Sabre Interactive parla del porting di World War Z su Nintendo Switch

guerra mondiale z È disponibile da ieri su Nintendo Switch e va detto che gli argentieri Sabre Interactive Ha fatto di nuovo un buon lavoro al porto. Nintendo tutto Ho avuto l’opportunità di fare alcune domande a Dmitrij Grigorenko, il principale game designer che accompagnerà l’uscita del gioco. Se vuoi saperne di più sul lavoro che fanno i team Sabre Interactive, per questo nuovo trasferimento, vi presentiamo la traduzione che abbiamo fatto

Portare un gioco come World War Z su Nintendo Switch deve aver richiesto molto lavoro. Puoi dirci come Sabre è arrivato su Switch?

World War Z è stato un enorme successo sin dalla sua uscita… Il gioco ha attualmente oltre milioni di giocatori in tutto il mondo (console e PC combinati) e sembra il momento perfetto per portarlo su Nintendo Switch. Il fatto che la console sia accessibile e ti permetta di giocare da qualsiasi luogo si adatta perfettamente a un gioco come World War Z. Inoltre, il gioco si è distinto dal resto, perché non ci sono così tanti “giochi di tiro con gli zombi”. … Comunque, niente è in grado di fornire lo stesso Swarm Engine. In Sabre, siamo abituati a trasferire giochi “impossibile da giocare su Nintendo Switch”. Ma devi solo vedere il successo di Port The Witcher 3. Ovviamente, World War Z non è stato senza una sfida per noi, ma il nostro talentuoso team dedicato a Nintendo Switch se ne è occupato. arm-the-body ed è arrivato con un risultato sorprendente.

Quali modifiche devono essere apportate per eseguire correttamente il gioco su Switch? Hai dovuto rimuovere qualche funzionalità? Ci sono stati cambiamenti nel numero di zombi che appaiono sullo schermo?

Ovviamente abbiamo dovuto apportare alcuni miglioramenti in termini di rendering visivo, ma sono orgoglioso di dire che non abbiamo dovuto rimuovere alcuna funzionalità di gioco. Ci sono state discussioni all’inizio del progetto, in particolare per quanto riguarda la possibilità di rimuovere una certa funzionalità per migliorare più facilmente il gioco. Ma alla fine, abbiamo deciso di non toccare il gameplay, è proprio come nel gioco originale, perché sappiamo che è importante per i giocatori. Siamo anche contenti del rendering visivo, anche se con le modifiche, alla fine il rendering è quasi identico su Nintendo Switch.

READ  Psychonauts 2 - Il divertente trailer della storia platform è arrivato

Sabre ha detto che è stata “la cosa più complicata che abbiamo mai dovuto fare”, quindi significa che è la porta più complicata per un Nintendo Switch che ho fatto?

Certo, World War Z è la porta Switch che ci ha dato più problemi finora. Sebbene anche i nostri porti precedenti fossero molto impegnativi. Ma con World War Z era necessario offrire un aspetto visivo impressionante, pur rimanendo flessibile sul lato del movimento. Per questo multiplayer è stato aggiunto. Ha aggiunto uno strato di complessità. Ma non scendiamo a compromessi sulle sfide tecniche, questo è molto importante per il nostro team e questa filosofia guida tutte le nostre porte su Nintendo Switch.

C’è una risoluzione e un frame rate specifici sullo Switch? In tal caso, puoi dirci cosa aspettarti in modalità docked e portatile?

Avevamo l’obiettivo di eseguire il gioco in 720p, con regolazioni video in modalità mobile, soprattutto in scenari con un forte impatto grafico. In termini di frame rate siamo a 30fps, grazie alla risoluzione dinamica e all’utilizzo della tecnologia “temporal anti-aliasing”.

Il lavoro svolto sulle precedenti porte Switch ha reso più facile spostare World War Z?

Abbiamo preso un sacco di cose che abbiamo imparato dai nostri progetti precedenti, specialmente da SnowRunner, ma dovevamo capire come ottenere un’ottima visuale delle orde di zombi su Switch… il che rende il gioco così speciale. Per affrontare le orde di nemici, il sistema doveva essere in grado di affrontare molti zombi contemporaneamente, il che si è rivelato una sfida aggiuntiva. Per raggiungere questo obiettivo abbiamo dovuto creare la raccolta in anticipo e invece di rimuovere e creare gli zombi in modo dinamico abbiamo dovuto trovare un modo per memorizzarli nella cache. Questa cache era ovviamente causata da un sovraccarico che doveva essere gestito anch’esso. Abbiamo dovuto trovare un equilibrio tra la quantità di memoria necessaria per visualizzare un’orda di zombi e quella utilizzata per animarli. È stata una bella sfida per la squadra.

Sappiamo che Saber sta attualmente lavorando all’espansione Aftermath per World War Z. È previsto anche per Switch?

Siamo molto contenti del lavoro svolto su Aftermath e della buona accoglienza riservata dai fan, ma per ora siamo ancora concentrati sul completamento e sul lancio di World War Z su Nintendo Switch.

READ  Nintendo Direct - Grande spettacolo di giochi domani. Impara a guardare - PC World

Per la versione Switch, hai usato le vibrazioni HD per migliorare l’aspetto dell’immersione, ad esempio quando si avvicina una folla? Più vicini sono i gradini, più intense sono le vibrazioni?

Il gioco utilizza vibrazioni ad alta risoluzione, ma non le abbiamo utilizzate per echeggiare i passi di una folla in avvicinamento, in quanto ciò potrebbe distrarre i giocatori durante gli scontri. Tuttavia, quando la folla è su di te, sei sicuro di averne un’idea!

World War Z ha lavorato molto su una varietà di ambientazioni e luoghi di tutto il paese. Tutti loro sono immediatamente riconoscibili. Ci sono altri siti che vorresti includere nel gioco che non sono mantenuti? O altri luoghi che vorresti visitare?

Tutti i giochi hanno molte grandi idee, ma spesso devi prendere decisioni durante la produzione. Abbiamo pensato molto a diverse località in tutto il mondo per mantenere la posizione che troverai nel gioco. Ma abbiamo toccato anche paesi come Inghilterra, India, Sud America e Africa. La storia di World War Z ci lascia molta libertà su dove andare e attendo con impazienza i tuoi incontri con gli zombi in altre città…

Inevitabilmente, i giochi sparatutto zombi cooperativi sono paragonati ai giochi Left 4 Dead, tuttavia World War Z ha un’identità propria, anche se non c’è stato un remake dalla sua uscita, il gioco è ancora emozionante. Quali sono gli effetti del team di sviluppo? C’è sempre stata una domanda su un rilascio in corso al giorno d’oggi, o l’obiettivo era diverso?

In origine, World War Z doveva essere un gioco completamente diverso. Ma appena abbiamo iniziato a lavorarci, ci siamo resi conto che per creare un gioco cooperativo/multigiocatore con gli zombi non ci sono trentasei modi per farlo, e in generale siamo giunti alla stessa conclusione suggerita dai giochi che hanno già rilasciato in passato. Con World War Z, ci distinguiamo dalla massa e creiamo la nostra identità, quindi abbiamo concentrato il nostro sviluppo sul motore: “Dynamic Swarn Engine Technology” che ci consente di creare orde di zombi come mai visti prima in uno sparatutto zombi in avanti ! Questo è ciò che rende il nostro gioco unico rispetto agli altri, che gli conferisce la sua “identità”.

Ci sono altre licenze (con o senza zombi) che ti piacerebbe sfruttare come World War Z, dove orde di nemici ti si avventano addosso in multiplayer?

READ  Mario mette in evidenza le mazze da golf in Super Rush

Quindi sono un particolare fan di Starship Troopers e mi piacerebbe fare un gioco con le stesse meccaniche di folla, sarebbe davvero fantastico! Immagina di affrontare orde di ragni!

Sabre è citato come riferimento quando si tratta di porte Nintendo Switch. In base all’esperienza tecnica del tuo studio, pensi che sia possibile ottenere di più dall’hardware di Nintendo Switch?

Con ogni porta che implementiamo su Switch, stiamo spingendo l’hardware ai suoi limiti. World War Z era un progetto più grande dei nostri precedenti porting e sono sicuro che i nostri prossimi progetti saranno ancora migliori, ma tutto dipende dal gioco base. Nell’industria dei videogiochi, ciò che a volte sembra troppo complicato da un punto di vista esterno è in realtà molto facile da integrare durante lo sviluppo. Il più delle volte è il contrario. Che sono abbastanza facili da raggiungere, in realtà rappresentano un’enorme quantità di tempo e lavoro. In Sabre, penso che abbiamo trovato il giusto equilibrio nelle nostre porte Nintendo Switch, offrendo la stessa esperienza di gioco in termini di maneggevolezza e funzionalità, pur mantenendo il miglior aspetto visivo.

Parlando di hardware, si vocifera regolarmente che Nintendo stia introducendo una versione più potente dello Switch in qualche modo in futuro. Se sì, quali componenti pensi che dovrebbero essere migliorati?

La risposta più ovvia è una migliore configurazione hardware e meno restrizioni sulla dimensione di rilasci e patch, ma non credo che lo switch abbia bisogno di un tale aggiornamento spesso. Sabre e diversi studi di grande talento hanno dimostrato che nulla è impossibile da portare su Nintendo Switch. Il n’a jamais vraiment été trop question de puissance hardware avec les consoles Nintendo, ils arrivent toujours in faire en sorte de proponer quelque choose qui permet de renouveler la façon de jouer et j’ai hâte de noir ce chi segue.

L’intervista originale è disponibile qui: https://nintendoeverything.com/world-war-z-switch-interview-developer-saber-interactive/

Il gioco è disponibile da ieri nell’eShop e sicuramente presso il rivenditore di videogiochi più vicino!

You May Also Like

About the Author: Dario Calabresi

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *