Variante Covid beta: ecco cosa sappiamo

Inghilterra Quasi tutto sollevato Dalle sue restrizioni epidemiologiche di lunedì, cosa che hanno fatto alcuni britannici L’hanno elogiato come “Giornata della Libertàيوم. Tuttavia, il governo britannico ha fatto una notevole eccezione: le persone che viaggiano in Inghilterra dalla Francia Devi continuare ad essere in quarantena Quando arrivano, anche se sono completamente vaccinati.

I funzionari hanno affermato che la regola, che è stata annunciata venerdì, è stata motivata dalle preoccupazioni sulla presenza di una variante beta del coronavirus in Francia ed è intesa come misura precauzionale.

“Anche se i vaccini ci aiutano a ribaltare la situazione contro questo virus, dobbiamo continuare a procedere con cautela”, ha affermato la dott.ssa Jenny Harris, amministratore delegato dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito. Ha detto in una dichiarazione di venerdì. “Ciò significa mantenere le nostre difese contro nuove variabili e proteggere i sudati progressi attraverso il rilascio di vaccinazioni eccezionali”.

Ecco le risposte ad alcune domande comuni sulla variante beta.

variante beta, precedentemente nota come B.1.351, È stato scoperto per la prima volta in Sudafrica l’anno scorso. contiene diverse mutazioni, in una proteina chiamata spike, aiuta il virus a legarsi più saldamente alle cellule umane.

Contiene anche la mutazione E484K, a volte nota come mutazione “Eek”, che sembra aiutare il virus a eludere parzialmente gli anticorpi. Questa mutazione è apparsa indipendentemente in più varianti, inclusa la gamma, che è apparsa in Brasile, e In alcuni campioni alfa, identificato per la prima volta in Gran Bretagna.

Sia l’Organizzazione mondiale della sanità che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno classificato beta come una “variabile preoccupante”.

READ  Jacob Zuma, ex presidente sudafricano, è stato arrestato

Scienziati e funzionari sanitari si sono preoccupati per la beta perché si è diffusa rapidamente in tutta l’Africa meridionale e la ricerca ha indicato che alcuni vaccini erano meno potenti contro di essa.

A febbraio, ad esempio, Il Sudafrica ha smesso di usare Dopo gli studi clinici, il vaccino AstraZeneca-Oxford ha suggerito che il vaccino non forniva una buona protezione contro le malattie lievi o moderate causate dalla beta. (Ricerche successive hanno indicato che molti dei vaccini approvati offrono una forte protezione contro le malattie gravi causate dalla variante, tuttavia.) Sul vaccino AstraZeneca, il che potrebbe spiegare la sua cautela sulla versione beta.

Alcuni trattamenti con anticorpi monoclonali È anche meno efficace contro la variante, anche se esistono altre terapie anticorpali autorizzate sembra funzionare bene contro di esso.

La capacità della beta di legarsi strettamente alle cellule umane può renderle più trasmissibili; CDC Note Sembra essere il 50% più contagioso del ceppo originale del virus. Tuttavia, non sembra essere contagioso come Delta.

La versione beta è stata ora segnalata come versione beta 123 paesi, ma è ancora meno diffuso di Delta.

Inizialmente, Beta si diffuse ampiamente in tutto il Sud Africa, dove un tempo costituiva più di 95% dei campioni di virus sequenza nel paese.

Non è più dominante. Nelle ultime quattro settimane, la versione beta ha catturato solo il 5,6% dei campioni di virus sequenziati in Sudafrica, Secondo GISAID, un archivio di genomi virali. (Questa diminuzione è probabilmente dovuta all’arrivo della variante delta altamente contagiosa, che ora rappresenta il 77,6 percento delle sequenze.)

READ  La censura cinese si allarga alla miserabile industria cinematografica di Hong Kong, con ripercussioni globali

Secondo GISAID, nelle ultime quattro settimane, la variante ha rappresentato anche il 3,7% dei campioni di virus sequenziati in Francia. È particolarmente comune a Réunion, un’isola francese nell’Oceano Indiano dove Beta rappresenta il 31,2% delle sequenze.

beta non comune Negli Stati Uniti, rappresenta solo lo 0,1 percento delle infezioni, secondo le stime del CDC. È stato scoperto in Gran Bretagna, ma rappresenta una piccola percentuale di infezioni lì.

I vaccini sembrano essere meno potenti contro la beta rispetto ad altre versioni del virus. Ma gli studi suggeriscono che due dosi di molti vaccini ampiamente utilizzati dovrebbero fornire una forte protezione.

Studi condotti in Qatar, dove la variante beta rappresentava la metà di tutte le infezioni l’ho trovato Due dosi del vaccino di Pfizer sono efficaci dal 72 al 75% nel prevenire l’infezione beta, che è un grado di protezione inferiore rispetto a quello offerto dai colpi contro altre varianti. Ma entrambi Pfizer E i vaccini Moderna Offri una protezione potente contro i peggiori risultati; Un ciclo completo di entrambi i vaccini è risultato efficace per oltre il 95% nel prevenire malattie gravi e morte.

“Sebbene Pfizer fosse efficace solo al 75% contro la beta, quindi la superinfezione con beta non è rara, questa superinfezione è lieve ed è molto raro che una persona completamente vaccinata abbia bisogno di un ricovero grave o muoia dopo l’infezione. Con l’hacking beta”, Laith Abu -Raddad, un epidemiologo infettivo della Weill Cornell Medicine in Qatar, che ha guidato i due studi, ha detto in una e-mail.

In un’ulteriore buona notizia, ha aggiunto, “non vi è alcuna indicazione” che la protezione offerta da questi vaccini contro la beta sia diminuita nei primi mesi dopo l’iniezione.

READ  La polizia scopre un composto segreto collegato al sospettato nel caso Madeleine McCann

In uno studio clinico sudafricano, condotto quando la beta era dominante, il vaccino Johnson & Johnson Il tasso di efficacia era Del 64% in totale, ma dell’82% efficace nel prevenire malattie gravi.

You May Also Like

About the Author: Michele Monaldo

"Studente devoto. Nerd certificato di Internet. Fan dei social media. Esperto di cultura pop. Studioso di bacon impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *