Una misteriosa donna con amnesia viene trovata a Krk, in Croazia, confessata dalla coppia a Los Angeles

Due angeli I residenti pensano di aver risolto un enigma Jane Doe croata—Una donna avvolta in un lenzuolo viene trovata su un’isola rocciosa che parla un inglese fluente ma non conosce il suo nome.

Nina Smedt ha detto a The Daily Beast che la donna graffiata presente nelle foto apparse in tutto il mondo questa settimana ha letteralmente lavorato per un’azienda che gestiva nel 2015. È stata collocata lì da un’organizzazione no profit che aiuta senzatettodisse Smidt.

La società operava da un magazzino noto come Second Space nel centro di Los Angeles, e il proprietario Tyler Madsen ha permesso alla donna di vivere lì senza affitto in modo che potesse risparmiare denaro per trasferirsi in Irlanda e vai giù grado scivoloso.

Era davvero una brava lavoratrice, intelligente e aveva un gran cuore.

“Ho riconosciuto subito la donna nella foto”, ha detto Smedt a The Daily Beast martedì sera. “La seconda volta che ho visto la sua foto, l’ho inviata a Tyler per confermare che era lei, cosa che ha confermato”.

Madsen ha detto al Daily Beast di essere certo che la donna fosse la sua ex inquilina e di non averlo visto da quando è partita per l’Irlanda nel luglio 2015.

“Al cento per cento – non ho dubbi che sia stata lei”, ha detto.

Smedt ha detto che quando ha visto la foto lunedì, ha chiamato la polizia in Croazia, che poi ha chiamato l’ambasciata in Slovacchia, da dove viene la donna e ha una famiglia. Ha detto che la polizia le ha detto martedì che l’ambasciata aveva confermato l’identità della donna con i suoi parenti.

READ  Il ministro afghano diventato corriere in bicicletta in Germania

Il Daily Beast non ha annunciato il nome perché i funzionari croati e slovacchi non sono stati immediatamente raggiunti per la conferma. Ma la foto della donna fatta circolare dalla polizia corrisponde a quella della donna che Smedt e Madsen conoscevano e ricordano con affetto. La polizia croata ha detto mercoledì a The Daily Beast che non confermerà positivamente l’identità della donna senza far corrispondere il DNA dei familiari noti perché non è in grado di ricordare la sua identità.

“[She] Ho passato momenti difficili e sfortuna. “Ma era davvero una brava lavoratrice, intelligente e aveva un cuore meraviglioso”, ha detto Smedt.

“Tyler e io siamo preoccupati per la sua sicurezza e speriamo che ora che la sua identità è stata confermata dall’ambasciata, la sua famiglia possa aiutare a scoprire cosa le è successo”.

Madsen, proprietario del magazzino in cui Jane Doe viveva e lavorava, ha aggiunto: “Le nostre interazioni sono sempre state buone. Era una gran lavoratrice e cercava sempre di risparmiare denaro. Penso che stesse cercando di andare in Irlanda e avesse amici lì e era davvero determinato a salvare e raggiungere la sua gente”.

I turisti della Repubblica Ceca hanno riferito ai media locali di aver incontrato la donna il 9 settembre a Drvenik, Makarska, sulla costa dalmata croata. Dissero che veniva dalla Slovacchia, anche se non ricordavano il luogo esatto. Ha detto ai turisti che aveva viaggiato in treno dalla Slovacchia e aveva intenzione di tornare a casa dopo aver viaggiato in Croazia.

“Ci ha raccontato di come ha viaggiato, che è in pensione e che i suoi amici stanno ancora lavorando”, hanno detto i turisti, secondo TN.CZ. “È andata in viaggio da sola. Poiché aveva paura della quarantena per 14 giorni dopo essere tornata in Slovacchia, ha spento il telefono e si è sbarazzata della sua carta SIM. Abbiamo parlato di vaccinazioni che la signora non voleva e aveva paura che al suo ritorno dovrebbe mettersi in quarantena, cosa che anche lei non vuole”.

READ  Shenzhen, CEG Plaza: la gente fugge in preda al panico mentre un grattacielo vacilla in Cina

La donna è stata avvistata a Krk, in Croazia, il 12 settembre da una coppia che stava pescando. La coppia ha chiesto aiuto e la squadra di soccorso ha dovuto utilizzare veicoli fuoristrada e camminare per più di due miglia per raggiungere la donna. La polizia ha poi trovato uno zaino a circa 500 metri da dove si trovava, che conteneva articoli per l’igiene personale ma senza documenti di identificazione. Anche il portafoglio interno era vuoto – niente contanti o carte di credito – ma hanno detto che sembrava una borsa da donna. La polizia non ha confermato se stanno indagando sull’incidente come un furto con scasso.

Un funzionario di polizia croato ha detto al Daily Beast che all’inizio di questa settimana sospettavano che la donna potesse provenire dall’Europa dell’Est in base ai vestiti che indossava, ma che parlava inglese con un accento di “Queens of English”. La polizia dice che era confusa, ma la coppia ceca ha detto che quando l’hanno incontrata, non lo era. “Era molto intelligente, ci ha detto che aveva trascorso un po’ di tempo in Inghilterra, quindi parlava un buon inglese”, ci hanno detto, aggiungendo che parlava slovacco con loro e non aveva graffi sul viso. “È stata solo morsa dalle zanzare e si è lamentata molto di loro e ha detto che se avesse saputo di loro, non sarebbe andata in Croazia”.

Anche se alla domanda sull’identità della donna potrebbe essere stata data una risposta, i funzionari non sanno ancora perché o come sia finita a Krk – o come sia sopravvissuta in un’area brulicante di predatori. Né c’è una risposta chiara sul motivo per cui nessuno ha denunciato la sua scomparsa o l’ha cercata. Il suo nome non compare in nessuna lista internazionale di persone scomparse.

READ  Il principe Harry torna in California, saltando il compleanno della regina

Estremamente disidratata ed emaciata, aveva squame insanguinate a causa di profondi graffi sul viso, ma non aveva tagli ai piedi come ci si aspetterebbe da qualcuno che arrivasse sull’isola attraverso la costa rocciosa.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *