Vivo ha brevettato uno smartphone con all’interno un minuscolo drone con fotocamera

Molti usano il loro smartphone per catturare qualsiasi cosa ovunque, a volte anche in luoghi e situazioni difficili o pericolose. Una cosa che i nostri potenti smartphone non saranno mai in grado di fare è scattare foto aeree, almeno non senza l’aiuto di un drone o di un altro metodo di volo. Mai dire mai, dicono, e Vivo sembra pensare a qualcosa per risolvere questo problema. Il suo ultimo brevetto mostra uno smartphone dotato di un drone quad-rotore che scatta foto dall’alto, proprio come nei film.

Come di solito accade con molti brevetti, l’idea è semplice, ma la sua implementazione diventerebbe sicuramente la leggenda dell’ingegneria e della produzione se funzionasse. L’immagine di un drone che scivola dal telefono per scattare foto di luoghi in cui non puoi andare in sicurezza potrebbe potenzialmente tradursi in foto di fantascienza o film di spionaggio in cui oggetti di uso quotidiano nascondono altre cose, non cose ordinarie.

Secondo il brevetto Segnalato da LetsGoDigitalIl sistema di telecamere nascoste include quattro ventole, tre sensori a infrarossi, due telecamere e la propria batteria. Una delle telecamere è rivolta in avanti mentre l’altra è rivolta verso l’alto, anche se è vero che sarebbe più utile se fosse rivolta verso il suolo. I sensori a infrarossi sono rivolti verso le restanti tre direzioni cardinali e possono essere utilizzati per evitare ostacoli e navigare.

Le foto che evoca possono sembrare belle, ma può essere potenzialmente un incubo smettere. Anche il drone con fotocamera più piccolo di oggi è più spesso di uno spesso smartphone, soprattutto quando include le eliche. Avere qualcosa di simile all’interno di uno smartphone significa anche meno spazio per altri componenti essenziali, in particolare la batteria. Il brevetto in realtà non specifica se il sistema di telecamere del drone è utile mentre si è al chiuso, il che significa che è spazio sprecato quando non è in uso.

READ  Google sta uccidendo un'altra delle sue app, ma questa probabilmente vale la morte: BGR

Certo, è solo un brevetto senza alcuna garanzia che si trasformi in un prodotto reale, ma l’idea è comunque interessante e interessante. Non si sa dove saremo tra 10 o 20 anni in termini di tecnologie per smartphone e droni. Potrebbe diventare un prodotto più ragionevole e fattibile in un futuro non troppo lontano, e quando ciò accadrà, Vivo detiene già un brevetto per possederlo.

You May Also Like

About the Author: Jemma Romani

"Creatore. Piantagrane. Lettore. Nerd televisivo. Sostenitore orgoglioso della birra. Impossibile scrivere con i guantoni da boxe. Introverso. Praticante zombi certificato. Pensatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *