al denaro raccolto.

Molto spesso, gli utenti di Internet usano rRicordati di “truffare” uno YouTuber, che ha fatto tendenza il suo nome, ma questa volta hanno deciso di “ucciderlo”, in modo che la gente entrasse nell’hashtag, sapendo che è comune per molti associare il suo nome a 25 milioni di pesos “persi”.

Un altro YouTuber che tende a diventare una tendenza più spesso Nota di AponteMolti ricordano anche le accuse di maltrattamenti nei suoi confronti, quindi li ha ancora sorpresi che abbia migliaia di follower sui social.

mentre, Zurita Né ha menzionato nulla sui social media, e il suo ultimo post riguardava un video caricato su YouTube.

READ  Il principe George è andato con i suoi genitori William e Kate alla partita UEFA tra Inghilterra e Germania | persone | divertimento

You May Also Like

About the Author: Luigia Di Traglia

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *