Tifone Tauktae: la Marina indiana cerca dozzine di dispersi in mare

Il tifone Taukta, la tempesta più forte mai registrata per aver colpito la costa occidentale dell’India, ha ucciso almeno 40 persone da quando è atterrato lunedì sera nello stato occidentale del Gujarat.

Il ciclone si è formato nel Mar Arabico, passando per il centro finanziario di Mumbai, nello stato del Maharashtra, prima di raggiungere il Gujarat. Forti venti e forti piogge hanno causato inondazioni e devastazione nelle zone costiere basse, anche prima che arrivassero a terra.

I rami delle forze armate, tra cui l’Air Force e la Marina, stanno ora cercando in mare per salvare il personale su tutte le piattaforme petrolifere e le navi operative che hanno ostacolato l’uragano.

Una delle chiatte, gestita dalla Indian Oil and Natural Gas Corporation (ONGC), conteneva un equipaggio di 261 persone quando è affondata lunedì in un campo petrolifero offshore a causa della forza di un uragano. A partire da giovedì, ha detto un portavoce della Marina, la Marina aveva salvato 188 membri dell’equipaggio e recuperato 26 corpi, aggiungendo che stava ancora cercando i 47 membri del personale rimanenti.

“Abbiamo cinque navi nella zona, due di loro sono tornate con il personale salvato, e le restanti tre rimangono per la ricerca e il soccorso”, ha detto il portavoce Vivek Madhwal.

Martedì scorso, la Marina ha detto che le operazioni di ricerca e salvataggio includeranno elicotteri e altri mezzi marini, nonostante “condizioni molto difficili”.

Un’altra corazzata, la Gal Constructor, è andata alla deriva al largo della costa occidentale di Mumbai lunedì. La Marina ha schierato un elicottero e diverse navi di emergenza per evacuare i 137 membri dell’equipaggio, tutti detenuti.

READ  Il Partito Comunista Cinese, con una decisione bipartisan, ha condannato 100 anni di violazioni dei diritti umani انتهاكات

Madwal ha detto che altre due barche sono state trascinate in salvo dai rimorchiatori ONGC. ONGC è la più grande compagnia petrolifera e del gas dell’India, che utilizza diverse chiatte per servire le sue operazioni offshore.

Evacuazione di massa

Ad oggi, sono state registrate morti negli stati di Maharashtra, Kerala, Karnataka, Gujarat e West Goa.

Mercoledì il commissario per i soccorsi in Gujarat Harshal Patel ha detto che sono state “vittime accidentali” all’indomani del ciclone. Altre autorità statali hanno citato fulmini, crolli di edifici, caduta di alberi e pali dell’elettricità come cause di decessi correlati agli uragani.

Il primo ministro indiano Narendra Modi dovrebbe visitare il Gujarat mercoledì più tardi per condurre un’indagine aerea delle aree colpite dal tifone, secondo l’Ufficio del Primo Ministro del Gujarat.

I pescatori tirano le loro barche a terra durante il ciclone Taukta a Mahova, Gujarat, India, il 18 maggio.

L’uragano ha avuto un vento massimo sostenuto di 205 chilometri all’ora (125 mph), equivalente a un uragano sviluppato di categoria 3, quando è atterrato.

A partire dalla fine di martedì, si è indebolito in una profonda recessione. Secondo il dipartimento meteorologico indiano, dovrebbe indebolirsi ulteriormente mercoledì mentre si sposta a nord nel Rajasthan.

Nello stato più colpito del Gujarat, 236.018 persone sono state evacuate in 3.575 campi di soccorso. Secondo i dati del Centro operativo di emergenza del governo martedì notte, il numero delle persone scomparse “non è stato ancora valutato”.

Una delle principali preoccupazioni è stata l’impatto dell’uragano su Covid-19 Sforzi di soccorso e trattamento, mentre il paese è alle prese con la seconda ondata del virus. I pazienti Covid erano tra quelli evacuati e le forniture di energia a 100 ospedali per il coronavirus sono state interrotte martedì con interruzioni di corrente ad almeno quattro strutture, provocando sforzi frenetici per ripristinare il servizio.
Gli abitanti del villaggio cercano di attraversare un cavo di alimentazione caduto su un ponte vicino a Dew, in India, il 18 maggio.

Patel ha detto mercoledì che tutti gli ospedali Covid-19 erano stati operativi durante l’uragano.

READ  Le hotline "bussano": la strategia della crisi militare cinese deve essere ripensata, afferma Biden, presidente dell'Asia Cina

Anche se la scorsa settimana i nuovi casi quotidiani in India hanno registrato una tendenza al ribasso, la Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa ha avvertito lunedì che il tifone è stato un “terribile doppio colpo” durante la pandemia.

Le morti quotidiane continuano ad aumentare. Mercoledì, il paese ha segnalato 4.529 decessi aggiuntivi correlati a COVID, il numero giornaliero più alto dall’inizio della pandemia.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *