Una coppia israeliana torna a casa dopo essere stata trattenuta in una prigione turca con l’accusa di essere spie

Una coppia israeliana trattenuta in Turchia con l’accusa di spionaggio è stata rilasciata dopo aver filmato il palazzo del presidente giovedì mattina presto, mentre tornava in Israele su un aereo speciale inviato dal governo per riportarli a casa.

Questo sviluppo ha concluso una storia di una settimana che conteneva timori concreti che Mordi e Natalie Oknin sarebbero rimasti in prigione turca per molti anni.

Parlando con i giornalisti all’aeroporto Ben Gurion, hanno ringraziato il presidente Isaac Herzog, il primo ministro Naftali Bennett, il ministro degli Esteri Yair Lapid, lo staff del ministero degli Esteri e “l’intera nazione di Israele”.

“Vogliamo stare con la famiglia”, hanno aggiunto.

In precedenza, una dichiarazione congiunta di Bennett e Lapid ha annunciato il loro rilascio: “Dopo gli sforzi congiunti con la Turchia, Mordi e Natalie Oknin sono stati rilasciati dalla prigione mentre tornavano a casa in Israele.

“Ringraziamo il presidente turco (Recep Tayyip Erdogan) e il suo governo per la loro cooperazione e non vediamo l’ora di accogliere la coppia a casa”, afferma la dichiarazione, aggiungendo che anche Herzog ha contribuito notevolmente agli sforzi per porre fine a questa saga.

La dichiarazione ha ringraziato la famiglia della coppia per la loro “forza in questo momento difficile e per la collaborazione con il Dipartimento di Stato”.

Il Ministero degli Affari Esteri ha inviato un aereo con due alti funzionari consolari per riportarli indietro, e sono arrivati ​​in Israele poco dopo le 6 del mattino, per poi dirigersi verso la loro casa a Modi’in.

Bennett e Lapid hanno anche parlato con i loro familiari mentre aspettavano in aeroporto.

Parlando con la loro figlia Shiraz, Bennett ha detto: “Ti avevo detto che avremmo fatto tutto, e l’abbiamo fatto”.

Bennett ha ringraziato la famiglia per la loro moderazione e ha detto che hanno svolto un ruolo importante nello sforzo di riportarli a casa. “Spero che tu abbia giorni più tranquilli ora e sono contento che siano tornati a casa.”

Herzog li ha accolti in casa, twittando: “Com’è bello essere a casa. Ti abbracciamo calorosamente e la tua famiglia”.

Natalie e Mordi Oknin (C), una coppia israeliana incarcerata per aver fotografato il palazzo del presidente turco, arrivano con la figlia nella loro casa a Modi’in, il 18 novembre 2021 (Yossi Aloni/Flash90)

La figlia Shiraz ha detto a Radio 103 FM: “Grazie per le nostre condizioni perfette che hanno fatto sì che i miei genitori fossero di nuovo con me. Vogliamo solo ringraziare tutti, mentre mia madre mi tiene per mano”.

Shiraz ha detto che la coppia doveva ancora riprendersi dal calvario e ha detto che la famiglia li stava “informando di tutto”.

L’avvocato della coppia, Nir Yaslovich, è tornato in Israele nella prima notte, senza incontrare i suoi clienti sul suolo turco.

“Questo è uno dei giorni più toccanti della mia vita”, ha detto, “sono così eccitato”. “Alcune persone sono uscite di nascosto dall’hotel. Sono stato scortato fuori dall’hotel come un agente del Mossad. Sono esausto”.

Nir Yaslovic, avvocato di Mordi e Natalie Oknin che è stato incarcerato per aver filmato il palazzo del presidente turco, arriva a casa della coppia a Modi’in, il 18 novembre 2021 (Yossi Aloni/Flash90)

La coppia è stata arrestata a Istanbul la scorsa settimana dopo aver fotografato il palazzo di Erdogan a Istanbul durante un tour e aver inviato la foto alla loro famiglia. Secondo i media, migliaia di turisti, compresi gli israeliani, scattano regolarmente foto del palazzo.

Le speranze iniziali che l’equivoco si risolvesse rapidamente sono state deluse la scorsa settimana quando un giudice ha ordinato la loro detenzione per ulteriori 20 giorni con l’accusa di spionaggio.

Il marito e la moglie sono stati tenuti separati e gli è stato permesso di vedere a intermittenza un avvocato israeliano e funzionari consolari israeliani.

Israele respinse fermamente e ufficialmente l’affermazione che la coppia Oknin, entrambi autisti di autobus Egged, fossero spie.

I membri della famiglia aspettano l’arrivo di Natalie e Mordi Oknin, una coppia israeliana che è stata imprigionata per aver fotografato il palazzo del presidente turco, a casa della coppia a Modi’in, 18 novembre 2021 (Yossi Aloni/Flash90)

Mercoledì, il ministro della Giustizia Gideon Sa’ar ha affermato che era “chiaro a tutti” che non c’era motivo per le autorità turche di arrestare la coppia.

Oltre agli sforzi diplomatici privati, Israele ha richiesto l’assistenza di un paese terzo nei suoi tentativi di liberare la coppia, ha riferito Haaretz. Secondo quanto riferito, il terzo stato ha lavorato per fare pressione sui leader turchi affinché rilasciassero gli Oknin.

Tuttavia, il portavoce del ministero degli Esteri Lior Hayat ha dichiarato a Radio 103FM che “nessun paese straniero è stato coinvolto in questa soluzione”.

Nel primo commento pubblico di un alto funzionario turco sulla questione, il ministro degli Interni turco Suleyman Soylu ha sostenuto Martedì, la famiglia Oknin si è “concentrata” sulla casa di Erdogan durante le riprese e l’ha “segnata”.

Ha detto ai giornalisti che i pubblici ministeri credevano che gli israeliani avessero commesso “quello che potrebbe essere chiamato spionaggio diplomatico e militare”, ma che “deciderà la corte”.

Mercoledì, i media turchi hanno incluso un’ampia copertura del caso. I media locali in precedenza avevano solo riportato gli arresti, in quello che Israele considerava un segnale positivo, in quanto ridurrebbe la pressione pubblica sui funzionari turchi affinché detenessero la coppia o avanzassero richieste.

La delicata diplomazia è stata più complicata perché i due governi non hanno ambasciatori nei due Paesi a causa delle prolungate tensioni tra Ankara e Gerusalemme.

sei serio lo apprezziamo!

Ecco perché veniamo a lavorare ogni giorno – per fornire ai lettori più esigenti come te una copertura imperdibile di Israele e del mondo ebraico.

Finora abbiamo una richiesta. A differenza di altre testate giornalistiche, non abbiamo messo in atto un paywall. Ma poiché il giornalismo che facciamo è costoso, invitiamo i lettori che The Times of Israel è diventato importante per aiutare a sostenere il nostro lavoro unendosi La comunità di Times of Israel.

Per soli $ 6 al mese, puoi aiutare a sostenere il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel Annunci gratuiti, così come l’accesso a contenuti esclusivi disponibili solo per i membri della comunità di Times of Israel.

Unisciti alla nostra community

Unisciti alla nostra community

sei già un membro? Accedi per non vederlo più

READ  La legge sulla sicurezza di Hong Kong: dopo un anno la città è stata rifatta

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *