Una settimana sotto il governo dei talebani, uno sguardo in una città su cosa potrebbe riservare il futuro

Era il suo primo giorno come sindaco di Kunduz nominato dai talebani, e Gul Muhammad Elias era sull’offensiva della magia.

Domenica, gli insorti hanno sequestrato la città del nord dell’Afghanistan, che era nel caos dopo settimane di combattimenti. Le linee elettriche erano cadute. L’approvvigionamento idrico alimentato dal generatore non ha raggiunto la maggior parte della popolazione. Immondizia e macerie erano disseminate per le strade.

I funzionari pubblici che potevano risolvere questi problemi si nascondevano nelle loro case, spaventati dai talebani. Così il comandante ribelle diventato sindaco convocò alcuni nel suo nuovo ufficio, convincendoli a tornare al lavoro.

“Ho detto che la nostra jihad non è con il comune, la nostra jihad è contro gli occupanti e coloro che difendono gli occupanti”, ha detto Elias al New York Times per telefono.

Ma giorno dopo giorno, mentre gli uffici comunali rimanevano per lo più vuoti, Il signor Elias divenne più frustrato e il suo discorso si fece più duro.

I combattenti talebani hanno iniziato ad andare porta a porta alla ricerca dei lavoratori assenti della città. Centinaia di uomini armati hanno istituito posti di blocco in tutta la città. All’ingresso dell’ospedale regionale è apparso sul muro un nuovo avviso: il personale deve tornare al lavoro o subire la punizione dei talebani.

Solo una settimana dopo la caduta di Kunduz – la prima di una serie di città che i talebani hanno catturato con sorprendente velocità – gli insorti hanno ora il controllo de facto dell’Afghanistan. Ora devono agire come amministratori in grado di fornire servizi essenziali a centinaia di migliaia di persone.

L’esperienza di quelli di Kunduz offre uno sguardo su come governavano i talebani e cosa potrebbe riservare al resto del paese.

In pochi giorni, i ribelli, frustrati dai loro tentativi falliti di convincere i dipendenti pubblici a tornare al lavoro, hanno iniziato a seminare terrore, secondo i residenti raggiunti per telefono.

Tre giorni dopo che i talebani presero il controllo di Kunduz, Atiqullah Omarkhel, un impiegato del governo, ha ricevuto una telefonata da un combattente ribelle che gli ordinava di andare nel suo ufficio. Ha detto che il sindaco di Kunduz voleva parlargli.

Il signor Amerkhel è rimasto a casa sua da quando le forze governative si sono ritirate, quando i ribelli si sono riversati nelle strade e un senso di disagio ha prevalso nella città colpita. Aveva avuto un momento simile due volte prima, quando i talebani erano stati brevemente… Ha catturato Kunduz nel 2015 e Nel 2016. Entrambe le volte, i ribelli furono respinti con l’aiuto degli attacchi aerei statunitensi.

Ma questa volta, giorni dopo che i talebani hanno preso il controllo, l’intera forza dell’esercito afghano incaricata di riconquistare la città si è arresa agli insorti. Hanno consegnato le loro armi e veicoli in un forte segnale che Kunduz non sarebbe stato salvato.

Quando il signor Al-Omarkhel è arrivato all’ufficio municipale, il vasto complesso sembrava non essere stato toccato dalla guerra.

I veicoli del governo, i camion della spazzatura e i computer erano tutti esattamente dove li aveva lasciati prima che i talebani prendessero il potere, e i giovani combattenti – noti per aver saccheggiato le città che hanno catturato – si sono riversati in città. L’unico segno di cambiamento sono stati gli spazi vuoti sui muri dove si trovavano i ritratti del presidente Ashraf Ghani. Invece, sono state appese bandiere bianche talebane.

All’interno dell’edificio, il sig. Amerkhel è stato raggiunto da otto dipendenti comunali e dal sig. Elias, il leader talebano, che si è presentato come il nuovo sindaco.

Il giovane con la barba lunga, il signor Elias, ha assicurato loro che non sarebbero stati presi di mira dai talebani e ha ordinato loro di tornare a lavorare per migliorare il morale della gente. Ha condiviso il suo numero di cellulare, chiedendo loro di chiamare se avessero avuto problemi con i combattenti talebani.

READ  Manca la bottiglia di whisky da 5.800 dollari che il Giappone ha regalato a Pompeo

Il signor Amerkhel, che è stato intervistato per telefono, ha citato il signor Elias dicendo: “Abbiamo preso la città e ora possiamo assicurare alla gente che forniremo i servizi di base”.

Nel mezzo dell’incontro, un negoziante ha supplicato una guardia del corpo talebana di vedere il sindaco. Come centinaia di altri, il suo stand è stato per lo più distrutto da un incendio durante il recente attacco dei talebani. Ha detto che i negozianti, temendo che ciò che restava dei loro negozi sarebbe stato saccheggiato, volevano promettere ai talebani che sarebbero potuti tornare al mercato per prendere le loro cose al sicuro, ha detto Amerkhel.

Il sindaco ha ottemperato, offrendo anche un rimborso per il taxi e il biglietto dell’autobus che avevano speso per trasportare le loro merci, secondo il signor Amerkhel.

Il resto della giornata, il signor Elias ha incontrato altri dirigenti municipali, nel tentativo di ripristinare i servizi.

Ha chiesto che la Water and Sanitation Corporation di proprietà statale riprenda l’approvvigionamento idrico. Quando un manager gli ha detto che le linee elettriche dovevano essere riparate prima, ha detto al manager del dipartimento elettrico di costringere i suoi dipendenti a tornare.

Al ministero della Sanità locale, il nuovo direttore talebano ha trasmesso lo stesso messaggio al personale ospedaliero. I combattenti ribelli hanno fornito acqua agli operatori sanitari e hanno dato 500 afgani – circa sei dollari – a ciascuna delle guardie dell’ospedale per pagare la cena quella sera.

Ci sono stati dei progressi. I camion del governo hanno iniziato a rimuovere la spazzatura dalle strade e gli operai hanno riparato le linee elettriche. Ma la nuova normalità è arrivata con un senso di ansia.

Quasi tutti i negozi di Kunduz sono stati chiusi. Temendo che i combattenti talebani saccheggiassero i loro negozi, i negozianti portarono a casa la loro merce. Ogni pomeriggio, le strade erano vuote di residenti, che temevano attacchi aerei mentre gli aerei del governo si libravano nel cielo. Circa 500 combattenti talebani sono di stanza in tutta la città, installando posti di blocco a quasi ogni angolo di strada.

READ  Il direttore dell'Associated Press difende l'espulsione di uno scrittore filo-palestinese nonostante la reazione del personale: la nostra credibilità è stata "testata"

“Le persone hanno paura, non sono felici e se qualcuno dice che le persone sono felici, sta mentendo”, ha detto un dipendente della Direzione della sanità pubblica. “Tutti si chiedono cosa accadrà al nostro futuro?”

Alla fine della settimana, i timori di molti residenti erano stati realizzati.

All’ospedale regionale, i combattenti talebani hanno sequestrato un elenco di numeri di telefono e indirizzi di casa dei dipendenti e hanno iniziato a chiamarli, chiedendo loro di tornare al lavoro, ha detto un operatore sanitario, che ha preferito rimanere anonimo per motivi di sicurezza.

Un altro, che era fuggito a Kabul, ha ricevuto una telefonata da un combattente talebano che gli chiedeva di tornare al lavoro. Ha preso l’autobus per Kunduz a mezzanotte ed è andato direttamente all’ospedale quando è arrivato.

All’ospedale, uomini armati talebani stavano osservando il pubblico. Per paura, ha detto l’operatore sanitario, il personale femminile indossava il burqa azzurro cielo mentre assisteva negli interventi chirurgici e subiva lesioni a causa degli attacchi aerei, che ancora dividono la città ogni pomeriggio.

L’operatore sanitario ha detto: “All’interno dell’ospedale sono armati e nel cortile dell’ospedale sono armati”. “Anche i talebani malati vengono ricoverati con armi”.

Al municipio, il signor Elias ha convocato un’altra riunione di funzionari pubblici mercoledì, questa volta con combattenti armati al suo fianco. Ai direttori della stampa è stato chiesto di rimanere a casa, così come le donne che lavorano nel governo. Il nuovo sindaco ha annunciato il divieto di vendita di bevande alcoliche e pollo congelato non halal. Il rigido governo dei talebani sembrava essere tornato.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *