Si dice che i franchising di Apple in Cina includano un accordo segreto da $ 275 miliardi e uno strano cambio di mappatura

Tim Cook ha spinto il valore di Apple a raggiungere i 3 trilioni di dollari, e molto di ciò ha a che fare con la capacità dell’ex capo delle operazioni di gestire le relazioni con la Cina, dove vengono realizzati molti dei suoi prodotti e molti di loro vengono venduti sempre di più. . Il report di questa settimana da l’informazione Si affida a fonti anonime e documenti interni per scoprire alcuni dettagli sulle relazioni di Apple con la Cina.

Ciò include una richiesta che Apple avrebbe ricevuto nel 2014 o nel 2015 circa Un piccolo gruppo di isole disabitate Cina e Giappone sembrano avere una disputa su chi li possiede. Passando alle Isole Senkaku o alle Isole Diaoyu, a seconda di quale lato dell’argomento stai prendendo, hanno ispirato una richiesta dalla Cina ai membri del team di mappatura per farli apparire più grandi, anche quando gli spettatori sulla mappa sono ridotti al minimo. secondo l’informazioneNon solo Apple alla fine ha apportato il cambiamento, ma anche oggi, per gli spettatori che utilizzano la sua mappa dall’interno della Cina, le isole sono ancora viste in modo più ampio rispetto ai loro dintorni.

Un’immagine satellitare delle isole Senkaku nella Cina orientale il 1° aprile 2016 in Giappone.
Foto di USGS/NASA Landsat/Orbital Horizon/Gallo Images/Getty Images

Il rapporto descrive anche le controversie su tutto, da iTunes e iCloud ad Apple Pay. Il numero che incombe su ogni altra cosa è un memorandum d’intesa di 1250 parole l’informazione Tim Cook afferma di aver firmato durante un viaggio annunciato in Cina nel 2016. Per come era strutturato, Cook è andato in Cina a causa di ripetute azioni normative che interessano l’attività di Apple. Firmando un accordo quinquennale (con un’opzione di estensione al sesto anno) che promette investimenti, accordi commerciali e formazione in Cina, per un valore stimato di 275 miliardi di dollari, l’obiettivo era evitare ulteriori interruzioni.

e come l’informazione Confermato dalle sue fonti, questo sembra essere per lo più vero. Il rapporto indica Dati degli analisti di Counterpoint Research Chi ha detto che a ottobre Apple è diventata il più grande marchio di smartphone in Cina, un titolo che non deteneva da sei anni. Nel frattempo, Apple ha creato nuovi centri di ricerca e sviluppo nel paese e ha iniziato Archivia i dati di iCloud per gli utenti cinesi lì.

Tuttavia, questo rapporto ha anche aspetti negativi con i critici Mettere in discussione l’impegno dell’azienda per la privacy – Funzione speciale di paginazione Non sarà disponibile in Cina E transazioni commerciali con le società accusate Link ai lavori forzati uiguri. Questo prima di citare le altre apparenti concessioni che risalgono a quella decisione sulle isole contese, come Numeri che Apple non ti permetterà di incidere su iPad in Cina e Rimuovi alcune app.

Dopo che il rapporto è apparso, è apparso Giornale del mattino della Cina meridionale Rapporti (tramite Mela dall’interno) che un giornale statale in Cina lo ha chiamato “maccartismo”, sostenendo che si trattava di un attacco “chiaramente motivato dalla ‘correttezza politica’ della sinofobia”.

READ  Castillo ha nominato primo ministro un membro del partito marxista, il che potrebbe spaventare gli investitori

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *