Tre cose da sapere sul film che ha rivelato Hugh Grant

Stasera, Arte Morris presenta l’elegante lungometraggio di James Ivory con un affascinante duo maschile: James Welby e il giovane Hugh Grant, che aveva 25 anni.

Durante la sua lunga carriera durata più di 60 anni, James Ivory non ha mai smesso di controllare la carta di gara. Regista di alto livello, amante del sentimento, che si è specializzato in costumi o film storici, forse il più famoso Torna a Howards End (1992) con Anthony Hopkins. Questo fantastico melodramma, un brillante dipinto sull’Inghilterra edoardiana, sarà nominato per otto Oscar e ne ha vinti tre, tra cui Miglior Attrice per Emma Thompson e Miglior Adattamento. Perché originariamente Torna a Howards End È un romanzo di E.M. Forster, uno degli autori preferiti di James Ivory. Ma questa non è la prima volta che un regista americano (e non un britannico, come potrebbe suggerire il suo gusto per l’epoca vittoriana) adatta EM Forster. In precedenza, Ivory e il suo storico produttore, Ismail Merchant, hanno filmato Visualizza camera Nel 1985 ha vinto tre Oscar e Morris nel 1987.

Libro postumo di E.M. Forster

Inghilterra, 1909. Maurice Hall, un giovane studente borghese di Cambridge, è arrabbiato con uno dei suoi compagni di classe, Clive Durham, un aristocratico libero pensatore. Molto rapidamente, i due giovani si sentono più che amici. Quando il loro amico, Lord Risley, viene accusato di corruzione in un caso etico, Clive si ammala. Se il romanzo di Forster era considerato in qualche modo secondario rispetto alla sua carriera, gli ci volle anche molto tempo per laurearsi. Infatti, Morris Non sarà pubblicato fino al 1973, dopo la morte dello scrittore, due anni e sessanta dopo averlo scritto! Il motivo: Forster parla francamente di omosessualità, mentre si riferisce a malapena ad alcuni dei suoi parenti. All’inizio la scrittrice voleva aspettare la morte della madre prima di pubblicare il libro per non scioccarla. Poi, temendo rappresaglie per aver descritto l’omosessualità maschile, alla fine ha preferito non uscirne vivo. Grande fan del lavoro dello scrittore, Ivory lo ha visto come un modo per esplorare un argomento a lui caro: la liberazione dei costumi della società affermando i suoi desideri personali.

READ  Charli Collier è # 1 nella classifica generale di Dallas Wings

Hugh Grant ha quasi lasciato la sua carriera prima di questo ruolo

Per trovare il traduttore Maurice Hall, James Ivory desidera riconnettersi con il suo rappresentante larghezza della stanzaJulian Sands. Ma, dopo averlo inizialmente accettato, questo si ritorce contro. Il regista esita tra giovani attori sconosciuti al pubblico: James Welby e Julian Wadham. È la storia del colore dei capelli che cambierà tutto! In effetti, Ivory ha effettivamente scelto Brown Hugh Grant per il ruolo di Clive Durham. Quindi preferisce aggiungere il biondo James Welby al posto di Julian Wadham, anche lui moro. Quest’ultimo gioca ancora un piccolo ruolo a Mauritius. Per quanto riguarda Hugh Grant, finora ha girato un lungometraggio, Privileged, nel 1982. Ha iniziato a presentarsi attraverso spettacoli teatrali e ad apparire in serie TV o film TV in costume che venivano trasmessi sui canali del Regno Unito. Tuttavia, è riluttante a continuare la sua carriera di attore. Ma accetta di giocare MorrisIl suo nome ora sarà scritto pesantemente sulle etichette, anche se dovrà aspettare il 1994 e i fumetti Quattro matrimoni e un funerale Per diventare una star mondiale.

Film incoronato a Venezia ma non agli Oscar

Il film è stato girato in 55 giorni, principalmente al King’s College di Cambridge, con un budget di 1,6 milioni di sterline (quasi 2 milioni di euro). Le giornate sono lunghe perché Ivory è così meticoloso nell’interpretazione degli attori e nella bellezza della luce che ha reclutato il francese Pierre Lhomme, il leggendario direttore della fotografia che ha effettivamente lavorato con il regista. Quartetto Nel 1981. Le prove tra gli attori non hanno avuto luogo, avevano diritto a solo due letture prima dell’inizio delle riprese. Morris è stato presentato in anteprima mondiale, nel settembre 1987, alla Mostra del Cinema di Venezia. James Ivory vince il Leone d’argento per la miglior regia, a pari merito con Ermanno Olmi. Hugh Grant e James Welby si dividono la Coppa Volpi come miglior attore. Agli Academy Awards l’anno successivo, il film ricevette una sola nomination nella categoria Miglior Costume. anche se, Morris È tuttora un’opera di rara qualità, di estrema raffinatezza, servita da raffinati artisti.

READ  "Esistiamo, è normale e siamo in tanti"

You May Also Like

About the Author: Luigia Di Traglia

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *