Vincent di “Koh-Lanta” testimonia le molestie subite in gioventù

È tornato su questo doloroso episodio della sua vita in un’intervista a Youtube Germstar.

Nella sua testimonianza alla piattaforma anti-bullismo Youtubeur Jeremstar, Vincent ha parlato del bullismo scolastico e delle prese in giro che ha subito durante la sua giovinezza. Vincent era un avventuriero leale, onesto e diretto nella sua scarpa “Koh-Lanta”, e ha così influenzato gli spettatori che è diventato uno dei preferiti dello spettacolo. La sua eliminazione ha deluso i fan dello spettacolo, che speravano di vederlo andare ancora oltre.

Sebbene ora sia fedele ai suoi valori e fiducioso in se stesso, non è sempre stato così. È stato particolarmente preso di mira da altri studenti a causa del modo in cui si esprime, secondo CNews. Questo è quello che ha spiegato nel video: Era davvero complicato a scuola. Sono sempre stato distaccato dagli altri perché penso di avere una personalità in cui sono perfettamente educato. Quindi sono stato subito visto come una persona leggermente diversa. E con questo, stavo ridendo un po ‘alle medie e alle superiori. Sono stato emarginato per tutto il tempo, ho subito insulti e scherno e affrontarlo è stato molto complicato. Più passa il tempo, peggio diventa. È stato un periodo difficile e ho brutti ricordi ».

« Mi vergognavo di chi sono. Avevo una personalità diversa, secondo altri. Non mi sentivo affatto diverso, ma era così, insulti per tutto il tempo: cazzo grande, grande pedale. Non mi sentivo diverso ma stavo secondo gli altri. Non è stato facile, avevo paura di andare a lezione. (…) Non ne ho nemmeno sofferto. Vorrei solo che tutti fossero calmi. Stavo esaminando la cosa e stavo aspettando che accadesse
“Il giovane testimonia con emozioni.

READ  Met Gala 2021: dopo due anni di assenza, New York ha ritrovato il suo appuntamento molto regolare

Da un lato, la sua partecipazione a “Koh-Lanta” è stata una grande esperienza per Vincent, spiega: ” Questa era la prima volta che si sentiva bene in un gruppo, poiché si sentiva accettata. Man mano che progredivo sul lavoro, sentivo di essere ancora nella mia squadra, che le cose stavano andando bene ed era comunque una vera vittoria. ».

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *