Presentatore sportivo e viaggiatore: Holger Obermann Matt

Presentatore sportivo e viaggiatore
Matt Holger Obermann

Per ARD, Holger Obermann riferisce di circa 500 partite della Bundesliga e l’ex professionista viaggia in tutto il mondo come fattore di sviluppo del calcio. Per conto di associazioni e governi promuove lo sport, venendo addirittura colpito da un missile. Ebbene, è morto all’età di 85 anni.

L’ex calciatore professionista, presentatore sportivo e addetto allo sviluppo Holger Obermann è morto all’età di 85 anni. Lo ha confermato sua moglie Barbara. Di conseguenza, Obermann è morto il 30 ottobre per le conseguenze della contrazione del virus corona. Secondo sua moglie, Oberman è stato vaccinato due volte e non c’era un vaccino di richiamo. Nato a Kassel, ha lasciato due figli e tre nipoti.

Il portiere di calcio Obermann ha precedentemente giocato per Hessen Kassel, Concordia Hamburg e FS a Francoforte prima di diventare il primo professionista tedesco ad andare negli Stati Uniti nel New Jersey nel 1961. Nel 1966, la sua carriera televisiva è iniziata con ARD, riportando 500 partite di campionato tedesco. Dal 1971 al 1984 ha anche diretto l’ARD Sports Show ed è stato sul posto come reporter in cinque campionati del mondo. “Ricordo la battaglia dell’acqua a Francoforte in particolare alla Coppa del Mondo del 1974”, ha detto di recente Obermann in un’intervista per il suo 85esimo compleanno. “Ho passato molto tempo con Uwe Seeler al microfono”.

Opperman si è fatto un nome principalmente come agente di sviluppo. Ha guidato molti progetti di aiuto in tutto il mondo. Gli incarichi all’estero per conto della Federcalcio tedesca, della FIFA, del DOSB e del governo federale lo hanno portato in paesi come Gambia, Guinea, Malesia, Taiwan e Filippine. Il viaggiatore si è anche recato in aree di crisi e di guerra come lo Sri Lanka post-terremoto, Timor Est e Afghanistan. “Forse la situazione più pericolosa”, ha scritto Hessische Niedersächsische Allgemeine, che l’ha testata “prima della sua prima partita internazionale in Afghanistan, quando un missile è atterrato sull’hotel”.

Nel 1997 Obermann è stato insignito dell’Ordine Federale al Merito di I Classe in riconoscimento del suo impegno, e nel 2004 ha ricevuto il “Premio Tolleranza e Fair Play” dal Segretario Federale degli Interni. La FIFA gli ha conferito l’Ordine al Merito ai Mondiali del 2010. Ha scritto le sue esperienze nel grande mondo dello sport nel libro “Football I Have Wings”, sottotitolato: “Experiences from New York to Kabul”. Il suo ultimo progetto è stata una scuola di calcio giovanile in Nepal.

READ  Più recente: il campione in carica Swiatek nei quarti di finale

You May Also Like

About the Author: Silvia Tocci

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *