Ubisoft: indifferenza del management alle molestie interne | Xbox One

Dopo Activision, il colosso francese Ubisoft è stato ritenuto responsabile della sua inerzia di fronte alle sistematiche molestie, aggressioni e violenze riscontrate all’interno del gruppo. È stato formato un gruppo di dipendenti chiamato “A Better Ubisoft” per evidenziare gli interessi interni dell’azienda. Il loro obiettivo: far agire il management in modo rapido e concreto, accusando i leader di mantenere “promesse vuote”.

denunciare le condizioni di lavoro

Il personale ha ritenuto che la risposta della direzione fosse insufficiente rispetto alla gravità dei fatti. La scorsa estate molti di loro hanno denunciato condizioni di lavoro tossiche all’interno dell’azienda – comprese accuse di gravi molestie sessuali e aggressioni ai danni dei membri del management – dopodiché Yves Guillemot, CEO di Ubisoft, si è impegnato a fare tutto ciò che è in loro potere affinché tutti […] Mi sento accolto, rispettato e al sicuro”.

Nel luglio 2021, più di 1.000 dipendenti (sia vecchi che nuovi) del gruppo hanno firmato una lettera aperta in cui condannavano le “vuote promesse” del management di Ubisoft per combattere una cultura aziendale caratterizzata da “discriminazione sistematica, molestie e bullismo”.

Le chiare esigenze di A Better Ubisoft

Un gruppo dello staff Better Ubisoft ha dettagliato le sue principali sfide nel seguente elenco:

  • Smetti di promuovere criminali noti e spostali da uno studio all’altro e da un team all’altro, senza ripercussioni. Questo ciclo deve essere finito.
  • Vogliamo un posto di gruppo al tavolo, per dire la nostra su come Ubisoft, come azienda, si evolverà d’ora in poi.
  • Collaborazione tra professionisti, per concordare un insieme di regole e processi di base che tutti gli studi devono essere in grado di utilizzare per far fronte a queste infrazioni in futuro.
  • Tale cooperazione deve coinvolgere fortemente i dipendenti che non ricoprono incarichi dirigenziali e le rappresentanze sindacali.

La scorsa settimana, A Better Ubisoft ha anche notato le recenti azioni di Bobby Kotick all’interno del gruppo Activision Blizzard. Infatti, la reazione rapida e tangibile del colosso americano è sufficiente per far reagire i giocatori dell’industria dei videogiochi all’indifferenza dei loro leader.

READ  Blizzard cancella la BlizzCon 2022 e parla del futuro

Due giorni fa il gruppo ha ripreso la sua chiamata alle armi su Twitter lanciando una nuova petizione aperta a tutti coloro che vorranno sostenere la campagna #ABetterUbisoft. L’obiettivo è spostare le righe in un settore afflitto da violenze sistemiche e comportamenti che sono ancora spesso trascurati. Puoi Scopri e firma la petizione tramite questo link.

You May Also Like

About the Author: Dario Calabresi

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *