Una società scientifica afferma che riporterà in vita il mammut lanoso

È l’elefante nella stanza della genomica: le specie estinte possono essere riportate in vita? Una società di bioscienze insiste di poterlo fare, annunciando la sua intenzione di utilizzare la tecnologia emergente per riportare i mammut lanosi nella tundra artica.

La nuova società, Colossal, che beneficia di una partnership con un genetista di Harvard, ha affermato che gli sforzi per “de-estinzione” delle specie hanno il potenziale per stabilire un modello di business per ripristinare gli ecosistemi danneggiati o persi e quindi aiutare a rallentare o addirittura arrestare gli effetti di cambiamento climatico.

“Mai prima d’ora l’umanità è stata in grado di sfruttare la potenza di questa tecnologia per ricostruire gli ecosistemi, guarire la nostra Terra e preservare il suo futuro rimpatriando animali estinti”, ha affermato Ben Lamm, CEO e co-fondatore di Colossal, un imprenditore tecnologico emergente. Permesso.

“Oltre a riportare in vita antiche specie estinte come il mammut lanoso, saremo in grado di sfruttare le nostre tecnologie per aiutare a conservare le specie in pericolo di estinzione che sono sull’orlo dell’estinzione e ripristinare gli animali in cui la razza umana ha avuto un ruolo nella loro scomparsa .”

I mammut lanosi vagavano per gran parte dell’Artico, coesistendo con i primi umani che cacciavano erbivori resistenti al freddo per il cibo e usavano le loro zanne e ossa come strumenti.

Gli animali si estinsero circa 4.000 anni fa. Per decenni, gli scienziati hanno recuperato frammenti di zanne, ossa, denti e capelli di mammut per estrarli e cercare di sequenziare il DNA del mammut.

Colossal afferma che mira a inserire sequenze di DNA di mammut lanosi, raccolte da resti ben conservati di permafrost e steppe ghiacciate, nel genoma degli elefanti asiatici, per creare un “ibrido tra un elefante e un mammut”.

READ  L'action-RPG Stray Blade è stato riconfezionato e promette di essere rilasciato nel 2022

Colossal afferma sul suo sito Web che elefanti asiatici e mammut lanosi condividono una composizione del DNA simile del 99,6%.

Il co-fondatore dell’azienda, George Church, è un rinomato genetista e professore di genetica alla Harvard Medical School, e utilizza tecnologie pionieristiche, tra cui CRISPR, per promuovere l’eradicazione della specie.

“Le tecnologie che sono state scoperte nel perseguimento di questa grande visione – un agente vivente e una camminata per un mammut lanoso – possono creare opportunità di conservazione molto importanti e oltre”, ha affermato Church nella dichiarazione.

Gli estesi schemi migratori del mammut lanoso erano considerati essenziali per mantenere la salute ecologica dell’Artico.

Colossal afferma che il recupero dei mostri ha il potenziale per rivitalizzare le praterie artiche, una vasta regione con proprietà chiave per combattere i cambiamenti climatici, come il sequestro del carbonio e la soppressione del metano.

Colossal è finanziato in parte da un giro iniziale di 15 milioni di dollari di investitori e afferma che i suoi consulenti includono leader in bioetica e genomica.

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *