Revisione auto usate: Suzuki Jimny – buona per fuoristrada, cattiva al TÜV

Controllo auto usate
Suzuki Jimny – Bravi in ​​campo, cattivi nel TÜV

Chiunque cerchi un’auto usata per l’uso fuoristrada, ma non i soldi per una Mercedes Classe G o una Jeep Wrangler, finirà inevitabilmente con una Suzuki Jimny. Ma attenzione: mentre ha fatto parkour fuoristrada a pieni voti, è proprio per questo che non è più in grado di segnare punti con TÜV.

Quando ha debuttato nel 1998, la Suzuki Jimny sembrava essere a corto di tempo. Piccolo, spigoloso, ergonomico e adatto a tutti i terreni, era un’alternativa stilistica al SUV liscio di 23 anni fa. Il piccolo Kraxler è rimasto in qualche modo invariato nella gamma fino al 2018, quando è subentrata la nuova generazione. Tuttavia, questa è stata solo una breve apparizione come ospite, poiché Suzuki ha ritirato dal mercato la versione per auto Jimny già nel 2021.

Anche se è una cabriolet con la capote

Con una lunghezza di 3,66 metri, la Suzuki Jimny non è altro che un’auto per le vacanze.

(Foto: Suzuki)

La Suzuki Jimny era disponibile con una tre porte e quattro posti, porte chiuse, fino al 2012 i giapponesi offrivano anche una versione cabriolet con tetto in tessuto. Il veicolo, lungo solo 3,66 metri, offre relativamente poco comfort e spazio per i passeggeri. Può ospitare fino a quattro persone, ma devono piegare le ginocchia e la testa. L’interno è semplicemente progettato. Le caratteristiche di identificazione dello stile sono la leva del cambio lunga e la plastica dura utilizzata. Quest’ultimo non ha un bell’aspetto, ma è facile da pulire.

Il bagagliaio ha una capienza di 100 litri, se si piegano gli schienali diventano 800 litri. Se stai cercando comfort di guida e attrezzature di lusso, dovresti cercare altri veicoli. Tuttavia, ciò che Jimny può davvero fare a differenza di un SUV, grazie alla sua tecnologia di trazione integrale convertibile e all’ingranaggio di abbassamento, nonché ai suoi sbalzi ridotti e all’angolo di approccio sul campo di 36 gradi. Scavare nella terra e nel fango, arrampicarsi su colline e valli: queste sono le competenze di base dei giovani giapponesi. Dopo il 2005, Jimny ha ricevuto un restyling nel 2013. Visivamente, tuttavia, c’era solo una revisione poco appariscente.

Piccoli motori e un po’ di comfort

004 Suzuki Jimny 041212.jp

L’interno è semplice come una piccola Suzuki Jimny.

(Foto: Suzuki)

Durante il periodo di produzione, Suzuki aveva in offerta motori a benzina e diesel a quattro cilindri per la Jimny. Gli acquirenti potevano scegliere tra un cambio manuale a cinque marce o un cambio automatico con lo stesso numero di passaggi di marcia. La trazione integrale selezionabile è a bordo dal 1998 e dal 2005 sarà attivata elettricamente.

Le prestazioni del motore possono essere controllate. I motori a benzina – varianti da 1,3 litri – hanno 80 CV (fino al 2000), 82 CV (fino al 2005) e più recentemente 84 CV. Inoltre, tra il 2004 e il restyling, i giapponesi avevano un motore diesel da 1,5 litri introdotto dalla Renault nella loro gamma. Il primo fece 65 cavalli, poi 86 cavalli. A differenza di un motore a benzina, un motore diesel, con una coppia massima di 200 Nm, ha molta più gravità di un motore a benzina di circa la metà. I motori non sono economici. In media, nelle linee scorrono tra 7,1 e 8,0 litri (benzina) e 6,1 litri (gasolio). Questi sono i valori della scheda tecnica. In realtà, dovrebbe essere più di questo.

001 Suzuki Jimny 041212.jpg

La regione in cui viene utilizzato il Suzuki Jimny richiede un’adeguata ispezione del veicolo al momento dell’acquisto di un veicolo usato.

(Foto: Suzuki)

La gamma di unità chiarisce anche che Jimny non è destinato a lunghi viaggi e l’autostrada è solo uno dei miei luoghi preferiti in casi eccezionali. Il telaio trova ogni buco e informa gli occupanti che è relativamente non filtrato. Tuttavia, è probabile che la maggior parte dei proprietari abbia utilizzato la propria auto come guida fuoristrada, il che rende necessario dare un’occhiata da vicino sotto l’auto prima di firmare il contratto di vendita.

Difetti di sterzo, freni e sospensioni

Jimny non è leader nella tecnologia di sicurezza o nelle attrezzature per il comfort. Il piccolo fuoristrada non ha superato il crash test Euro NCAP. L’ESP è stato utilizzato solo dal 2014 e prima esisteva un’esenzione che permetteva di rinunciare al programma di stabilizzazione. Gli airbag per la testa o laterali non sono affatto disponibili. Anche il resto dell’equipaggiamento è piuttosto scarso, anche dall’elenco degli optional non si può ottenere altro che una radio CD e l’aria condizionata. Verso la fine della produzione, il primo proprietario di Kraxler poteva ordinare il sistema di infotainment.

Suzuki_Jimny_008.jpg

Come veicolo usato, il Suzuki Jimny ha molte costruzioni: sterzo, freni, ruggine e sospensioni sono nell’elenco dei difetti TÜV.

(Foto: Suzuki)

Se Jimny sta guidando verso il TÜV Main Inspection Center (HU), gli ispettori probabilmente sapranno che l’ispezione potrebbe richiedere del tempo. L’uso fuoristrada lascia il segno. Questi includono, ad esempio, lo sterzo lento. La ragione di ciò può essere un leggero squilibrio, una sospensione danneggiata o un router difettoso.

I reclami sui freni sono già stati presentati su auto fino a tre anni. Qui i difetti vanno dai dischi ai tubi dei freni. Anche Jimny ha avuto un impatto negativo su tutti i modelli quando si è trattato di controllare il telaio. I tester spesso annotano ruggine, manicotti difettosi e una sospensione della ruota rotta nel loro rapporto di prova. Le luci posteriori spesso si attenuano durante il test della luce. Dopotutto: le perdite di olio si verificano raramente, Jimny di solito supera il test delle emissioni.

conclusione: Se stai cercando un cavallo da lavoro sul terreno, puoi fare una buona caccia con Jimny. Tuttavia, si consiglia di far controllare la versione utilizzata di vostra scelta da uno specialista. Gli acquirenti devono investire almeno 2.000 euro, le copie dell’ultimo restyling sono disponibili a partire da circa 10.000 euro. Per rari modelli decappottabili bisogna pagare almeno 3000 euro.

READ  10.000 nuovi posti di lavoro in Europa: Facebook vuole creare un 'Metaverse'

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *