Più di 900.000 persone in Francia si affrettano a ottenere un vaccino COVID mentre si avvicinano misure più severe

Le donne passano davanti a un centro di vaccinazione contro il coronavirus (Covid-19) allestito di fronte al municipio di Parigi, Francia, 7 luglio 2021. REUTERS/Sarah Messonnier

PARIGI (Reuters) – Più di 900.000 persone in Francia si sono affrettate a programmare le vaccinazioni lunedì sera dopo che il presidente ha avvertito che le persone saranno soggette a restrizioni se non hanno un permesso sanitario che copre un vaccino o un test COVID negativo.

Emmanuel Macron, che ha svelato misure radicali per combattere l’ondata di infezioni, ha affermato che la vaccinazione non sarà obbligatoria per il pubblico per ora, ma ha sottolineato che le restrizioni si concentreranno su coloro che non sono stati vaccinati.

Il presidente ha affermato che gli operatori sanitari devono essere vaccinati entro il 15 settembre per evitare conseguenze.

Stanislas Neukes-Chateau, che dirige Doctolib, uno dei più grandi siti web del paese utilizzato per prenotare appuntamenti per i vaccini, ha detto a RMC Radio che dopo l’annuncio del presidente sono stati registrati numeri record di richieste di vaccini.

“Ci sono state 7,5 milioni di chiamate a Doctolip in pochi minuti. Più di 900.000 francesi hanno programmato ieri la data di vaccinazione, che è il doppio dell’ultimo record, risalente all’11 maggio”, ha affermato Knox-Chateau.

Lunedì, Macron ha affermato che il permesso sanitario richiesto per partecipare a eventi su larga scala sarà ora utilizzato più ampiamente, compreso l’ingresso a ristoranti, cinema e teatri.

Dall’inizio di agosto saranno necessari anche treni e aerei a lunga percorrenza, fornendo un ulteriore incentivo alle persone per ottenere lo scatto all’inizio della stagione delle vacanze estive.

Il rallentamento dei tassi di vaccinazione e il forte aumento dei nuovi contagi dovuti alla variante delta altamente contagiosa, ormai prevalente, hanno costretto il governo a ripensare alla propria strategia.

READ  Si prevede che le forniture di Johnson & Johnson diminuiranno dell'85% a livello nazionale

(Segnalazione di John Irish e Jean-Stefan Bruce); Montaggio di Robert Persell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *