Test dello Xiaomi Redmi Note 10 5G

Dopo gli ottimi 10 e 10 Pro, ecco la cuvée Redmi Note 2021 con versione 5G. Per offrire questa connessione di rete a un prezzo contenuto, Xiaomi ha dovuto fare alcune concessioni tecniche rispetto al resto dei suoi fratelli. È questa la scelta giusta? Rispondi a questo test.

Offrendo un modello 5G con un prezzo di lancio di € 229, Xiaomi sta entrando in un irresistibile gioco di sedie musicali. Mille volte valzer che dovrebbe determinare il grande vincitore, quale produttore sarà in grado di offrire lo smartphone 5G più efficiente al prezzo più basso quest’anno. Il Realme 8 5G è già in giro da alcune settimane per salire al trono, mentre il Samsung Galaxy A22 (€229) è sulla buona strada. Tanto più che questo modello 5G non condivide affatto la stessa scheda tecnica delle versioni 4G e Pro della famiglia Redmi Note 10. Sembra logico dopotutto, Xiaomi si rivolge ogni volta a un pubblico diverso. Quindi questa volta, chi vorrebbe inventare il costruttore?

Design, schermo e suono

Il design non è chiaramente l’elemento più distintivo della famiglia Note 10. La versione 5G riprende, con qualche piccolo dettaglio, le curve discrete ma eleganti del modello 4G. Per quanto riguarda le dimensioni, si passa da 160,5 x 74,5 x 8,3 mm a 161,8 x 75,3 x 8,9 mm, e lo schermo cresce un po’, da 6,43 a 6,5 ​​pollici, rendendolo più pesante, 190 grammi contro 178 grammi. Francamente la differenza di utilizzo è minima, questo modello 5G è piacevole da tenere in mano e rimane maneggevole in ogni condizione. Le linee del cellulare sono eleganti, in particolare l’aspetto piatto dei bordi superiore e inferiore.

Per la parte posteriore, Xiaomi ha dovuto scegliere l’economia, qui non c’è vetro o alluminio, ma piuttosto un rivestimento in policarbonato che fa tranquillamente il lavoro. Tocco divertente senza sentirsi sottomesso, solido senza crash test e (anche non) disordinato. Insistiamo ad ogni respiro “poco”, che sarà inteso da: “non dimenticare di metterlo in un guscio”. La fotocamera non offre un obiettivo ultra grandangolare, è naturalmente più discreta, il che non è male per una volta, mentre la sua protuberanza trattenuta impedirà al telefono di trasformarsi in un acrobata quando è sul tavolo.

JDG

Per ridurre ulteriormente le dimensioni, Xiaomi offre un lettore di impronte digitali, non sotto lo schermo, ma integrato nel pulsante di accensione. Può essere un po’ scomodo se vuoi aprirlo rapidamente nel bel mezzo di una telefonata, ma nel complesso, questo lettore funziona perfettamente. A livello di schermo, ad essere del tutto onesti, all’inizio eravamo scettici. A differenza della versione 4G e Pro, questo modello perde OLED a favore di un “semplice” pannello LCD da 6,5 ​​pollici, Full HD+ (1080 x 2400 pixel).

Ma con nostra sorpresa, questo stesso monitor è dotato di una frequenza di aggiornamento adattiva che passa da 60 a 90 Hz a seconda dell’utilizzo. Xiaomi ha dunque sacrificato la pura qualità del display sull’altare della liquidità. Pensiero piuttosto intelligente, dal momento che lo smartphone 5G dovrebbe soprattutto farci godere dei nostri vari intrattenimenti il ​​più rapidamente possibile. Per quanto possiamo beneficiare della sua copertura…

JDG

Lo schermo è molto luminoso, anche quando si beve un drink sotto il sole splendente sul balcone (sic!) e la colorimetria è abbastanza bilanciata. Neutro senza essere troppo freddo. Infine, anche se il RedMi Note 10 5G offre solo un altoparlante principale, lo fa con lode. Non è una grande sinfonia, ma sorprendentemente il basso non gocciola nemmeno ad alto volume, il che lascia comunque abbastanza presenza negli acuti e nelle voci.

Prestazioni, indipendenza e software

Per poter offrire il 5G ad un prezzo modico, Xiaomi non ha optato per lo Snapdragon 678, ma per il moderno MediaTek di fascia media, il Dimensity 700. Un processore è presente anche nel Realme 8 5G. Questo processore octa-core ha un clock a 2,2 GHz, accompagnato da un chip grafico Mali-G57 MC2, 4 GB di RAM (LPDDR4x) e 128 GB di spazio di archiviazione. Ogni giorno questo smartphone 5G è più attento del suo omologo 4G, soprattutto quando si tratta di navigare velocemente tra le tante app già aperte. Non sorprende che se sei un giocatore o un creatore, dovresti invece rivolgerti a Redmi Note 10 Pro. In effetti, questa versione 5G sarà troppo stretta per eseguire avidi giochi 3D, app di editing di foto o video. Per tutto il resto – giochi o gestione 2D, trasmissione, social network … – il Note 10 5G ti farà piacere, a condizione che sia rimasto del succo.

JDG

Infatti, maggiore è il consumo della batteria, più il telefono visualizzerà un certo tempo di risposta, soprattutto quando si desidera aprire o uscire rapidamente dalla fotocamera. Sotto il 15%, inizia a sentirsi davvero. Nonostante la sua relativa attrattiva di 9 mm, lo smartphone racchiude un’enorme batteria da 5000 mAh. Durante i nostri test, lo smartphone ha tenuto senza battere ciglio una buona giornata e mezzo in molteplici utilizzi. Quando invece il tasso di sconto viene bloccato a 90Hz, per fruire più chiaramente di contenuti video o di gioco, si secca come un ribes. Dura tutto il giorno, ma finisce la sera sulla rotula. Piccola delusione per quanto riguarda la velocità di ricarica, infatti a differenza della versione 4G che ha un alimentatore da 33W, qui ci sono concessi solo 18W per riprendere alcuni colori, è piuttosto veloce, lasciamo circa 30 minuti per recuperare un terzo della batteria. Per caricarlo completamente, invece, ci vorranno circa due ore.

JDG

Per finire la parte del programma, non c’è nessuna grande sorpresa o delusione. Il Redmi Note 10 5G beneficia di Android 11 e dell’overlay Xiaomi, MIUI 12 con i suoi vantaggi: una modalità scura ben congegnata, finestre mobili e un pratico cassetto delle app. E i suoi svantaggi: una marea di applicazioni preinstallate non necessarie e talvolta una leggera mancanza di originalità nell’animazione. Per avere un’idea completa della MIUI 12, vi invitiamo a consultare il nostro grip completo sull’ultimo overlay casalingo di Xiaomi.

Foto e video

Invece, l’attrezzatura fotografica del Redmi Note 10 5G ignora l’ultra-grandangolo e il teleobiettivo. Di conseguenza, la configurazione non era così versatile fin dall’inizio con un sensore principale da 48 MP (f/1,79), un obiettivo macro da 2 MP (f/2,4) e un obiettivo di profondità da 2 MP (f/2, 4). Sulla parte frontale trova posto un’unità da 8 megapixel in un pugno discreto che sarà utile per gli amanti dei selfie, ma sarà necessario mettere a fuoco bene perché il sensore è molto mosso, soprattutto in controluce.

JDG

Notevolmente durante il giorno e al chiuso in buone condizioni di illuminazione, il sensore principale funziona bene. In generale, il colore e l’esposizione delle scene sono ben gestiti, anche se a volte mancano di nitidezza soprattutto ai bordi dell’inquadratura. Con la modalità HDR o 48MP possiamo gestire questa mancanza di dettagli, a patto che tu ti prenda il tuo tempo, di nuovo, per mettere a fuoco. Più bassa è la luminosità, più il Redmi Note 10 5G mostrerà i suoi punti deboli.

Alla fine della giornata o di notte, le immagini mostrano un bel po’ di rumore digitale, mentre la nitidezza svanisce terribilmente. La modalità notturna salva i mobili migliorando la luminosità e i colori a scapito della perdita di dettagli sullo sfondo dell’intera immagine. La modalità “Ritratto” è arbitraria, poiché la maggior parte delle volte in questa fascia di prezzo, il sensore di profondità esegue una buona sfocatura dello sfondo senza che il ritaglio della forma sia del tutto accurato.

JDG

Parola nel video, l’immagine manca chiaramente di nitidezza e la stabilizzazione elettronica è assente per gli abbonati. Niente di sorprendente, perché qui dobbiamo accontentarci di registrare video 1080p a 30 fotogrammi al secondo. E anche quando scendi a 720p, non puoi scendere a 60fps. Una vera regressione rispetto al modello 4G.

Galleria fotografica

unù Acquistare un Redmi Note 10 5G?

Lo Xiaomi Redmi Note 10 5G è disponibile dal 18 maggio al prezzo di 230 euro per la sua versione da 4/64 GB, ed è disponibile anche in una versione da 4/128 GB per 270 euro. È disponibile in quattro colori: Chrome Silver, Graphite Grey, Twilight Blue e Aurora Green. Di seguito nel test Redmi Note 10 Pro c’è un confronto dei migliori prezzi in tempo reale. Inoltre, fino al 21/06/2021, Xiaomi offre un rimborso fino a 30 euro se acquisti uno o più prodotti del mondo Xiaomi dall’elenco dei prodotti idonei.

Redmi Note 10 5G al miglior prezzo
Prezzo base: 229 EUR

Guarda più offerte

READ  Ubisoft mostra un'anteprima di Far Cry 6 e annuncia un nuovo video [VIDEO] | Videogiochi | Far Cry 6 | Ubisoft | Giancarlo Esposito | PS4 | PS5 | Sony | Playstation | Microsoft | Xbox One | Xbox Series X | Computer | Windows | Video gioco

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *