Tre membri del team BTS sono positivi per Kovit-19

Tre membri del team BTS sono stati diagnosticati con Govt-19 negli ultimi giorni, ha affermato la loro azienda in una nota.

La triste fine dell’anno per il team BTS. Sette membri hanno annunciato che avrebbero preso una vacanza all’inizio di dicembre in modo da poter riunirsi con la famiglia durante le vacanze – per la prima volta dalla loro introduzione nel 2012 – a tre dei quali è stato purtroppo diagnosticato il governo-19. Il primo comunicato stampa è stato rilasciato venerdì dalla Artists Company. Ha sottolineato che SUGA, che era rimasto negli Stati Uniti per diversi giorni dopo quattro concerti di successo a Los Angeles, era tornato in Corea del Sud ed era risultato positivo per lui mentre si preparava a iniziare il suo mandato. Subito dopo essere arrivato dalla Corea del Sud il 23 dicembre, subito dopo il test PCR, il SUGA è stato confermato positivo venerdì 24 dicembre. SUGA, nel tempo libero, ha avuto una serie di responsabilità personali negli Stati Uniti, è risultato negativo prima di lasciare il Paese, per poi iniziare il suo isolamento, dove ha ricevuto il test positivo. Il rapporto di BIGHIT Music ha aggiunto venerdì che non ha sintomi in questo momento.

Ma poiché le cattive notizie non sono mai arrivate da sole, sabato è stato rilasciato un nuovo rapporto, che annunciava che entrambi i membri erano a favore di Kovit-19, il leader del gruppo, RM e Jin. RM, come SUGA, è rimasto negli Stati Uniti per un po’ dopo l’inizio delle sue vacanze, soprattutto viaggiando per il paese e condividendo le sue numerose visite al museo con i suoi fan sul suo account Instagram. Quando è tornato in Corea del Sud il 17 dicembre, è stato testato prima che iniziasse il suo isolamento forzato, ma al momento era negativo. È stato solo dopo essere stato liberato dai suoi dieci giorni di solitudine questo sabato che questa volta è risultato positivo. “Attualmente non ha sintomi specifici”, ha detto.

READ  Il pianista brasiliano Nelson Fryer è morto all'età di 77 anni

Jin, d’altra parte, soffre di sintomi lievi e “febbre lieve”. Quest’ultimo è tornato direttamente in Corea del Sud dopo i suoi concerti del 6 dicembre, e il test è stato negativo all’inizio e alla fine del suo isolamento diversi giorni prima. Dopo che ha iniziato a sentire sintomi simil-influenzali, ha deciso di fare il test ed è risultato positivo anche questo sabato. È in cura a casa”, si legge nel comunicato.

Tutti erano vaccinati

BIGHIT Music ha chiarito che nessuno dei membri era stato in contatto da quando era tornato in Corea del Sud. Tutti sono stati vaccinati ed è stato chiarito che la seconda dose è stata presa alla fine di agosto. Il vaccino è stato promosso durante una visita all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York lo scorso settembre, dove hanno parlato come inviati speciali al presidente sudcoreano. Interrogato in un’intervista ad ABC, alla presenza del presidente Moon, Jin ha dichiarato: “Comprendiamo coloro che hanno paura del vaccino perché non è qualcosa che esisteva prima (Govt-19, nota). Ma se abbiamo paura del passato, credo che non potremo mai progredire.

I casi di Govit-19 stanno vivendo un nuovo picco nel mondo, soprattutto a causa della variante Omigron, che è particolarmente contagiosa – sebbene a prima vista possa sembrare pericolosa – ha spinto molti paesi. Ripresa di misure forti per prevenire le crisi, dal ricontrollo alla chiusura di più siti, da tre mesi alla terza dose di iniezione. In Francia, venerdì, il numero di inquinanti ha superato il record di 94.000 nuovi casi. In un solo giorno, in Corea del Sud sono stati segnalati 5.836 nuovi casi. Nel Paese, uno dei Paesi che ha gestito meglio l’epidemia dal lancio del COVID-19 nel 2020, sono morte 5.176 persone. Nei suoi due comunicati stampa, Bighit Music Agency ricorda la sua “alta priorità”. Per garantire la buona salute e la sicurezza dei (suoi) artisti.

READ  In NL, Guerrero e Michoacan, diversi candidati vengono dichiarati vincitori

Nessun allevamento è vietato

You May Also Like

About the Author: Leonzio Vecoli

"Esperto di musica professionista. Creatore. Studente. Appassionato di Twitter. Pioniere del caffè impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *