Un portavoce dei talebani ha detto che non c’erano prove di bin Laden dietro gli attacchi terroristici dell’11 settembre. “Non ci sono prove”

un talebani Il portavoce ha detto mercoledì che non ci sono prove del coinvolgimento di Osama bin Laden in 11 settembre Attacchi terroristici Nonostante una montagna di prove che collegano il defunto leader di al-Qaeda ai dirottamenti di aerei che hanno colpito la regione Centro mondiale del commercio e pentagonale.

Durante un’intervista con Richard Engel di NBC News dall’Afghanistan, il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha affermato in risposta a una domanda sul fatto che il paese sarebbe diventato ancora una volta una base per il terrorismo come Biden L’amministrazione si prepara al ritiro delle forze Usa.

“Quando Osama bin Laden è diventato un problema per gli americani, era in Afghanistan. Sebbene non ci siano prove del suo coinvolgimento, ora abbiamo promesso che il territorio afghano non sarà usato contro nessuno”, ha detto.

Biden: problema del ritiro degli Stati Uniti sulla cooperazione talebana

Osama Bin Laden. Mercoledì, un portavoce dei talebani ha detto che non ci sono prove che bin Laden abbia ordinato gli attacchi dell’11 settembre, anche se c’erano prove del contrario.
(Reuters)

Quando gli è stato chiesto se credeva davvero che bin Laden non fosse coinvolto negli attacchi dell’11 settembre 2001, Mujahid ha raddoppiato le sue dimensioni.

“Finora, sembra che tu non accetti alcuna responsabilità dopo tutto questo”, replicò Engel.

Mujahid ha risposto: “Non ci sono prove. Anche dopo 20 anni di guerra, non abbiamo prove del suo coinvolgimento”. “Non c’era alcuna giustificazione per la guerra, lo era. [an] Mi dispiace per la guerra”.

In un messaggio registrato pubblicato nel 2004, bin Laden Ha ammesso di aver ordinato gli attacchi dell’11 settembre 19 dirottatori hanno sequestrato e distrutto quattro aerei di linea commerciali americani presso le torri del World Trade Center a New York City e al Pentagono. Il quarto aereo si è schiantato in un campo in Pennsylvania dopo una rivoluzione dei passeggeri.

READ  Lo studio ha scoperto che i vaccini Sinopharma COVID-19 sembrano essere sicuri ed efficaci

Le forze statunitensi hanno invaso l’Afghanistan dopo una campagna di bombardamenti in risposta all’attacco del 2001 ei talebani si sono rifiutati di consegnare i leader di al-Qaeda, a cui è stato dato rifugio, incluso bin Laden.

Il leader terrorista è stato ucciso il 1 maggio 2011 dai Navy SEALs in Pakistan.

Un rapporto della Commissione sull’11 settembre ha osservato che “l’attacco dell’11 settembre è stato guidato da Osama bin Laden”.

“Quando sono iniziati i preparativi finali durante l’estate del 2001, è emersa l’opposizione tra i leader di al-Qaeda in Afghanistan sull’opportunità di procedere”, afferma il rapporto. Il leader talebano Mullah Omar si è opposto all’attacco agli Stati Uniti, nonostante l’opposizione di molti dei suoi migliori aiutanti, [bin Laden] Annullando di fatto le loro obiezioni, gli attacchi continuarono.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

Su questa base politica e ideologica, [bin Laden] In un decennio, ha costruito un’organizzazione dinamica e killer, “continua il rapporto”. Ha costruito infrastrutture e un’organizzazione in Afghanistan in grado di attrarre, addestrare e utilizzare reclute contro obiettivi sempre più ambiziosi. Ha mobilitato nuovi fanatici e nuovo denaro con ogni dimostrazione dell’abilità di al-Qaeda. Ha stretto una stretta alleanza con i talebani, un regime che offre rifugio ad al-Qaeda”.

Le evacuazioni sono in corso in Afghanistan mentre gli afgani che hanno lavorato con le forze statunitensi stanno fuggendo dal paese in mezzo a una rapida presa del potere da parte dei talebani. Biden ha detto questa settimana che sta rispettando la scadenza del 31 agosto per la partenza delle forze statunitensi.

“Questo è il nostro momento più felice”, ha detto Mujahid.

READ  Fonti: le esclusive banche turche si vergognano del "pazzo" canale Erdogan

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *