Progetto italiano di recupero: salute e istruzione


Con un calo del 9% del PIL e uno dei più alti record di morti per Covid-19 in Europa, l’Italia è uno dei paesi più in difficoltà nel 2020. Attualmente, più di 200-200 miliardi vengono forniti al paese dall’Unione europea come parte di un ambizioso pacchetto di stimoli. Questo segna un’opportunità unica per “Bell Pace” per ribaltare la sua crisi. La domanda è: è davvero possibile?

Per gli scienziati sociali la situazione in Italia è sempre stata un caso di studio confuso. Sebbene sia il terzo paese più ricco della zona euro, l’Italia è uno dei sistemi socio-economici più inattivi.

Il suo sistema pensionistico è obsoleto, l’Autorità Palestinese è lenta e inefficiente, la digitalizzazione è lontana dalla media dell’UE, il carico fiscale è incredibilmente alto e la corruzione dilaga. L’impatto dell’epidemia ha esacerbato la condizione, a Calo del 9% del PIL E Il debito pubblico aumenterà al 158% del PIL.

Tuttavia, al governo italiano è stata offerta l’opportunità di invertire questa caduta sotto forma di un’ancora di salvezza da 200 miliardi di euro, che fa parte del pacchetto di stimoli dell’UE per la “UE di prossima generazione”. Dopo diverse tese negoziazioni settimanali all’interno dell’esecutivo, è stata rilasciata di conseguenza una nuova bozza del piano di ripresa italiano.

Il progetto si occupa di sei macro aree di riforme e investimenti: digitalizzazione, rivoluzione verde, infrastrutture, istruzione, contenuti e salute. Le sezioni seguenti forniscono informazioni su queste due aree:

SalutePerché nel 2020 è stato al centro dell’attenzione internazionale e l’Italia è il settore che deve dimostrare la sua efficacia e credibilità;

Formazione scolasticaLa mancanza di riforme strutturali e l’incompatibilità delle capacità rendono gli studenti italiani impopolari tra gli investitori.

Salute (fondi stanziati: 19,72 miliardi)

L’Italia ha una speranza di vita alla nascita più lunga rispetto alla maggior parte dei paesi OCSE e dell’UE. Continua così e raggiungi questo obiettivo La spesa sanitaria per il PIL è inferiore alla media dell’UE. Sebbene la longevità possa essere determinata da altri fattori (come la qualità del cibo e dell’acqua, lo stile di vita, ecc.), L’assistenza sanitaria gioca senza dubbio un ruolo.

Tuttavia, l’Italia presenta alcuni importanti problemi strutturali che diventano evidenti sulla scia dell’attuale epidemia. Ad esempio, è stato dimostrato che gli ospedali non possono rispondere a traumi significativi. È causato da una serie di fattori: la mancanza di un rinnovato programma antinfettivo, il basso numero di infermieri e professionisti medici specifici (anestesisti, neurologi, specialisti in malattie infettive, ecc.), Tecnologie obsolete e scarse prestazioni in telemedicina e domiciliare cura. Questi, insieme all’invecchiamento della popolazione, hanno creato un mix mortale che ha messo i servizi sanitari nazionali e regionali italiani sotto una pressione insostenibile durante l’epidemia di COVID-19.

READ  Quaresima, una delle preferite dagli italiani | Taste, display da pranzo di Santa Fe

Il programma di ripristino sta cercando di risolvere alcuni di questi problemi. Per ridurre la pressione sugli ospedali, ப 7 miliardi saranno investiti nella manutenzione della casa E rafforzare le strutture sanitarie al di fuori degli ospedali. Nuove strutture (chiamate “ospedali di comunità”) vengono costruite per curare pazienti affetti da malattie o lesioni che non richiedono molta manutenzione. Si prevede di costruire un totale di 753 “ospedali di comunità” entro il 2026.

Sebbene questi siano senza dubbio obiettivi ambiziosi, possono avere un impatto significativo se implementati correttamente, e ancora mancano (o ignorano) alcune questioni importanti. Primo, non c’è segno di “chi farà cosa”: il governo federale? Incontri regionali? Ospedali? Senza un piano chiaro di bozza di attuazione e responsabilità, sembra una dichiarazione di intenti.

Inoltre, non si rivolge ai due grandi elefanti nella stanza. In primo luogo, l’eliminazione della barriera al lavoro diretto negli ospedali al termine di un corso di medicina, che priva i giovani del sistema sanitario.

In effetti, il volume creato per i futuri studenti di medicina – e lo sarà – avrà, come affermato sopra, un impatto sul numero di medici e professionisti medici che sono estremamente necessari. Il più grande ostacolo alla presenza di giovani in ospedale è il prerequisito per un programma speciale da 2 a 6 anni (spesso con un finanziamento minimo disponibile) per lavorare in un ospedale. In altre parole, proprio come in altre parti d’Europa, gli studenti di medicina non possono formarsi sul posto di lavoro subito dopo la laurea.

In secondo luogo, sebbene sia diventata una preoccupazione centrale dei sistemi sanitari di tutto il mondo, non esiste un piano di prevenzione chiaro o completo.

L’elemento più scioccante, tuttavia, è che le parole “corruzione” o “mafia” non sono menzionate in nessun punto dell’intero documento. Nonostante la diffusa corruzione, il governo finge ciecamente che non vi sia alcun rischio che il denaro investito venga sprecato o sottratto.

Istruzione (fondi stanziati: 28,49 miliardi)

Sebbene incredibilmente generoso con il suo sistema di pensionamento, L’Italia ha il più basso livello di investimenti nell’istruzione nell’Unione Europea e nell’OCSE. L’effetto è evidente nei test standardizzati internazionali Gli studenti italiani sono al di sotto della media sia in matematica che in lettura, Soprattutto nel sud. Il sistema educativo è obsoleto ed è ancora basato su un design sviluppato sotto il dominio fascista. Troppa attenzione è sulle idee e non abbastanza sulle competenze. Gli insegnanti sono sottopagati e non idonei e non esiste un processo di selezione qualificante, l’età è il fattore più appropriato per l’assegnazione delle promozioni.

READ  Questa è l'ultima canzone dedicata a Gloria Trevy Sergio Andrade dopo la sua scarcerazione | video

Il piano di ripresa cerca di affrontare la “incompetenza” in Italia. Il sistema educativo non prepara gli studenti al lavoro, quindi gli investitori non sono particolarmente interessati al capitale umano italiano, considerando la mancanza di analisi, lingua, tecnologia dell’informazione e competenze trasversali degli studenti. Per questo motivo, più di 5 miliardi saranno investiti per fornire agli studenti campi STEM, digitalizzazione e più curricula in lingue straniere. – Solo ில்லியன் 1 miliardo viene stanziato per aumentare il numero di ore che gli studenti trascorrono a scuola.

Ulteriori finanziamenti saranno spesi anche per la ricerca, l’istruzione terziaria, la digitalizzazione e la formazione degli insegnanti, che non metteranno alla prova le conoscenze, con la definizione di un nuovo sistema di selezione, ma un approccio all’insegnamento, attraverso un anno di formazione.

Anche in questo caso le riforme sono indubbiamente ambiziose, ma non è chiaro come verranno realizzati i progetti e chi sarà responsabile della loro supervisione. Inoltre, sembra esserci una mancanza di visione chiara per questo progetto.

Nel mondo di oggi i campi STEM e le lingue straniere sono essenziali ed è vero che devono essere rafforzati. Tuttavia, se i metodi di insegnamento e valutazione fossero ancora obsoleti e focalizzati sulla memorizzazione delle informazioni piuttosto che sullo sviluppo delle competenze, non sarebbero in grado di superare l’arretratezza del sistema italiano. Tuttavia, i metodi non vengono mai menzionati e non esiste un piano chiaro per formare gli insegnanti in questa materia o per chiarire promozioni specifiche o avanzamenti di carriera basati sul merito.

Cosa aspettarsi per il futuro?

La bozza fin qui analizzata è un prodotto del governo Secondo Conte. Tuttavia, dopo una crisi politica, è stato formato il nuovo esecutivo di “Unità nazionale”, con Mario Draghi – un ex leader dell’ECP – come primo ministro.

Poiché il pacchetto “UE di prossima generazione” è stato uno dei fattori che hanno portato alla fine del governo precedente, possiamo aspettarci alcuni cambiamenti fondamentali. Ciò è particolarmente vero ora che le aspettative e la fiducia degli investitori sono aumentate grazie alla presenza di una persona di alto livello come Tracy.

Un’area di particolare attenzione è l’istruzione, con il suo nuovo ministro, Patricio Pianchi, un economista indipendente specializzato nel settore.

Attingendo ad alcune delle pubblicazioni di Pianchi, possiamo già prevedere alcune delle sue priorità. Il focus su informatica, SDEM e lingue straniere sarà sicuramente un punto di continuità, oltre a maggiori investimenti nelle scuole professionali e tecniche.

READ  S.C. per ascoltare la richiesta del Centro di aggiornare il processo il 9 aprile contro gli imputati.

Cercherà di “rivitalizzare” il curriculum e creare opportunità per esperienze professionali durante il liceo. Non è chiaro se possa sfidare l’uso dei metodi di insegnamento tradizionali. Se lo fa, dovrebbe essere consapevole della difficoltà di attuare una riforma che si basi sulla buona volontà della forza lavoro che invecchia per cambiare i suoi metodi.

Possiamo aspettarci di più dalle scuole e dai loro insegnanti aumentando l’autonomia delle scuole nella scelta della propria offerta educativa. Quest’ultimo punto è stato controverso in passato perché metterebbe in discussione il privilegio degli insegnanti più anziani poiché l’età è più importante del merito. Bianchi vedrà una forte opposizione da parte dei sindacati degli insegnanti, ed è troppo presto per dire se avrà successo dove altri hanno fallito.

In un’altra nota, Roberto Speranza ha mantenuto la sua carica di ministro della salute nel nuovo governo. Sebbene si riferisca a una serie di componenti basati su come viene gestita la reazione a COVID-19, non implica continuità nello sviluppo del programma di recupero. Tracy ha chiarito che la salute sarà in prima linea nel suo processo, il che significa che giocherà un ruolo attivo in questo campo.

Sebbene la maggior parte dei punti analizzati nella sezione precedente sarà probabilmente confermata, è importante esaminare attentamente quali cambiamenti verranno apportati nella governance, nella selezione del personale e nelle facoltà di medicina. Questo punto rientra nei confini dell’Università e del Ministero della Ricerca. Non è un caso che la nuova ministra, Christina Messa, sia una ricercatrice in scienze mediche. È inoltre impensabile che abbia un ruolo nella ridefinizione di alcuni elementi del piano di recupero relativo alla salute.

Tuttavia, rispetto a Bianchi, le sue opinioni non sono molto note. Quindi, sarà impossibile prevedere quale sarà il suo contributo.

Il progetto presenta certamente alcune importanti lacune nella definizione dei ruoli e nell’attribuzione delle responsabilità. Il nuovo governo Troki farà sicuramente del suo meglio per proporre un piano che possa funzionare per la Commissione Ue e per l’Italia. Tuttavia, questo indubbiamente minerebbe le concessioni di un settore pubblico in cui il “merito” è un mito e dovrebbe affrontare una dura opposizione da parte dei sindacati.

Solo il tempo dirà se Drake vincerà la sua battaglia.

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *